Discussione: Consiglio e consiglieri di condominio e gestione fornitori

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

gio123bg
Utente registrato
13/10/2017
10:38:09
Buongiorno,
nel mio candominio il Consiglio costituito da consiglieri mi obbliga a trattare con loro e non con l'Amministratore per qualunque ragione. So che tra i consiglieri che costituiscono il Consiglio è stata fatta una ripartizione di gestione dei fornitori. Le spese stanno lievitando di anno in anno mentre il condominio gemello a fianco con una divers amministrazione ha valori di gran lunga più contenuti. Mi chiedo quindi fin dove il "potere" del Consiglio si possa portare e dove invece può essere citato a giudizio perchè non consentito dal codice civile. In altre parole, la gestione di fornitori può tranquillamente essere assegnata o è consentita per gli organi del Consiglio?
In attesa di una Vostra cortese risposta, ringrazio anticipatamente.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
9904 interventi
13/10/2017 11:05:08
Mentre la normativa precedente non prevedeva la ficura del "consigliere", la legge di riforma del condominio ha indicato che l'assemblea può nominare dei consiglieri che hanno esclusivamente la funzione di consultazione e raccordo con l'amministratore; nuovo art. 1130 del Codice Civile: .... L'assemblea può anche nominare, oltre all'amministratore, un consiglio di condominio composto da almeno tre condomini negli edifici di almeno dodici unità immobiliari. Il consiglio ha funzioni consultive e di controllo

Insomma non possono assumere funzioni "esecutive" se non espressamente stabilite di volta in volta in una deliberazione assembleare.

Resta sempre il fatto che è l'amministratore che assume tutte le responsabilità civili e penali che riguardano la conduzione e l'amministrazione del condominio.

Nel tuo caso devi trovare collaborazione presso gli altri (amici) condómini e obbligare l'amministratore ad assumersi le proprie responsabilità, senza delegare i consiglieri per facoltà che non possono essere delegate.

Puoi cominciare con inviare all'amministratore una "diffida" ad adempiere alle disposizioni del Codice.



Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
gestione copertura posti auto
aggiornamento amministratore di condominio
regolamento di condominio e mancanza da parte dell'amministratore
caldaia in condominio
lavori straordinari condominio
condominio orizzontale - riparazione cancello carraio
rifacimento facciata principale condominio
lastrico solare su metà condominio
gestione pozzo per irrigazione condominiale
condominio anarchico
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading