Discussione: Normativa condominiale tende da sole

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Anonimo
Utente non registrato
04/04/2006
12:02:36
Buongiorno,
abito al piano terra in un condominio e dispongo di una corte esterna nella quale ho recentemente installato delle tende da sole.
Poiché sulla facciata del palazzo sulla quale ho installato tali tende non esistono balconi soprastanti alla mia corte, per sostenere le tende ho dovuto installare un'apposita intelaiatura in alluminio, fissata sulla parete esterna nello spazio della mia proprietà.
Alcuni condomini si sono lamentati con l'amministratore per due ragioni:

1. sostengono che l'intelaiatura in alluminio possa agevolare l'intrusione dei ladri nelle finestre degli appartamenti soprastanti;

2. si lamentano che il colore delle mie tende differisce da quello delle altre tende del palazzo, le quali tuttavia si trovano sulla facciata opposta rispetto alla mia (essendo appunto la mia facciata priva di balconi).

Aggiungo che nel regolamento condominiale non sono presenti clausole specifiche relativamente al colore o alla tipologia delle tende da sole.
Tali lamentele possono essere ritenute legittime?

Grazie per l'attenzione
Luca A.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10141 interventi
04/04/2006 15:06:07
Buongiorno Luca

L'uso del bene comune (facciata) è legittimo purchè si permetta agli atri di farne parimenti uso:

La presunzione assoluta di comunione ex art. 1125 c.c. oltre che alla facciata dell'efificio si estende alla parte ferma o soletta dei balconi. Pertanto, l'aggancio di tendaggi alla soletta è legittimo a norma dell'art. 1102 c.c., non alterando la destinazione del bene comune e non impedendo agli altri partecipanti alla comunione di farne pari uso secondo il loro diritto.
Trib. civ. Napoli, sez. III, 11 aprile 1994, n. 3348


È necessario comunque rispettare in ogni caso le distanze rispetto alle luci e finestre altrui e soprattutto il regolamento, leggi qui:

Le norme sulle distanze legali sono applicabili nei rapporti reciproci fra condomini, in relazione alle parti immobiliari di proprietà esclusiva, qualora uno di essi, utilizzando una parte comune a vantaggio della sua proprietà, sia pure nei limiti di cui all'art. 1102 cod. civ., incorra nella violazione dei diritti di un altro condomino. N‚ al riguardo sono configurabili temperamenti, alla stregua di una valutazione di compatibilità delle norme suindicate con gli interessi da considerare nei rapporti condominiali, allorchè trattasi di utilizzazione implicante la violazione di una norma del regolamento condominiale predisposto dall'originario unico proprietario e recepito nei singoli atti di acquisto. (Nella specie, in base al surriportato principio, il Supremo Collegio ha ritenuto corretta la decisione dei giudici del merito con la quale, in accoglimento della domanda di un condomino, altri condomini erano stati condannati a rimuovere una struttura metallica a sostegno di una tenda, realizzata su di un balcone di loro proprietà esclusiva a distanza inferiore a quella prescritta dall'art. 907 cod. civ. dal balcone soprastante dell'attore ed in violazione di una norma del regolamento condominiale, vietante ogni modificazione dei balconi). Cass. civ., sez. II, 27 aprile 1981, n. 2531

A tuo favore:

Nell'ambito di un unico immobile condominiale le norme che regolano i rapporti di vicinato trovano applicazione solo in quanto compatibili con la struttura dell'edificio e con le caratteristiche dello stato dei luoghi. Pertanto, qualora esse siano invocate in una controversia tra condomini, spetta al giudice del merito valutare se, nel singolo caso, dette norme debbano essere osservate o meno, in considerazione dell'esigenza di contemperare i diversi interessi di più proprietari conviventi in un unico edificio, al fine dell'ordinato svolgimento di tale convivenza, propria dei rapporti condominiali. (Nella specie la Corte di cassazione, applicando tale principio, ha rigettato il ricorso avverso la pronuncia del giudice di merito che aveva ritenuto legittima la tettoia in lamiera di una tenda parasole (quest'ultima conforme al tipo e colore previsti dal regolamento condominiale) installata da un condomino, ritenendola necessaria - nel caso concreto - per la tutela della sua privacy e per il riparo dagli agenti atmosferici, nonostante fosse di dimensioni maggiori rispetto a quella di analoghi manufatti di altri condomini, provocasse fastidiosi riverberi di luce a causa della copertura metallica, e comprimesse l'esercizio del diritto di veduta in appiombo del condomino dell'appartamento sovrastante). Cass. civ., sez. II, 30 marzo 2000, n. 3891

L'installazione di una tenda su di un balcone di un edificio condominiale non incide sul decoro architettonico del fabbricato qualora la stessa fuoriesca solo minimamente dal limite del parapetto e presenti le stesse caratteristiche di modello e di colorazione di tutte le altre installate sulle facciate condominiali. Pret. civ. Pisa, 3 maggio 1993, n. 140


Ritengo che anche se il regolamento non indica colore e foggia, sia prerogativa dell'assemblea indicarle per tutto il perimetro dell'edificio.
Che l'intelaiatura possa agevolare l'intrusione dei ladri, ciò rimane un fatto soggettivo, da provare e non possa essere addotto quale diniego all'utilizzo.

Staff

Rispondi


marylyu

Utente semplice
3 interventi
06/05/2009 22:16:04
3mesi fa ho cambiato la tenda parasole laterale ,non da sulla strada principale.
le tende sono state montat più di 10 anni fa dunque la ditta dove erano state acquistate precedentemente non esiste più.
I colori e le righine sono similari a quella che ho tolto.
Prima del cambio tenda ho telefonato all'amministratore chiedendo un consiglio e se dovevo portare il tessuto e il colore per l'approvazione condominiale...Risposta:se i colori e la fantasia sono similari non c'è nessuna legge che le vieta di montarla...
A distanza di mesimi ritrovo in riunione che gli altri condomini delle palazine laterali e non la mia scala vogliono farmi togliere la tenda dato che non è uguale al 100%
L'amministratore nega la mia chiamata...come mi devo comportare?
Inoltre la tenda guardata dalla strada sembra identica alle altre..si nota la differenza solo da molto molto vicino....se non esiste più la vecchia fantasias e tela uno non deve più cambiare le tende???
Attendo sua gentilissima risposta ringraziandola fin da ora.


Rispondi


claistron

Staff
10141 interventi
06/05/2009 23:09:57
Inserisci il tuo quesito come "nuova discussione" nel forum, non riprendere un altro post.

Rispondi


marylyu

Utente semplice
3 interventi
06/05/2009 23:49:16
ok grazie 1000 claistron

Rispondi


Mauronat

Utente semplice
2 interventi
06/01/2015 11:39:01
Riguardo le ultime 2 righe, è possibile chiedere la rimozione di una tenda che OGGETTIVAMENTE è stata utilizzata dai ladri per agevolare un intrusione nell'appartamento al piano superiore, per evitare che il fatto possa ripetersi?

Rispondi


Mauronat

Utente semplice
2 interventi
06/01/2015 11:40:24
Riguardo le ultime 2 righe, è possibile chiedere la rimozione di una tenda che OGGETTIVAMENTE è stata utilizzata dai ladri per agevolare un intrusione nell'appartamento al piano superiore, per evitare che il fatto possa ripetersi?

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
applicazione del concetto di decadimento della solidarietà condominiale
delibera per lavori su area verde extracondominiale
anagrafica condominiale e dati affittuario
corte condominiale problemi
ripartizione spese intervento tetto condominiale
soppressione caldaia condominiale
conto corrente condominiale con duplice funzione
quorum deliberativo per uso esclusivo della canna fumaria condominiale dismessa
riserva idrica condominiale
impasse condominiale per proprietario introvabile
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading