Discussione: Parcheggio nel cortile comune

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Fantabrioche
Utente registrato
19/07/2008
20:21:42
Salve, il mio quesito riguarda la complessa e annosa gestione dei posti auto nell’ambito di un cortile condominiale intasato da macchine appartenenti per lo più a terzi estranei al condominio.

La mancanza di un regolamento fa sì, infatti, che gli spazi condominiali siano letteralmente invasi da autoveicoli e motocicli non appartenenti ai condomini quanto, piuttosto, a terzi al condominio che svolgono attività “commerciali” e “d’ufficio” in tre garage palesemente non abitabili (due dei quali conservano ancora la saracinesca) cui si accede, ovviamente, dal cortile.
La cosa divertente è che i proprietari dei suddetti locali sono convinti di avere tutto il diritto, concedendo in locazione il loro garage, di poter comunque parcheggiare la macchina in assenza o, al massimo, in “temporanea” presenza degli affittuari che ci lavorano!
La cosa diventa paradossale se si considera che anche i commessi degli affittuari (nonché i clienti) ritengono spesso e volentieri di poter “sostare” con il risultato che i condomini proprietari devono quasi chiedere il permesso per parcheggiare in un cortile intasato da estranei.
Il piccolo particolare è che i proprietari di questi “locali” che insistono sul cortile, non essendo proprietari di alcun appartamento, sono assolutamente esentati da spese condominiali, non hanno alcuna voce in assemblea, né partecipano alla pulizia della sporcizia che producono!
Alcuni “negozi”, inoltre, per la paura di affaticarsi più del dovuto con lo scarico dei materiali, consentono l’accesso a furgoni dalle dimensioni decisamente inappropriate che spesso e volentieri procurano danni che di fatto è il condominio a dover pagare (non essendo chiaramente possibile cogliere sul fatto i responsabili).

La fortuna di questi “furbetti del quartierino” è che il condominio, gestito da un amministratore assolutamente disinteressato (ed esterno) e privo di portiere, è composto per lo più da anziani che, per quanto interessati alla vicenda (più che per il parcheggio per quel che ne consegue in termini di pulizia e ordine), non hanno la volontà e le energie per dare inizio ad una battaglia legale e personale.
Dei proprietari interessati solo due, massimo tre (su dodici), dimostrano, quindi, un effettivo interesse perché, esclusi gli anziani, la maggior parte abita altrove.
Chi però, proprietario di casa, ha la sventura di possedere una macchina vive enormi difficoltà essendo costretto, per uscire, ad attendere che tutte le altre macchine (che a volte arrivano addirittura fino al portone) liberino il centro del cortile e l’androne con collaterale perdita di tempo (e senza parlare del rischio in caso di emergenza), in entrata, non essendo praticamente mai possibile l’accesso, si è costretti a dover sistemare l’autovettura a più riprese con il disagio di dover scendere anche più di una volta dopo una giornata di lavoro!
Regna praticamente il caos fatta eccezione per i fine settimana!

Chiedendo scusa per la lunghezza dell’intervento (in parte giustificata dalla complessità della situazione) spero vivamente che qualcuno possa aiutarmi a trovare una risposta a queste domande:

1) I proprietari dei soli garage (e non anche di appartamento) che utilizzano in maniera tanto inappropriata spazi non abitabili quali diritti vantano sulla cosa comune in termini di parcheggio? E se ne vantassero qualcuno, con quali limiti se si considera che, se tutti avessero la macchina, non ci sarebbe lo spazio nemmeno per i condomini reali?
2) Come far valere i rapporti tra il diritto a parcheggiare dei proprietari e degli affittuari? E’ mai possibile che debba essere garantito il posto anche al commesso?
3) E’ possibile costringere in qualche modo i condomini esterni che si rifiutano di prendere parte all’assemblea per l’adozione di un regolamento a parteciparvi (anche soltanto con la delega)?
4) Cosa, nell’eventualità, si potrebbe fare in assenza di regolamento? E, in generale, come è più opportuno procedere?



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10180 interventi
20/07/2008 08:43:28
Non riuscirai ad ottenere alcunché fino a quando l'assemblea dei proprietari non deciderà di installare un cancello o una sbarra all'ingresso del cortile.

È nel vostro diritto e la deliberazione si può prendere con la maggioranza più bassa indicata dal 1136.

Ho precise sentenze di Cassazione che pongono precisi limiti al parcheggio nei cortili condominiali, le ho gia indicate nel forum, se le vuoi conoscere collegati qui:

http://www.overlex.com/condominio_consulenza.asp

Rispondi


Fantabrioche

Utente semplice
1 interventi
20/07/2008 14:31:04
Il dramma è che la sbarra l'abbiamo anche installata ma l'ostacolo fisico sembra non essere la soluzione adatta nella misura in cui queste persone vengono in possesso della relativa chiave o del telecomando prima ancora che i condomini.
Sinceramente non credo che siamo nella condizione di dover ostacolare fiscamente l'accesso: la legge davvero può consentire a chiunque di parcheggiare nel cortile comune di un condominio?

Rispondi


claistron

Staff
10180 interventi
20/07/2008 22:35:54
Assolutamente NO!!!!!!!!!!!!!!!

Ho precise sentenze di Cassazione in merito, collegati al link che ti ho indicato.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
parcheggio cortile condominiale
parcheggio in condomini: l'amministratore non può assegnare i posti
innovazione su una parte comune
cambio di destinazione o milgioramento della cosa comune
costruzione di un fabbricato su suolo comune
uso esclusivo della canna fumaria comune dismessa
divisione ideale del cortile condominale per accesso auto da due cancelli
parcheggio auto per portatori di handicap nel cortile condominiale
acquisto lembo di terreno dal comune: in millesimi o parti uguali?
balcone/terrazzo su corte comune
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading