Discussione: adeguamento istat affitto: legge del 98 abroga il 75% e allora?

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
03/03/2008
12:35:04
Salve sono in affitto e nel contratto c'è scritto che il canone deve essere "aggiornato secondo l'indice istat per il mese precedente quello iniziale del contratto"
Normalmente l'adeguamento si fa per il mese successivo a quello di stipula, ma soprattutto sapevo che si considera il 75% dell'indice di riferimento. Invece il proprietario mi dice che una legge del 98 ha abrogato questo articolo e quindi devoconsiderare il 100%. Ma alloraperchè nei vari siti (ed anchein questo in una vecchia discussione) si indica ancora il 75%????
grazie a chi mi saprà dare una risposta.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10180 interventi
03/03/2008 13:29:43
La legge di riferimento è la 431/98.

Se non indicato diversamente dal contratto sottoscritto da entrambe le parti (canone libero), l'adeguamento è al 75% dell'indice relativo.

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
03/03/2008 14:02:13

grazie della risposta, ma ho alcune perplessità.

Secondo la legge 431/98 l'articolo 14 (4) cita:
Sono altresí abrogati gli articoli 1, 3, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26, 54, 60, 61, 62, 63, 64, 65, 66, 75, 76, 77, 78, 79, limitatamente alle locazioni abitative, e 83 della legge 27 luglio 1978, n. 392, e successive modificazioni.
E' appunto questo articolo che abroga l'adeguamento istat del 75%. Ma siccome non ne capisco nulla, vorrei dei chiarimenti: ha ragione il proprietario a volere il 100%?
come detto su, nel contratto non è specificato...

Rispondi


claistron

Staff
10180 interventi
03/03/2008 16:40:20
Il proprietario ha torto.

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
04/03/2008 08:59:51
Mi spiegherebbe gentilmente perchè ha torto? esistono norme successive oppure c'è un interpretazione specifica di questa legge che abroga l'articolo in cui sispecifica che l'aumento istat è in ragione del 75%? Le dico questo perchè il proprietario è stato consigliato da un avvocato... Per favore mi faccia capire cosicchè io possa avere argomenti per controbattere. Grazie ancora per la sua cortesia

Rispondi


claistron

Staff
10180 interventi
04/03/2008 19:48:22
Ne abbiamo parlato talmente tante volte nel forum.

Visto che non hai indicato la "tipologia" del contratto stipulato, ti posso dire che la percentuale del 100% è richiesta, in genere, per i contratti a canone libero (art. 2, comma 1 della Legge 431/98), e deve essere prevista espressamente nel contratto di locazione.
Infatti l'articolo che nella legge sull'equo canone lo prevedeva, al 75% dell'indice Istat, è stato abrogato dalla legge 431/98. Viceversa nei contratti a canone "convenzionato" (articolo 2, comma 3 della legge 431/98), determinato dalle organizzazioni locali di proprietari e degli inquilini, l'incremento è previsto al 75% dell'indice Istat.

Ne abbiamo parlato anche qui:

http://www.overlex.com/leggithread.asp?id=5936

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
05/03/2008 12:07:13
Non avevo visto la discussione precedente, ma grazie molte per il chiarimento. La dicitura nel contratto testualmente cita:
"il canone sarà aggiornato ogni anno nella misura della variazione dell'indice assoluto dei prezzi al consumo accertata dall'istat."
Quindi credo che non si possa interpretare come usualmente si fa al 75%... chiedo conferma giusto per non disturbare più.

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
05/03/2008 12:08:27
Ps. il contratto è a canone libero 4+4

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
06/03/2008 16:22:29
la mia domanda sull'aggiornamento istat è diversa: ho dato in locazione il mio appartamento con contratto libero 4+4 nel 2003 e ogni anno ho richiesto l'aumento previsto dagli indici istat al 75% come del resto riportato nel contratto per famiglie di operai ed impiegati , nel frattempo la mia inquilina è diventata titolare di un negozio cosicchè non rientra più nella categoria prevista per il 75% , posso chiedere l'aumento istat al 100% oppure devo aspettare la scadenza del contratto?
grazie 8

Rispondi

Pagina: Successiva »»

1 | 2 |



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
su minaccia di revoca giudiziale un amministratore si fa rieleggere immediatamente
ampliamento autorizzato dall'assemblea con ex legge "piano casa"
taglio giardino condominiale e adeguamento garages
addebito spese condominiali su immobile acquistato all'asta
legge di bilancio 2017 - versamento r/a
lavori adeguamento centrale termica e certificato prevenzione incendi
delibera in contrasto con decreto legge ... nulla o annullabile ?
agibilità: legge regionale vs d. ministeriale
spese condominiali per immobile acquistato all'asta
legge 78/2010 e dissociazione dalle spese
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading