Stampa

Il contratto di crociera turistica

Articolo stampato da www.overlex.com - Portale giuridico
Copyright 2004-2005 www.overlex.com - Tutti i diritti riservati

Pubblicato da : Dott. Agostino Saviano

Data: 26/04/2010

Il contratto di crociera turistica è il contratto mediante il quale un soggetto (organizzatore della crociera) si obbliga a trasportare un altro soggetto (crocierista) per un viaggio di piacere, in genere circolare, fornendogli numerose altre prestazioni, quali il vitto, la sistemazione in cabina, gli spettacoli e varie forme di intrattenimento, le viste guidate, le escursioni, ecc.

Si tratta di un contratto atipico, in cui la prestazione dei vari servizi risulta preordinata al raggiungimento del fine turistico-ricreativo, che caratterizza il contratto ed è ulteriore rispetto al mero trasferimento del passeggero da un luogo ad un altro.

Il soggetto, che organizza la crociera, può essere lo stesso armatore della nave, oppure, di regola, un'agenzia di viaggi o un operatore specifico (organizzatore di crociere).

L'organizzatore di crociere predispone e offre ai clienti un complesso di prestazioni, la cui risultante è la crociera in senso proprio; egli non fornisce direttamente tali prestazioni, ma se le procura da terzi fornitori (armatore, guide turistiche, operatori dello spettacolo, ristoratori, ecc.), tramite contratti stipulati con i medesimi.

In particolare, l'effettuazione del trasporto viene affidata ad un armatore in base allo schema contrattuale del charte per il trasporto di persone con nolo convenuto in maniera fissa (lumpsum), a prescindere dal numero effettivo dei passeggeri imbarcati. L'armatore si obbliga nei confronti dell'organizzatore ad effettuare un viaggio a determinate condizioni e con una nave determinata; egli, emettendo il biglietto di passaggio nei confronti di ciascun crocierista, assume verso il medesimo le vesti di vettore.

Infine, l'evenienza che l'organizzatore di crociera realizza la combinazione di più prestazioni turistiche, fra le quali il trasporto, determina la riconduzione del contratto di crociera turistica nella figura del contratto di viaggio turistico, ossia di un appalto di servizi, oggi divenuto contratto tipico, retto dalla CCV e dal d.lgs. 17 marzo 1995, n. 111.

Ciò consente di considerare l'organizzatore di crociere responsabile nei confronti del cliente per l'inadempimento di tutti gli obblighi assunti con il contratto di crociera, compresi quelli relativi alle singole prestazioni svolte da terzi, nonchè per i sinistri verificatisi nel corso e a causa della fruizione delle prestazioni rese.


Articolo stampato da www.overlex.com - Portale giuridico
Copyright 2004-2005 www.overlex.com - Tutti i diritti riservati

Pubblicato da : Dott. Agostino Saviano