Discussione: perdita agevolazioni prima casa per trasferimento

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

cavalierifrancesco83
Utente registrato
17/07/2008
09:36:04
Buongiorno a tutti e complimenti per il sito, uno dei più chiari ed utili che abbia mai visitato.

Vorrei sottoporvi la mia situazione.
Sono proprietario al cinquanta per cento (l'altro cinquanta per cento è di mia sorella) di un appartamento acquistato nel 2006 con le agevolazioni prima casa; sia io che mia sorella abbiamo la residenza lì.
Mia sorella vorrebbe trasferirsi col proprio fidanzato: o in affitto, nella casa che attualmente ha in affitto il suo fidanzato, oppure in un appartamento di cui mia madre è proprietaria, stipulando con lei un contratto di comodato d'uso gratuito.

1-Quello che vorrei sapere è se trasferendo la sua residenza, nei due casi ipotizzati(affitto o comodato), lei perderebbe le agevolazioni prima casa sulla casa che possediamo.

2-Inoltre, essendo proprietaria, al 50%, di una casa in cui non vive (ci vivrei solo io), le eventuali utenze a lei intestate nella casa in cui vivrà saranno maggiorate?

Spero di essere stato chiaro.
Cordiali saluti a tutti e un ringraziamento particolare a chi vorrà rispondermi.

Francesco Cavalieri



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10180 interventi
17/07/2008 12:46:01
Ho più volte ribadito che non vi è più l'obbligo di "residenza" nell'alloggio per poter usufruire delle agevolazioni prima casa.

Lo ha più volte citato l'Agenzia delle Entrate nelle sue circolari, a partire dalla circolare 12.08.2005 n° 38.

Per le utenze, tu continuerai a godere dell'agevolazione, tua sorella godrà delle riduzioni se acquisirà la residenza nel nuovo alloggio in affitto o in comodato.

Se vuoi i riferimenti, le circolari e le norme, collegati qui:

http://www.overlex.com/condominio_consulenza.asp

Rispondi


mingus_coltrane

Utente semplice
1 interventi
13/08/2008 14:41:16
E' vero che non è necessario adibire la casa acquistata con agevolazione ad abitazione principale. Ma devi avere o devi promettere di trasferire entro 18 mesi la residenza nello stesso comune. E ce la devi tenere almeno per 48 mesi dopo la registrazione dell'atto. Secondo me, Claistron, la tua affermazione "...non vi è più l'obbligo di "residenza" nell'alloggio per poter usufruire delle agevolazioni prima casa", riputa centinaia di volte su questo forum, rischia i essere forviante.

Saluti
GAbriele

Rispondi


claistron

Staff
10180 interventi
14/08/2008 13:30:31
Caro Gabriele

Io riporto quanto dice la circolare dell'Agenzia delle Entrate, per le specifiche basta consultarmi o andare a leggere la circolare in oggetto e seguenti:

http://www.condomini.altervista.org/PrimaCasa.htm

Rispondi


renato75

Utente semplice
1 interventi
27/02/2009 12:28:51
Buongiorno a tutti.

Il mio quesito è il seguente:
sono proprietario al cinquanta per cento (l'altro cinquanta per cento è della mia ragazza) di un appartamento acquistato nel 2007 con le agevolazioni prima casa; solo io ho la residenza lì.
Ora i rapporti non sono più quelli di una volta (premetto che lei non ha mai abitato ed ha la residenza nello stesso comune, presso i propri genitori).

1. Quello che vorrei sapere è come faccio ad intestare il 100% ad uno dei due senza perdere le agevolazioni della prima casa?

2. L'intenzione non è quella di vendere il 50% ma eventualmente di "donarlo"; vorrei sostanzialmente cambiare il nominativo dei due intestatari ad uno solo;

Spero di essere stato chiaro.
Cordiali saluto e ringrazio.

Renato R.

Rispondi


claistron

Staff
10180 interventi
27/02/2009 18:49:04
Avresti dovuto inserire un "nuovo" quesito, non riprenderne uno vecchio.

Comunque, nessun problema, il notaio che ti assisterà sarà in grado di portare a termine la pratica per la vendita o la donazione (gratuita) del 40% dell'immobile.

In ogni caso purtroppo dovrai pagare le relative imposte, anche se ridotte in quanto si tratta di "prima casa".

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
pretesa di approvare tabelle millesimali prima dei lavori straordinari
come impugnare prima di una assemblea.
dimissioni dell'amministratore prima del bilancio
informativa nella prima assemblea utile
diritto di passaggio in casa per accedere ad un lastrico solare
agevolazioni fiscali per risparmio energetico
ampliamento autorizzato dall'assemblea con ex legge "piano casa"
perdita economica a seguito di accordo transattivo
pagamento prima rata 2018 senza approvazione preventivo
problema perdita d'acqua
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading