Discussione: servitù di passaggio e divisione acque fognatura

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Airali82
Utente registrato
20/04/2015
13:13:11
Buongiorno,
ho acquistato 2 anni fa terreno e casa già costruita su di esso. La casa era vecchia e ho aperto una ristrutturazione che attualmente è in corso. Durante i lavori di rifacimento del bagno sono stata costretta a sostituire la vasca biologica sottodimensionata che c'era e ad allacciarmi alla fognatura. Ho dovuto quindi non solo allaccarmi ma fare la divisione della acque nere e delle acque bianche con pozzetto per far decantare. Le nere ovviamente vanno in fogna mentre le bianche vanno in un perdente nel terreno dietro casa all'interno della mia proprietà, lo stesso percorso che faceva anche prima dei lavori. Il vicino, avendo ancora una vasca biologica, scarica le sue acque nello stesso condotto dove io attualmente scarico le acque bianche, ovviamente lui scarica sia bianche che nere ed inoltre per allacciarsi al mio condotto di scarico viene nella mia proprietà. Prima di questo mio intervento non avevo assulutamente idea che lui venisse nella mia proprietà a scaricare a perdente le acque nere.
La mia domanda è: avendo io dovuto fare per legge questo allacciamento alla fogna e avendo io diviso le acque bianche e nere è corretto che lui, dicendo che ha una servitù di passaggio interrata e ovviamente non visibile prima dei lavori di intervento e scavo, scarichi nelle mie acque bianche le sue acque nere? Oppure posso far fare un accertamento e costringerlo a tenersi le acque nere dalla sua parte? Non vorrei un indomani che pretendesse di allaccarsi ai miei lavori della fognatura distruggendo così la mia pavimentazione in cortile e obbligandomi ad un'ulteriore servitù.

Grazie per la futura risposta.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10214 interventi
20/04/2015 18:53:51
Sono più di 15 anni che è diventato "obbligatorio" separare le acque chiare da quelle scure in tutti i comuni che hanno la doppia fognatura.

Il vicino quindi deve obbligatoriamente scaricare nella fognatura comunale le sue acque scure.

Basta far presente all'ufficio tecnico comunale la situazione in essere, saranno loro ad obbligare il vicino a fare i lavori per portare le sue acque scure fino all'esterno.

Rispondi


Jaems

Utente semplice
1 interventi
19/06/2017 21:46:55
Salve sono nuovo del forum e vorrei sapere come fare ad avere una risposta al mio quesito . Rispondo qui perché è quasi identico il problema con piccole variazioni che mi fermano sulla decisione che dovrò prendere . E vengo al dunque : é tutto uguale solo che leggendo la risposta data da Claistron dello staff (il mio comune non ha la doppia fognatura) , (prima differenza) , (seconda differenza)( le acque bianche non vanno in un perdente nel terreno dietro la casa) le nostre acque bianche o meteorologiche e mi spiego meglio ( il nostro condominio ha una linea per le acque meteorologiche e una linea per acque nere e le due proprietà distanti 50 metri dalla nostro condominio scaricano le acque nere nelle( nostre acque metereologiche) (o piovane )( o bianche ) é regolare : premetto che anche qui hanno il diritto di servitù ( diritto di passaggio e anche di passaggio di reti tecnologiche ma non si capisce pe che con tale diritto non abbiano fatto anche loro la linea di acque nere separata . Il comune può aver fatto una deroga oppure una delega pe scaricare le loro acque nere nelle nostre acque bianche .PS: Da tenere presente che tale impianto disposto n questo modo ci mette nella condizione di sostituire curve e pezzi di scarico pluviali dei garage perché come e noto l'esalazione si sa fa marcire le curve di scarico canali . Ringrazio anticipatamente per un altro risposta su cosa fare cordiali saluti Giacomo Bianchi

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
infiltrazioni acque piovane nell'attività commerciale.
servitù di passo coattiva per usucapione
diritto di passaggio in casa per accedere ad un lastrico solare
passaggio tubatura gas del vicino nell'immobile da acquistare
d. lgs. 2/2/2001 n.31 acque potabili nel condominio (é obbligatorio applicarlo?)
decreto lgs. n.31/2001" l'igiene delle acque distribuite per il consumo umano"
divisione ideale del cortile condominale per accesso auto da due cancelli
suddivisione spese da infiltrazioni negli appartamenti sottostanti una terrazza e parte del tettocon
servitu' di passaggio e art.1102
potatura siepe che ostruisce passaggio.
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading