Discussione: Dismissione servizio riscaldamento

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

nicopara
Utente registrato
13/09/2008
16:19:45
Buongiorno a tutti
Nel condominio che amministro abbiamo la caldaia a gasolio che ci sta lasciando e non so per quanto tempo possa funzionare e ci è anche stato un abbassamento del livello del gasolio nella cisterna .
Siccome la prossima settimana abbiamo un assemblea dove si dovrà discutere del riscaldamento.

Ho da porVi una domanda:

Nell'eventualità alcuni condomini volessero dismettere il servizio di riscaldamento, stiamo parlando di una seconda casa, la delibera della sopensione del servizio è valida se si supera il 51% oppure deve essere deliberata dal 100% dei condomini?

Devo aggiungere che nel condominio ci sono 5 residenti che hanno provveduto ad installarsi stufe e/o camini a Pellets.
Se uno di loro si rifiutasse............
Grazie per ora




Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10180 interventi
13/09/2008 21:37:26
La legge che permette di passare al riscaldamento autonomo richiede la maggioranza del 50% dei proprietari, anche i dissenzienti devono adeguarsi, ne abbiamo parlato molte volte nel forum ed ho inserito anche la norma in vigore.

Ci sono state comunque modifiche ed interventi regionali, vedi Piemonte.





Rispondi


luilaplume

Utente avanzato
47 interventi
15/09/2008 21:09:33
Noi per farlo (cinque stabili una caldaia uno stabile vuole staccarsi e passare all'autonomo) abbiamo dovuto raccogliere la maggioranza nel supercondominio dei cinque stabili per staccare il nostro (cedendo alcune nostre quote di proprieta') e l'unanimita' del nostro.

La cosa scocciante e' insita nel aver dovuto fare una serie infinita di documenti attestanti che con il passaggio ad autonomo avremmo ridotto l'inquinamento, unitamente a modifiche nella canna fumaria atte a consentire ad ogni appartamento lo scarico fumi indipendente sul tetto.

Apprendere che l'operazione era evitabile ..... fa piacere.

Rispondi


claistron

Staff
10180 interventi
16/09/2008 14:17:23
Gli adempimenti da te descritti sono comunque necessari.

Vedi T.U. edilizia.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
valvole termostatiche e riscaldamento autonimo
riscaldamento centralizzato, è corretto calcolare il 30% per i consumi involontari?
e’ corretto che i negozi non paghino le spese di manutenzione del riscaldamento?
distacco impianto centralizzato del riscaldamento
riscaldamento millesimale
spese di riscaldamento
riscaldamento condominiale
oneri dopo distacco da riscaldamento centralizzato
problemi nel passaggio dariscaldamento centralizzato a d autonomo
riscaldamento alloggio sfitto
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading