Riforma del catasto: possibile proroga - delega fiscale


« Torna alla pagina delle notizie

La riforma del catasto, la cui attuazione è ormai attesa da diversi mesi, non riuscirà probabilmente ad entrare in vigore  nei tempi inizialmente annunciati, ossia tra il 20 febbraio (presentazione decreti tra cui quello catastale) ed il 26 marzo (scadenza della delega fiscale).

Secondo il Sole 24 Ore infatti, sarebbe materialmente  e tecnicamente impossibile fare i due passaggi tra Governo e commissioni parlamentari nei pochi giorni disponibili tra il 20 febbraio ed il 26 marzo 2015, anche alla luce dei molteplici dubbi circa gli effettivi criteri estimativi e le ripercussioni fiscali.

Daniele Capezzone (presidente  commissione finanze della camera e copresidente della mini bicamerale), ha precisato che appare impensabile che la riforma del catasto venga basata su valori presunti (dalle compravendite) o peggio senza assicurare l'invarianza di gettito a livello comunale (come spesso annunciato). Questi dubbi non consentirebbero infatti di rientrare nella delega fiscale, e sarebbe motivo di sicure opposizioni.

 

Si prospetta dunque un temporaneo sospiro di sollievo quantomeno per le tasche dei contribuenti, soprattutto di quei comuni e zone in cui gli aumenti degli estimi catastali, comporteranno un considerevole aumento, se non una vera e propria moltiplicazione, dei tributi dovuti sulla casa e sulle proprietà immobiliari in genere.

 

D'altra parte, se come piu' volte annunciato dalle istituzioni, la riforma del catasto non influirà sul gettito fiscale, quantomeno nella fase iniziale, appare inutile forzare l'entrata in vigore della riforma entro i tempi annunciati.

Infatti, se da un lato questa "puntualità" gioverebbe all'immagine ed alle promesse del Governo, dall'altro rischia di  vedere approvato un provvedimento caotico e senza basi certe, che dovrebbe in ogni caso essere rivisto quantomeno sugli aspetti tecnici ed estimativi dei valori catastali, nonche' sulle modalità di comunicazione dei dati catastali tra contribuente e agenzia delle entrate, altro aspetto ancora da chiarire..