Discussione: Abuso del ruolo di presidente in assemblea condominiale

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

madi
Utente registrato
07/06/2017
23:58:03
Egr. CLAISTRON
anzitutto sempre grazie per le risposte al precedente quesito.
In un'assemblea di consuntivo (di soli delegati trattandosi di un super-condominio)il Presidente rileva che nella documentazione contabile manca la relazione introduttiva, il consuntivo viene raggruppato in due anni e manca il documento preventivo.
Dopo le spiegazioni dell'Amministratore 4 condomini su 6 per un totale di 686 millesimi, ritengono esaustive le spiegazioni e chiedono l'approvazione del documento contabile così come presentato in riunione, con l'unico impegno, da parte dell'Amministratore, ad integrare la documentazione mancante.
Il Presidente dichiara che non può essere approvato il consuntivo per la documentazione mancante e chiude l'assemblea. I restanti delegati verbalizzano la posizione del Presidente dissentendo dalle sue decisionie ritenendo approvabile il documento.
Può il presidente, di imperio, agire come ha fatto? Possono i delegati restanti (686 millesimi) approvare comunque il bilancio?
Sempre grato MADI



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
9855 interventi
08/06/2017 09:31:07
In questo contesto si rileva una disfunzione, ma solo procedurale.

Se vi era un "segretario" e questi ha messo a verbale la corretta approvazione del bilancio consuntvo, la procedura, fino a quel momento risulta corretta.

Il presidente sovrintende l'andamento dell'assemblea, ma non può inficiare di propria iniziativa una deliberazione regolarmente assunta.

La "chiusura" dell'assemblea è nei poteri del presidente, ma le deliberazioni fino ad allora assunte, sono vincolanti.

Resta il fatto che il verbale dell'assemblea dovrebbe essere sottoscritto almeno dalle tre figure delineate (se non da tutti i partrcipanti): presidente, segretario e amministratore.

La mancata sottoscrizione rende non opponibile il verbale stesso.

In conclusione. se il verbale è stato sottoscritto, esso ha piena validità per le deliberazioni assunte fino alla chiusura dell'assemblea.

Il presidente potrà impugnare il verbale (come ogni altro partecipante) e le deliberazioni regolarmente assunte, previo esperimento della Mediazione Obbligatoria, con spesa a carico diretto del promotore (non recuperabile).

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
pozzo condominiale e tubi di collegamento
modifica regolamento condominiale
gestione pozzo per irrigazione condominiale
stalking condominiale
danno condominiale pavimento veranda
conto corrente condominiale
assemblea, suo spostamento dopo la costituzione
condomino che non ottempera alla richiesta assembleare
perdita tubo condominiale - bagno smantellato
riscaldamento condominiale
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading