Discussione: Tassazione canoni di locazione non percepiti

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

stefano60
Utente registrato
07/05/2014
06:46:25
Gentile Avvocato,
Le chiedo se da parte del locatore è possibile avvalersi della clausola di "risoluzione anticipata del contratto ipso jure" registrando tempestivamente appunto la risoluzione del contratto mentre è in corso un'azione di sfratto per morosità (uso diverso).
Il tutto al fine di non dover versare comunque al fisco le imposte su tutti i canoni non percepiti dall'inizio della morosità fino alla sentenza di sfratto.
La ringrazio



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10180 interventi
07/05/2014 10:07:58
Sai bene che il comma 1 dell’art. 26 del TUIR stabilisce che i redditi fondiari concorrono, indipendentemente dalla percezione, a formare il reddito complessivo dei soggetti che possiedono gli immobili a titolo di proprietà, enfiteusi, usufrutto o altro diritto reale, salvo quanto previsto per l’imputazione del reddito agrario, per il periodo di imposta in cui si è verificato il possesso di terreni e/o fabbricati. I redditi derivanti da contratti di locazione di fabbricati abitativi, se non percepiti, non concorrono a formare il reddito dal momento della conclusione del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità del conduttore, mentre per le imposte versate sui canoni scaduti e non percepiti, come da accertamento avvenuto nell’ambito del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità, è riconosciuto un credito di imposta di pari ammontare.

Anche la Cassazione (sentenza n. 11158/2013) ha disposto che la mancata percezione dei canoni, a causa della morosità del conduttore, non ne impedisce l’assoggettamento alle imposte sui redditi fintanto che non sia intervenuta la risoluzione del contratto di locazione.

Registrando unilateralmente la risoluzione del contratto dovresti rientrare nella fattispecie indicata dalla Cassazione.


Rispondi


stefano60

Utente avanzato
30 interventi
07/05/2014 19:59:01
Quindi registrando subito la risoluzione del contratto e dovrei evitare la tassazione, corretto?

Rispondi


claistron

Staff
10180 interventi
07/05/2014 20:54:03
Te l'ho già scritto sopra!

Rispondi


stefano60

Utente avanzato
30 interventi
07/05/2014 22:57:25
Ha ragione, grazie infinite come sempre.

Rispondi


stefano60

Utente avanzato
30 interventi
07/05/2014 23:20:17
Mi scusi se approfitto della Sua competenza, ho gli ultimi dubbi:
Secondo Lei dovrei pre-inviare una comunicazione via posta al conduttore moroso prima di risolvere il contratto unilateralmente? Se si, ci sono dei tempi da rispettare?

Rispondi


claistron

Staff
10180 interventi
08/05/2014 09:05:02
La risoluzione del contratto di affitto per morosità si richiede al giudice in sede di procedura di sfratto che di norma lo concede immediatamente (quindi il contratto è risolto), diversi invece i tempi per il rilascio dell'immobile.

Per il resto (imposte) bisogna affidarsi alle sentenze fin qui emesse, come ti ho detto sopra.

Rispondi


stefano60

Utente avanzato
30 interventi
09/05/2014 07:17:06
Il conduttore non paga da piu' da mesi, ma siccome si e' dato alla macchia (straniero, nessuna residenza o domicilio in Italia, sparito completamente) ed ha subaffittato il locale a qualcuno che si rifiuta di ricevere le notifiche di sfratto, il giudice ha gia' rinviato la prima udienza per rinnovo di notifica Senza concedermi nulla. Ora, tra un'udienza e l'altra passano mesi, e la morosita' e' destinata a prolungarsi per chissa' quanto tempo. Chiedevo appunto se e' possibile almeno non dover dichiarare i canoni che non sto percependo, risolvendo "adesso" il contratto unilateralmente, avvalendomi della causa di risoluzione ipso iure (scritta nel contratto) per inadempimento del conduttore, senza dover attendere una sentenza che potrebbe arrivare molto tardi...
In altri termini, mi sono messo l'anima in pace sul fatto che riprendero' possesso del bene chissa' quando, ed ho ragionevole certezza che non vedro' una lira di rimborso degli insoluti, ma almeno vorrei poter sperare che il fisco non mi chieda pure le tasse su un paio d'anni di canoni non riscossi..

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
locazione immobile commerciale - buona entrata
spese condominio bon non iscritte nel contratto di locazione
inserire garante in un contratto di locazione commerciale
intimazione di sfratto per morosità - locazione commerciale
clausola compromissoria in contratto di locazione.
contratti locazione non registrato
problemi di muffa e locazione
problematiche locazione appartamento
recesso anticipato locazione
manutenzioni straordinarie su locali in locazione
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading