Discussione: uso parti comuni condominio

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
22/07/2007
17:19:18
buona sera, vorrei un vostro parere. in un condominio, formato da 4 appartamenti, 3 uguali ed uno un pò più grande, un condomino, possiede 2 appartamenti tra cui quello un pò più grande e,in occasione di lavori di ristrutturazione,ha fatto costruire, a proprie spese, sul muro di cinta, una doccia esterna con annessa fontana, ponendola nella disponibilità anche degli altri condomini, che però si sono ribellati, ritenendo tale attività un abuso. preciso che non esiste regolamento condominiale e che tutte le attività di manutenzione ordianria sono state affrontate quasi sempre dal condomino che ha costruito la doccia. secondo voi il suo comportamento è legittimo o effettivamente ha commesso un abuso?



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10168 interventi
22/07/2007 20:12:28
Se i lavori in oggetto sono stati fatti a proprie spese.
Se le nuove migliorie sono state poste al servizio di tutti.
Se non ha arrecato danni o non ha menomato il godimento del bene comune.

Allora l'attività svolta dal condómino in oggetto è legittima e non si presta a censure.

Leggi l'art. 1134 del c.c.

Sarà opportuno fare un "monumento" al condómino in questione, si paga di tasca propria le manutenzioni, effettua migliorie a proprie spese; magari ce ne fossero di persone così!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
23/07/2007 09:13:44
anche io la penso così. ma attulamente, la situazione è questa: dati i continui litigi, con pesanti espressioni verbali e minacce di passare alle vie di fatto(distruzione della doccia); dato che nel condominio vivono tutti parenti; visto che chi ha costruito l'innovazione ha voluto evitare questioni ulteriori, la doccia è stata tolta. detto ciò, a questo punto, poichè sarebbe sufficiente togliere il tappo ed inserire il rubinetto per ripristinarla, cosa succederebbe se si facesse ciò senza chiedere il permesso agli altri condomini? (considerando anche il fatto che ormai i rapporti di vicinato si limitano ad un saluto di cortesia e niente più?)

Rispondi


claistron

Staff
10168 interventi
23/07/2007 11:12:51
Ti ho gia risposto sopra.

Non entro nel merito delle ripicche condominiali, ti ho risposto in base al Codice.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
maggioranza per elezione delegato al super-condominio
ripartizione spesa installazione nuovo autoclave.
assemblea delegati in super condominio
revoca mandato delegati super-condominio
alienazione beni comuni, quale maggioranza
tredicesima all'amministratore di condominio
partecipazione alle spese per rifacimento portone ingresso condominio
numero minimo di ui per definire un super-condominio
lavori di ristrutturazione e ripartizione costi
un condomino può farsi assistere nella riunione di condominio dal suo avvocato?
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading