Discussione: comunione, quote di pertinenza

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
20/04/2006
16:42:51
buon giorno,
ringrazio anticipatamente per la risposta che mi vorrete fornire, soprattutto se riuscirete a darmela al più presto..
il punto è questo: abito in una palazzina che iniste in una strada privata.
la strada privata è in comproprietà con altri "comunisti" . Di solito le regole sulla comunione dicono che se, non non esiste un titolo che dimostri il contrario, le quote di comproprietà si considerano uguali. Ma sta di fatto che come proprietari: 5 sono unità unifamiliari, altri due sono invece costituiti da due condomini.
Dovendo provvedere alla sistemazione del manto stradale, che ora è di ghiaia e pieno di buche, pavimentandolo completamente e chiudendo l'accesso ad estranei con delle barriere, la ripartizione delle spese è plausibile che venga fatto in quote uguali? Parlo contro il mio interesse, ma penso di no (noi condomini siamo in tredici, useremo la strada e le barriere sicuramente più spesso delle case unifamiliari). Allora le quote come le dobbiamo considerare? Per lotti di terreno (7)? oppure per nucleo familiare e pertanto 5+13(ns.condominio)+7 (secondo condominio)= 25?
Spero di essere stata sufficientemente chiara.
Grazie,grazzissimo.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10194 interventi
20/04/2006 19:38:49
Buongiorno Florisa

Dovresti fare una ricerca e cercare un regolamento della comunione oppure controllare sui vostri rogiti qualche riferimento in merito.

Non devi fermarti all'art. 1101 del C.C. in tutti gli articoli seguenti si parla espressamente di "partecipanti" e per essi si intendono persone fisiche e non sicuramente "muri".
Leggendo l'art. 1105 noterai che le deliberazioni dell'assemblea dei "comunisti" vengono prese dalla maggioranza dei partecipanti (possibilmente umani) in base al "valore delle loro quote".

È indispensabile quindi leggere il regolamento contrattuale(potrebbe identificare i comunisti in base agli immobili e non alle persone).

In mancanza di riferimenti certi, ritengo che le decisioni (e le spese) devono essere prese da tutti i proprietari di unità immobiliari che insistono e usano il bene comune.

Questa Sentenza della Suprema Corte illustra come il diritto su una strada privata comune sia in capo alla "persona" e non al numero o alla consistenza dei "possedimenti" della persona stessa:

Cass. 20/01/94 - n. 476 - servitù - strade - uso della cosa comune
Posto che il partecipante alla comunione può usare della cosa comune per un suo fine particolare, con la conseguente possibilità di ritrarre dal bene una utilità specifica aggiuntiva rispetto a quelle che vengono ricavate dagli altri, con il limite di non alterare la consistenza e la destinazione di essa, o di non impedire l'altrui pari uso, il passaggio su una strada comune, in origine destinata a servire alcuni, determinati fondi di proprietà esclusiva, che venga effettuato da un comunista anche per accedere ad altro fondo, a lui appartenente in proprietà esclusiva, di per sè non raffigura un godimento vietato, a norma dell'art. 1059, primo comma, c.c., non comportando la costituzione di una servitù sul bene comune, perché non si risolve nella modifica della distinzione di questo, né nell'impedimento dell'altrui pari diritto.


Staff


Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
21/04/2006 10:34:00
Buon giorno, CLAISTRON
grazie ancora. un'ultima conferma: A questo punto, con una regolare convocazione di assemblea a mezzo raccomandata e relativo O.D.G., se l'assemblea dei comunisti stabilisce con le maggioranze necessarie di chiudere l'accesso alla strada privata agli estranei, può obbligare anche la minoranza dissenziente al pagamento delle relative spese (come in condominio) oppure può solamente procedere pagando a proprie spese e dando le chiavi del cancello anche ai dissenzienti per non ledere i loro diritti? E quali le maggioranze indispensabili?
Grazie

Rispondi


claistron

Staff
10194 interventi
21/04/2006 14:32:43
Buongiorno Florisa

Ti ho invitata a leggere l'art. 1105 del C.C. trovi al secondo comma:

Per gli atti di ordinaria amministrazione le deliberazioni della maggioranza dei partecipanti, calcolata secondo il valore delle loro quote, sono obbligatorie per la minoranza dissenziente.

La chiusura della strada a mezzo cancello non può essere considerata "innovazione", bensì opera straordinaria per il miglior godimento della cosa comune.

È solo il caso di accennare all'obbligo di posizionare il cancello stesso almeno 3,5 mt dal ciglio della strada comunale.

Staff

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
21/04/2006 14:58:59

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
quote pagate per lavori deliberati e mai iniziati. si può chiedere il rimborso?
quote condominiali risalenti a cinque annia fa. paga il nuovo proprietario?
quote versate al vecchio amministratore
ripartizione quote consumo acqua
pagamento quote condominiali
lavoro di amministratore in cambio delle quote condominiali
quote posto auto per rifacimento asfalto
avviso di pagamento quote e/lavori deliberati
ristrutturazione e quote condominiali
spese luce/pulizia box di pertinenza
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading