Discussione: Divisione delle spese di manutenzione di una strada servitù di passaggio

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

stefania108
Utente registrato
25/05/2011
21:59:31
Salve!

Sono proprietaria di una abitazione che è l'ultima da raggiungere lungo la strada (privata) di accesso dalla via principale(da rogito mi viene chiarito che per me la strada ha una valenza di servitù di passaggio). Questa strada oltre alla mia abitazione serve altre due proprietà, una abitazione e un lotto di terra con delle baracche. Si sta decidendo di risistemare tale strada nel tratto che va dall'ingresso alla prima abitazione e che riguarda quindi tutte e 3 le rispettive proprietà. Il resto della strada che porta al fondo con le baracche e alla mia abitazione è già risistemata.

Oggi mi hanno proposto di ripartire le quote della divisione degli oneri di tale manutenzione nel seguente modo: a me e all'altro proprietario delle abitazioni rispettivamente i 2/5 dell'importo e al propritario del lotto con le baracche (giustificato di minor valore rispetto alle nostre proprietà) l' 1/5.

Non so da dove venga dedotta una tale proporzione e anzi, penso che dato che la strada è una servitù di passaggio che permette l'accesso alle 3 proprietà le spese debbano essere equamente divise, anche se sicuramente noi proprietari delle abitazioni ne usufruiamo di più.

Tengo a precisare che cmq le baracche sono comunque accatastate come civile abitazione (anche se sono pochissimi mq) e che il terreno è in vendita.

Come dobbiamo regolarci in merito alla spartizione degli oneri di manutenzione?

Sono alquanto confusa e non vorrei dover pagare quote che non mi spettano dato che cmq i lavori sono giù di per sè abbastanza onerosi...

Grazie mille per la vostra risposta!



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10144 interventi
26/05/2011 10:36:26
Il codice impone la suddivisione delle spese in base ai millesimi.
Se non esistono millesimi, si ripartisce in base al valore catastale (cassazione).
Ritengo ti convenga accettare la soluzione proposta.



Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
attribuzioni spese frontalino balcone aggettante
attribuzione spese conricione sotto-stante la proprietà
attribuzione spese lastrico a negozi in parte coperti dallo stesso
pagamento delle spese per realizzazione cancello ingresso.
partecipazione alle spese per rifacimento portone ingresso condominio
servitù di passo coattiva per usucapione
diritto di passaggio in casa per accedere ad un lastrico solare
riparto spese per assicurazione fabbricato
spese condominio bon non iscritte nel contratto di locazione
ripartizione spese intervento tetto condominiale
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading