Discussione: Decreto lgs. n.31/2001" L'igiene delle acque distribuite per il consumo umano"

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

GianfrancoBert
Utente registrato
05/04/2018
23:31:09
Buonasera: in un condominio esiste da 39 anni una cisterna in calcestruzzo grezzo non a norma,non vetrificata e mai sanificata, collegata ad un'autoclave che tramite pompa sommersa,con impianto elettrico non a norma, fornisce l'acqua a tutti gli appartamenti.Premetto che l'acqua arriva a tutti i piani anche senza l'ausilio dell'autoclave,ma viene tenuta in uso costante più per abitudine ad una forte pressione e per qualche raro caso di interruzione della fornitura,che per necessità. Da poco, su richiesta di un condomino del pianoterra l'amministratore ha fatto sostituire tutto il polmone e il pressostato dal solito factotum non qualificato, tanto che, dopo qualche mese, tutto l'apparato è andato nuovamente in tilt. A questo punto interviene un condomino (nuovo arrivato nel palazzo) che contesta all'amministratore il precedente intervento e gli impedisce il nuovo, chiedendogli di spegnere e sigillare tutto perchè sostiene che entro il 25/12/2003 lui avrebbe dovuto mettere in conformità tutto l'impianto e la cisterna, effettuando, da tale data, tutto ciò che il decreto prevede, per cui, lui non avrebbe pagato nulla di tutto ciò che è stato fatto, oltretutto senza delibera e senza urgente necessità, su un impianto completamente fuorilegge dal 2003 ad oggi. L'amministratore ignaro dell'esistenza del decreto(si è scoperto poi che quasi nessuno degli amministratori lo conosce) ha dichiarato che trattandosi di un decreto non convertito in legge, non era tenuto a metterlo in atto. La domanda che si pone è: ha ragione l'amministratore sul " decreto " o il condomino sul fatto che non si devono spendere soldi su qualcosa che per legge, in quelle condizioni, non dovrebbe esistere? Ringrazio per la chiarezza e la sollecitudine che Vi contraddistingue.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
9989 interventi
06/04/2018 09:02:21
Ne abbiamo parlato spesso in questo forum.

La legge originaria è contenuta nel D.P.C.M. 4 marzo 1996 - Disposizioni in materia di risorse idriche (In GU 14 marzo 1996, n. 62, S.O.), mentre la più recente la trovi nel Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale (G.U. n. 88 del 14 aprile 2006).

Entrambe le puoi leggere al nostro solito link:

http://www.condomini.altervista.org/ContatoriAcqua.htm

Troverai che il condómino contestatore ha tutte le ragioni per far valere il proprio diritto.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
d. lgs. 2/2/2001 n.31 acque potabili nel condominio (é obbligatorio applicarlo?)
ripartizione quote consumo acqua
suddivisione spese rifacimento colonna montante acque nere
spese anticipate per decreto ingiuntivo
possibilità di far eseguire la pulizia delle scale ad un condomino residente
delibera in contrasto con decreto legge ... nulla o annullabile ?
lavoro di amministratore in cambio delle quote condominiali
calcolo delle teste - caso particolare
danni per lavori dell'altra parte delle casa
scarico acque bianche in area condominiale
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading