Discussione: Art 328 c.p è applicabile al sindaco/servizi sociali che omettono di aiutare indigente?

Torna al forum: "discussioni" Stampa discussione (testo semplice)


Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

waauthor
Utente registrato
24/05/2013
18:42:39
Da molti mesi sono rimasto a vivere ai bordi della società in condizioni di indigenza e per emergere da questo stato, tra l’altro sono senza casa, ho bisogno di un intervento dei servizi sociali del comune. Per questioni gravi non posso rivolgermi agli enti della chiesa e la cosa dovrebbe essere gestita esclusivamente dal Comune. Ho provato con i servizi sociali e con il difensore civico ma non si è approdato a nulla. Mesi fa mi sono ammalato, niente di irrisolvibile, ma pensavo che l’ospedale una persona spossata da febbre alta ed influenza la ricoverasse qualche giorno, almeno la lasciasse riposare su una lettiga. Invece niente, un po’ di tachipirina, e via nei miei due metri quadri di scantinato. Mi sono rivolto ad un’associazione, perché non si può crepare per influenza o bronchite che uno non ha potuto curare, in Italia: ora dopo tanto tempo un’associazione nazionale si sta occupando del caso ed ha inviato al sindaco delle lettere. Il sindaco non risponde alle lettere e si comporta come aveva già fatto con me: con il silenzio. L’associazione sostiene che il comune dovrebbe intervenire e il mancato intervento e/o mancata spiegazione del mancato intervento può configurarsi come reato n.328 del c.p “omissione di atti d’ufficio”. L’associazione però mi spiega che debbo essere io a mandare una lettera raccomandata con diffida ex art 328 al sindaco, e se non risponde entro 30 gg, il sindaco incorrerà in tale reato.
Sebbene dal punto di vista sociale e lavorativo, qualcuno ha fatto terra bruciata intorno, so usare internet e molti strumenti informatici, ho studiato un po’ di diritto in passato, alle scuole superiori, … Sono preoccupato perché non ho trovato nessun caso come il mio che contempli l’articolo 328! Non ho trovato nulla, né nel codice penale commentato né nelle ricerche nel motore di ricerca Google.
Secondo voi questa è la procedura corretta? Avete qualche suggerimento? La lettera dovrebbe essere indirizzata al Sindaco? Ai servizi sociali? O forse vi sono altre procedure più rapide o altri Organi da interpellare?




Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
affidamento di minori, patria genitoriale e servizi sociali (regionali?)
bozza di contratto di cessione di quote sociali
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading