Discussione: Camera da letto sotto bagno di servizio

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
13/03/2007
18:22:34
La mia camera da letto è posta sotto il bagno di servizio dell’appartamento del piano superiore.
A seguito di una macchia d’umidità nel soffitto ho fatto delle indagini esplorative sulla muratura ed ho riscontrato che la macchia d’umidità era determinata dalla perdita della tubazione di scarico del water del bagno sovrastante.
Tubazione privata che collega il water alla colonna di scarico condominiale.
Cosa strana però è che tale tubazione, nel portarsi dal water alla colonna di scarico, per avere pendenza, si abbassa all’interno del solaio fino a transitare, poco prima di innestarsi nella colonna di scarico condominiale, a livello del soffitto della mia camera da letto, ricoperta dal solo spessore dell’intonaco ( circa 2cm), e non già nella metà del solaio del piano superiore, come mi risulta sia previsto dalla vigente legislazione.

Se non erro il solaio di divisione tra gli appartamenti è in comproprietà tra i due proprietari.
Il piano superiore possiede il 50% dello spessore(pavimento) ed il piano sottostante l’altro 50%(soffitto).
Può il proprietario del piano superiore occupare con il suo tubo di scarico del water la parte del soffitto che è di mia proprietà, creandomi di fatto una servitù ( non posso utilizzare la mia metà di spessore del soffitto perché occupata dal suo tubo e devo, allorquando si verifica una rottura, consentire ad intervenire sul mio soffitto per la riparazione della tubazione)?.
Non deve invece provvedere a tutte le modificazioni necessarie affinché lo scarico del suo water rimanga contenuto nella sua proprietà?
Posso pretendere che intervenga in tal senso?

Tra l’altro tale scarico, così posizionato a filo intonaco, specie nelle ore notturne, genera un forte e fastidioso rumore quando funziona, perché sembra di avere lo sciacquone direttamente sulla testa .

Premetto che l’edificio risale al 1969 e che mai era capitato di constatare l’anomalia costruttiva, essendo una struttura incassata e come tale non visibile, e non essendo mai incorse esigenze di dover demolire il soffitto.

Grazie per chi mi voglia dare delucidazioni in merito



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10144 interventi
13/03/2007 19:40:49
Il solaio di divisione tra due appartamenti è "condiviso" tra piano superiore e inferiore, non puoi affermare che il 50% sottostante appartiene a te e il 50% soprastante al proprietario del piano superiore.

Se il costruttore all'epoca ha fatto questa "cavolata", ora la servitù in oggetto, dopo quasi 50 anni è pienamente usucapita.
Insomma non puoi "pretendere" che a sue spese il proprietario in questione faccia la modifica da te prospettata.

In occasione del lavoro di riparazione della perdita da te accennata potresti comunque chiedere che la posizione del water fosse innalzata in modo da permettere la pendenza sufficiente allo scarico senza entrare nel soffitto del tuo appartamento





Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
13/03/2007 21:38:21
L’appartamento in questione è all’ultimo piano e la colonna di scarico condominiale, per un disassamento del bagno superiore rispetto a quello inferiore ( il mio), termina di fatto al soffitto del bagno del mio appartamento.
Questo è il motivo per cui lo scarico, oltre che per la pendenza, deve transitare a filo del mio soffitto. Per andare ad innestarsi nella colonna di scarico.
Cosicché per rimediare all’inconveniente non è sufficiente solo innalzare la posizione del water, bensì si rendono necessari interventi di un certo rilievo all’interno dell’appartamento del piano superiore, quale la demolizione del pavimento dell’antibagno, per poter portare la colonna di scarico condominiale all’interno dell’appartamento del piano a me sovrastante e renderla accessibile al collegamento dello scarico del water, Collegamento che verrebbe così posizionato all’interno del pavimento (parte del solaio di condivisione dell’appartamento).
Ammesso e non concesso che il proprietario intenda eseguire questi lavori ( se come Tu hai detto non è obbligato a farli) in quale misura vanno ripartite le spese?

Ma un’opera non visibile perché interna alle murature e di cui nessuno ne era a conoscenza fino al verificarsi del danno e non riportata in alcun documento e/o disegno costruttivo depositato, può essere usucapità?
Non dovrebbe essere considerata comunque una irregolarità costruttiva e sussistere quindi la responsabilità del proprietario di porvi rimedio allorquando se ne viene a conoscenza, a prescindere dagli anni?
Grazie



Rispondi


claistron

Staff
10144 interventi
13/03/2007 22:36:20
Ritengo che ormai non si possa fare niente, insomma non si può obbligare il sovrastante a porre rimedio alla situazione a sue spese.

Come ti ho detto, in sede di "riparazione" per le infiltrazioni, potresti offrirgli una comparticipazione e modificare la tubazione affinchè resti tutta all'interno della sua proprietà.

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
13/03/2007 23:05:46
Grazie infinite per la cortese risposta

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
15/03/2007 18:39:08
Per Claistron

Oggi ho trovato questo art. del Codice Civile.

Art. 1061 Servitù non apparenti
Le servitù non apparenti non possono acquistarsi per usucapione (1158, att. 158) o per destinazione del padre di famiglia (1062).
Non apparenti sono le servitù quando non si hanno opere visibili e permanenti destinate al loro esercizio.

Orbene il tubo di scarico che transita all’interno del mio soffitto non è affatto “un’opera visibile” in quanto incassato nella muratura e della sua esistenza non è dato modo ad alcuno di accorgersene, se non attraverso opere di demolizione.

Che ne pensa in proposito?
Non dovrei essere assoggettato ad alcuna servitù.

Grazie

Rispondi


claistron

Staff
10144 interventi
16/03/2007 14:42:37
Ribadisco, la casa è stata costruita "così" da quasi 50 anni e non ci sono mai stati problemi.

Il giudice potrebbe tenerne conto.

Il consiglio è quello che ti ho dato sopra (se possibile).

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
16/03/2007 17:37:59
Seguirò il tuo consiglio
Grazie

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
attribuzione spese conricione sotto-stante la proprietà
suddivisione spese da infiltrazioni negli appartamenti sottostanti una terrazza e parte del tettocon
perdita tubo condominiale - bagno smantellato
autolavaggio in autorimessa privata sotto il condominio
bar sotto casa con clienti rumorosi.
autorizzazioni sposamento contatore acqua dal sottoscala ad una nicchia sul frontestrada
attività primaria e secondaria - visura camerale
accesso sottoteto + contatori energia elettrica
rimozione o no di un cancelletto che attraversa una bocca di lupo
nuovo scarico per realizzazione 3° bagno
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading