Stampa

Reati pubblici ufficiali: malversazione a danno dello Stato art 316 bis cp

Articolo stampato da www.overlex.com - Portale giuridico
Copyright © 2004-2005 www.overlex.com - Tutti i diritti riservati

Pubblicato da : Avv. Alessandro Amaolo

Data: 23/07/2008

Il delitto della malversazione a danno dello Stato, di cui all’art. 316 bis c.p.

Il delitto della malversazione a danno dello Stato, di cui all’art. 316 bis c.p., è stato aggiunto dall’art. 3 Legge 26 aprile 1990, n. 86, recante modifiche in tema di delitti dei pubblici ufficiali contro la pubblica amministrazione.
Pertanto, il testo dell’art. 316 bis codice penale (Malversazione a danno dello Stato) è il seguente: “Chiunque, estraneo alla pubblica amministrazione, avendo ottenuto dallo Stato o da altro ente pubblico o dalle Comunità europee(1) contributi, sovvenzioni o finanziamenti destinati a favorire iniziative dirette alla realizzazione di opere o allo svolgimento di attività di pubblico interesse, non li destina alle predette finalità, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni”.
Dalla lettura del predetto articolo si evince che si tratta di un reato comune, ove il soggetto attivo può essere qualsiasi privato estraneo alla pubblica amministrazione. Più in particolare, il soggetto attivo deve necessariamente essere estraneo alla pubblica amministrazione ossia non deve essere un pubblico ufficiale o un incaricato di un pubblico servizio.
Invece, il soggetto passivo del delitto di cui all’art. 316 c.p. è l’organismo pubblico che ha erogato il finanziamento (Stato, Regione, Provincia, Comune, un ente pubblico o le Comunità europee).
Inoltre, il bene giuridico protetto dalla fattispecie penale incriminatrice della “Malversazione a danno dello Stato” è costituito dagli interessi economici e finanziari della Pubblica Amministrazione. Più in dettaglio, la norma si prefigge la finalità di tutelare il buon andamento della Pubblica Amministrazione sotto il particolare profilo della corretta gestione ed allocazione delle risorse pubbliche.
Quindi, l’elemento psicologico del reato in oggetto viene rappresentato dal dolo generico e consiste nella cosciente e volontaria distrazione dei contributi pubblici ottenuti, dalle finalità per le quali erano stati previsti, al fine di perseguire degli scopi che sono incompatibili con il pubblico interesse.
Inoltre, è un reato senza evento naturalistico, di danno, di mera condotta (omissiva) ed a forma libera, in quanto la legge non tipizza le modalità della sua esecuzione, dove il tentativo è ammissibile. La condotta omissiva di questo delitto consiste nel non destinare i contributi, le sovvenzioni oppure i finanziamenti ricevuti alle finalità di pubblico interesse, per cui erano stati erogati.
L’oggetto materiale del reato di cui in oggetto viene rappresentato dai contributi, dalle sovvenzioni e dai finanziamenti destinati dallo Stato, da altro ente pubblico, dalle Comunità Europee, a favorire iniziative dirette alla realizzazione di opere o allo svolgimento di attività di pubblico interesse. Più in dettaglio, si osserva che i contributi e le sovvenzioni costituiscono attribuzioni patrimoniali a fondo perduto mentre, invece, i finanziamenti sono degli atti negoziali generalmente caratterizzati da un obbligo di restituzione totale o parziale. Inoltre, si deve rilevare, altresì, che le predette erogazioni di somme di denaro devono essere concesse a condizioni più favorevoli di quelle di mercato.
Tuttavia, si osserva, altresì, che l’elemento oggettivo del reato di cui all’art. 316 bis c.p. (Malversazione a danno dello Stato) si compone di un presupposto e della condotta. Il presupposto consiste nell’avere l’agente, estraneo alla pubblica amministrazione, ottenuto dallo Stato o da altro ente pubblico un contributo, una sovvenzione o un finanziamento destinati a una determinata finalità pubblica. La condotta consiste nell’avere distratto(2), anche parzialmente, la somma ottenuta dalla predetta finalità, senza che rilevi che l’attività programmata si sia comunque svolta. (Cassazione penale, sezione VI, sentenza 17 settembre 1998, n. 9881)
Inoltre, il delitto(3) previsto dall’art. 316 bis c.p. – che consiste nella elusione del vincolo di destinazione gravante sui finanziamenti erogati per la realizzazione di una determinata finalità pubblica – si perfeziona nel momento in cui si attua la mancata destinazione dei fondi allo scopo per il quale erano stati ottenuti. (Cassazione penale, sezione VI, sentenza 28 novembre 2002, n. 40375)
Restano ancora da analizzare, per completezza espositiva, gli aspetti procedurali del reato di cui in oggetto. Pertanto, si tratta di un reato di competenza del Tribunale in composizione collegiale (art. 33-bis) che è procedibile d’ufficio (art. 50 c.p.p.) dove la misura precautelare del fermo di indiziato di delitto viene consentita (art. 384 c.p.p.), così come anche viene consentito l’arresto facoltativo in flagranza di reato (art. 381 c.p.p.). Tuttavia, sono consentite tutte le altre misure cautelari personali coercitive, interdittive (art. 280 c.p.p., 287 c.p.p.) e reali (art. 321 c.p.p.).
In riferimento ai rapporti con altri reati si osserva che il reato di cui all’art. 316 bis c.p. (malversazione in danno dello Stato) e quello di cui all’art. 640 bis stesso codice (truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche) ben possono concorrere fra loro, atteso che la prima delle due norme anzidette, avendo come scopo quello di reprimere le frodi successive al conseguimento di prestazioni pubbliche (frodi attuate non destinando i fondi ottenuti alle finalità per le quali essi sono stati erogati), non postula che quelle prestazioni siano state ottenute con artifizi o raggiri, mentre questi ultimi sono necessari ai fini della configurabilità dell’altro reato, consistente nel procurarsi con la frode prestazioni alle quali non si avrebbe diritto, ottenute le quali vi è soltanto l’eventualità che esse vengano destinate a scopi diversi, così realizzandosi anche la violazione dell’art. 316 bis c.p. (Cassazione penale, sezione I, sentenza 7 novembre 1998, n. 4663)
Per quel che concerne il regime delle circostanze, si deve affermare che se il fatto criminoso è di particolare tenuità si applica la circostanza attenuante speciale di cui all’art. 323bis c.p., così come anche le circostanze attenuanti comuni previste dagli artt. 62, n. 4 e 62, n. 6 c.p.
In conclusione, la ratio legis della norma è proprio quella di evitare le frodi successive alla concessione di erogazioni pubbliche, ottenute per perseguire uno scopo di interesse generale che risulterebbe vanificato da una modificazione del vincolo di destinazione.


(1) Le parole “o dalle Comunità europee” sono state inserite dall’art. 1 della Legge 7 febbraio 1992, n. 181, in tema di delitti contro la pubblica amministrazione.

(2) Integra il reato di malversazione previsto dall’art. 316 bis c.p., la condotta di chi, ottenuta la concessione di un contributo previsto dal Regolamento CEE per la ristrutturazione a fini agrituristici di fabbricati rurali, dia ai fondi erogati una diversa destinazione, dovendo ritenersi che l’interesse pubblico dell’opera o dell’attività da realizzare, cui si riferisce la norma incriminatrice, sia diretta conseguenza della provenienza pubblica del finanziamento agevolato. Cassazione penale, sezione VI, sentenza 10 dicembre 2003, n. 47311

(3) Il momento consumativo del reato di malversazione a danno dello Stato, previsto dall’art. 316 bis c.p., coincide con la scadenza del termine ultimo entro il quale avrebbero dovuto essere realizzare le opere per le quali erano stati concessi i pubblici finanziamenti, non potendosi escludere, fino a quando detta scadenza non si sia verificata, che l’agente, pur se abbia nel frattempo destinato quei finanziamenti ad altra finalità, non provveda comunque alla realizzazione delle opere con altri mezzi economici di cui abbia o acquisti la disponibilità. (Cassazione penale, sezione VI, sentenza 28 novembre 2002, n. 40375)


Articolo stampato da www.overlex.com - Portale giuridico
Copyright © 2004-2005 www.overlex.com - Tutti i diritti riservati

Pubblicato da : Avv. Alessandro Amaolo