Stampa

Risarcibile il danno morale per la morte del gatto

Articolo stampato da www.overlex.com - Portale giuridico
Copyright © 2004-2005 www.overlex.com - Tutti i diritti riservati

Pubblicato da : Avv. Luigi Modaffari

Data: 25/02/2009

Corte di cassazione - Sezione III civile - Sentenza 25 febbraio 2009 n. 4493

La Suprema Corte riconosce e considera lecito il risarcimento del danno morale per la morte del gatto. Secondo la Cassazione il giudice di pace puņ disporre l'indennizzo del danno non patrimoniale anche fuori "dei casi determinati dalla legge e di quelli attinenti alla lesione dei valori della persona umana costituzionalmente protetti", se il danneggiato dimostra, la cui prova č esperibile anche tramite presunzioni, il pregiudizio patito.

Con la sentenza in oggetto, la Suprema Corte, nel rigettare il ricorso di una clinica veterinaria risultata responsabile del decesso di un gatto in seguito a prestazioni sanitarie negligenti, ha affermato che anche la perdita di un animale puņ essere causa di un risarcimento morale che in quanto tale non rappresenta una conseguenza automatica dell'illecito.


Articolo stampato da www.overlex.com - Portale giuridico
Copyright © 2004-2005 www.overlex.com - Tutti i diritti riservati

Pubblicato da : Avv. Luigi Modaffari