Discussione: sempre sul supercondominio o quasi

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
08/06/2006
16:13:26
Ciao claistron, so che alla fine sarai tu a rispondere..grazie.
Ad opera di un solo condominio è stata piantumata una siepe nel giardino condominiale ad una distanza minima (60/70cm) dal confine con la proprietà di un'altro condominio confinante. lo scopo era anche di separare materialmente le due proprietà . I quesiti ora sarebbero tre: 1. ora la siepe dopo circa 20 anni dalla messa a dimora, è talmente cresciuta da avere una larghezza considerevole e sconfinare. Deve il condominio provvedere alla potatura in modo tale da restare sulla propria proprietà?
2. deve farlo solo a proprie spese o visto che delimita il confine di entrambi devono concorrere anche i condomini dell'altro palazzo?
3. In origine il condominio che ha piantato pensava che il giardino fosse esclusivamente proprio, ora salta fuori che si tratta di aree in supercondominio con un'altra palazzina (che non è la stessa da cui si divide). La siepe rimane di proprietà del condominio e deve il supercondominio provvedere alla manutenzione o vi deve provvedere solo il proprietario?




Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10180 interventi
08/06/2006 20:02:54
Buongiorno Fiorisa

Hai letto sicuramente il link sul rispetto delle distanze:

http://www.condomini.altervista.org/distanze.htm

La siepe in oggetto, se è ubicata nella proprietà comune di un condominio, è di competenza dello stesso, non deve superare una determinata altezza e dovrà essere mantenuta e potata dal proprietario; non dovrà estendersi sulla proprietà privata o comune adiacente.

Se comunque fosse appurato che la siepe in oggetto è ubicata nel giardino comune a tutti gli edifici del supercondominio, come il giardino stesso, anche la siepe risulterà di proprietà comune a tutti gli edifici per cui la manutenzione competerà a "tutti".

Sarà necessario comunque controllare il vostro regolamento, ove vi fossero delle clausole che attribuiscono determinate zone alla competenza esclusiva di un determinato edificio del supercondominio, ai sensi del 3° comma dell'art. 1123 del C.C.

Staff


Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
09/06/2006 09:35:50
thanks.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
gestione aree comuni in assenza del supercondominio.
deleghe amministratore in supercondominio
supercondominio , sarà mica vero?
assemblea ordinaria supercondominio
condominii autonomi in supercondominio per le parti comuni
obbligo di costituzione supercondominio
supercondominio e ripartizione spese tetto
finestre sempre aperte.
regolamento supercondominio.
spese ordinarie supercondominio
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading