Discussione: Installazione autoclave in locale di proprietà privata di un condomino.

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

raffadima
Utente registrato
24/07/2015
12:24:16
Nel palazzo in cui abito il condominio è stato istituito nel 1999 anno di acquisto del mio appartamento. L’autoclave, installato in un locale di proprietà di un condomino da lunghissimo tempo, aveva una capacità di 20 mila litri di acqua; oggi il proprietario ha tolto l’autoclave e ha affittato il locale al gestore di una pizzeria (anch’essa di proprietà dello stesso condomino), lasciando otto famiglie senza acqua (causa riduzione pressione mesi estivi, gli appartamenti del terzo e quarto piano (quattro, tra cui il mio) non hanno questo bene essenziale; l’erogazione dell’acqua è assicurata solo durante le ore notturne e le prime ore del mattino.
Esiste un diritto di prelazione del condominio sull’acquisto/affitto del locale in precedenza adibito ad autoclave?
Si può impugnare il contratto del proprietario con il gestore della pizzeria?

Grazie
Raffaella Di Mario, Pescara



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10144 interventi
24/07/2015 13:04:25
Se il locale in oggetto era originariamente soggetto a servitù di autoclave, la rimozione unilaterale della stessa costituisce pesante violazione del regolamento "contrattuale", soggetta a imposizione di ripristino come in origine.

La documentazione presente nei rogito dovrebbe specificare questa servitù.

Vi è però una legge dello stato che impone al gestore-fornitore dell'acqua di fornire quantità e pressione tale da raggiungere tutti i piani superiori degli edifici "regolarmente" costruiti.

Puoi leggere tutto il decreto qui:

http://www.condomini.altervista.org/ContatoriAcqua.htm

Avete comunque la possibilità di diffidare il proprietario del locale in oggetto al ripristino come in origine, oppure la realizzazione a proprie spese di un impianto, magari più piccolo e moderno, che vi permetta di ricevere l'acqua alla giusta pressione e continuativamente.

Dovrete farvi assistere da un avvocato che vaglierà la situazione e deciderà dopo aver consultato tutta la documentazione possibile.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
attribuzione spese conricione sotto-stante la proprietà
palo della luce in una proprietà privata
vendita 50% proprietà indivisa
scrittura privata a distanza
lavori su terrazzo di proprietà esclusiva
ripartizione spese riparazione infiltrazioni terrazza di proprietà e uso esclusivo per cene e feste
scia alternata al pdc su proprietà privata per una pergola più aperture
come scrivere l'autorizzazione al cambio di destinazione d'uso per gli affittuari di un locale comme
installazione porte tagliafuoco
informazioni da richiedere per verifica consumi dopo installazione ripartitori
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading