Discussione: Contenzioso parcella architetto

Torna al forum: "lavoro" Stampa discussione (testo semplice)


Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Fox79
Utente registrato
06/08/2018
21:32:40
Buongiorno, come potete evincere dal titolo ho un problema con la parcella di un architetto furbetto.
Qualche anno fa a novembre con l’intenzione di acquistare un palazzo fatiscente di 3 piani chiedevo ad un amico architetto di venire a darmi un’occhiata per darmi un parere.
La mia intenzione era quella di ristrutturare uno dei 3 piani subito con un mutuo di acquisto più ristrutturazione per andarci a vivere subito e ristrutturare il resto con calma in futuro.
Quindi dopo che il mio “amico” mi spiegava che per buttar giù tutto e rifare tutto da capo compreso rinforzo del solaio in legno e il rifacimento completo dell’appartamento sarebbero stati necessari tra i 700 e i 1000 € al mq (l’appartamento sono circa 120mq), decidevo di firmare il preliminare con una caparra di 10.000€ e scadenza a maggio ed avviavo con la banca la pratica per un mutuo di acquisto + ristrutturazione, calcolando per quest’ultima un budget di circa 150.000€ per stare comodi e inviavo all’architetto tutte le carte ricevute dai proprietari.
A marzo, dopo mesi di inattività, all’ennesimo sollecito questo si decideva a fare un sopralluogo per fare i rilievi, durati 1 ora e mezzo e facendomi firmare una lettera di incarico per la stesura di un computo metrico relativo esclusivamente al piano dove intendevo andare ad abitare per un importo massimo di 150.000€.
Ad aprile, dopo circa un mese, si presentava con un computo metrico di circa 316.000€ + iva e alle mie obbiezioni sul costo eccessivo dell’opera mi confermava che i costi erano quelli.
Da quel momento mi son trovato costretto a lasciare la via del mutuo di acquisto + ristrutturazione e provare in fretta e furia quella del solo acquisto, ma a causa della complessità dell’operazione (acquisto 1ª casa+2ª casa più locali commerciali), la mia banca mi ha lasciato a piedi e ho dovuto pagare un broker (2.000€) per trovarmi una banca che mi concedesse il mutuo prima di perdere l’anticipo).
A quel punto ho detto all’architetto di dirmi quanto gli dovevo perché non avevo più intenzione di lavorare con lui, oltre al fatto che la ristrutturazione era sfumata. All’inizio mi ha detto di lasciar perdere, ma poi quando ho insistito si è presentato con un conto di 5.500 € con mia enorme sorpresa (parliamo di circa 2 giorni di lavori, nello specifico casa anche fatti evidentemente male)
Da lì i nostri rapporti si sono incrinati notevolmente e l’architetto è andato via di casa dicendomi che non voleva nulla e che non avrebbe rovinato la nostra amicizia per un lavoro.
Io ho insistito per rivederci e parlarne di nuovo perché volevo parlarne ancora ma poi tra un impegno suo e uno mio son passati due anni.
Il mese scorso mi arriva una raccomandata con ricevuta di ritorno con una parcella di 6800€ con tanto di parere di congruità dell’ordine degli architetti per:
• Progettazione preliminare di tutti e tre i piani;
• Progettazione definitiva e computo metrico di un piano;
• Rimborso spese;
• Pagamento parere di congruità.
Ora, la progettazione preliminare di tutti e tre i piani non è mai stata chiesta né tantomeno è stata fatta, e lo conferma il fatto che nella ricevuta di evasione dell’incarico si faceva menzione solo al piano che dovevo ristrutturare.
La progettazione definitiva non è stata richiesta né tantomeno mi è stata consegnata. Posso capire che per redigere il computo metrico serva un progetto, ma un progetto come fa ad essere definitivo prima che venga approvato dal comune? Oltre al fatto che di questo progetto non ne abbiamo mai discusso visto che una volta ricevuto il computo metrico è saltato tutto.
Nel rimborso spese c’erano tra le altre cose:
1. 120km in macchina, quando è sempre venuto in bicicletta (da casa sua sono 500m). Veniva lì prima di andare nel suo ufficio a 20 km di distanza;
2. 2 coadiutori (300 euro cad.) quando le uniche persone intervenute sono suo papà (geometra) portato nel primo sopralluogo per darle manforte e una sua dipendente venuta nel sopralluogo per i rilievi (1 ora 3 mezza)
3. 1.300 euro per questi famosi rilievi di un’ora e mezzo, tra l’altro fatti su un piano diverso da quello destinato all’intervento per praticità.
Preciso anche di non aver mai ricevuto ufficialmente la parcella, quindi per quale motivo mi mette in conto il parere di congruità dell’ordine? Quello di solito viene chiesto quando c’è un contenzioso ufficiale.
Poi non capisco neanche l’ordine. In base a cosa esprime un parere su una parcella evidentemente inventata? Nel senso che la lettera di incarico e la ricevuta di consegna dello stesso parlava solo di un computo metrico per un valore di 150.000€ e nella sua parcella si faceva riferimento alla progettazione su tutto lo stabile. Non verificano anche queste cose di solito?
Spero che qualcuno possa darmi qualche consiglio.



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading