Stampa

Ridotti i termini di iscrizione degli avvocati agli elenchi del gratuito patrocinio

Articolo stampato da www.overlex.com - Portale giuridico
Copyright © 2004-2005 www.overlex.com - Tutti i diritti riservati

Pubblicato da : Avv. Federica Molin

Data: 17/02/2005
Approvato il 15.02 in via definitiva dalla Camera dei Deputati il disegno di legge che modifica alcune regole in materia di gratuito patrocinio.
La fondamentale innovazione operata dal disegno di legge consiste nei requisiti richiesti all'avvocato per l'iscrizione negli elenchi dei difensori per il patrocinio a spese dello Stato.
Infatti, contrariamente a quanto disposto finora, saranno sufficienti due anni di esercizio professionale e relativa iscrizione all'albo degli avvocati per l'inserimento negli elenchi per il patrocinio a spese dello Stato tenuto dai Consigli degli Ordini forensi (fino ad oggi occorrevano sei anni di iscrizione all'albo).
Per quanto attiene poi agli altri requisiti richiesti, rimane l'assenza di sanzioni disciplinari superiori all'avvertimento inflitte nei cinque anni precedenti alla domanda e la valutazione specifica dell'esperienza professionale.
Le attitudini e l'esperienza del richiedente verranno vagliate con specifico riferimento all'attività svolta in più settori ed ambiti,ovvero in processi civili, penali, di volontaria giurisdizione, contabili, tributari, amministrativi.
Gli elenchi - che naturalmente sono pubblici - verranno tenuti ed rinnovati dai Consigli dell'Ordine degli avvocati territorialmente competente entro il 31 gennaio di ogni anno.
Le nuove norme, inoltre, attribuiscono al cittadino avente diritto al patrocinio a spese dello Stato la facoltà di scegliere il professionista anche al di fuori dell'elenco tenuto dal Consiglio dell'Ordine del distretto di Corte d'Appello ove ha sede il Giudice competente.
E, di conseguenza, medesima possibilità è prevista per la nomina del sostituto del difensore e dell'investigatore.
Tuttavia, nell'ipotesi di nomine effettuate fuori dal distretto di Corte d'Appello territorialmente competente, non saranno rimborsate le spese e le indennità di trasferta previste dalle tariffe professionali.


Articolo stampato da www.overlex.com - Portale giuridico
Copyright © 2004-2005 www.overlex.com - Tutti i diritti riservati

Pubblicato da : Avv. Federica Molin