Discussione: Modifica articolo regolamento di condominio.

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
01/07/2006
10:21:59
Ciao a tutti, ho acquistato un appartamento senza riscaldamento.Leggendo il Regolamento Condominiale Contrattuale ad un certo punto si legge: E' ASSOLUTAMENTE VIETATO DISTACCARSI DAL RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO. Chiesto all'Amministratore mi risponde che la caldaia centralizzata è stata soppressa nel 1992 con delibera assembleare e tutti i sig.ri Condomini hanno provveduto ad installare un impianto autonomo..
Chiedo:
1) Quando si modifica un art. del Regolamento Condominiale Contrattuale non si è obbligati a registrare la modifica davanti ad un Notaio e successivamente riportarla sul Regolamento Condominiale Contrattuale.
2) Si deve ritenere ugualmente valido o lo posso impugnare?
3) Gli impianti autonomi sono sprovvisti di canne fumarie che evacuano i fumi al di sopra del tetto perchè i loro tubi di scarico sono posizionati sotto ogni balcone.
Come mi devo comportare?
Grazie.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10144 interventi
01/07/2006 14:23:43
Buongiorno Orsetto

Sembra tutto perfettamente in regola.

È intervenuta la Legge 9 gennaio 1991, n. 10 che ha permesso l'eliminazione dell'impianto centralizzato quando la decisione venga presa da almeno il 50% del valore millesimale del condominio, trovi la legge e le sentenze qui:

http://www.condomini.altervista.org/RiscaldamentoMaggiorSemplice.htm

Anche per ciò che riguarda lo scarico dei fumi a parete per le nuove caldaie a tiraggio forzato, la legge lo ammette in determinati casi, leggi qui:

http://www.condomini.altervista.org/ScaricoFumi.htm

Insomma, sembra che tutto sia regolare e che tu debba acquistare la tua caldaietta privata.
Infine, la legge in oggetto prevede proprio la possibilità di variazione al regolamento contrattuale senza l'obbligo dell'unanimità.
Infine i regolamenti non devono essere registrati dal notaio, è solo opportuno siano registrati presso la conservatoria affinchè siano sempre opponibili anche ai futuri terzi acquirenti.

Per tutte le altre informazioni, qui puoi documentarti:

http://www.condomini.altervista.org/

Staff

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
modifica tabelle millesimali per aumento superficie di più di 1/5
nuovo regolamento sulla privacy
gestione aree comuni in assenza del supercondominio.
non accettazione di un regolamento assembleare da parte del un nuovo acquirente di un appartamento
maggioranze per modifica aree comuni
regolamento di condominio e mancanza da parte dell'amministratore
modifica regolamento condominiale
modifica parti comuni
delibera regionale modificata da delibera comunale
regolamento contrattuale variazioni strutturali non riportate
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading