Discussione: competenze spostamento contatore gas

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

adalessa
Utente registrato
30/03/2011
14:32:51
Buon pomeriggio a tutti. Avrei bisogno di un vostro gentile parere sulla seguente questione.
Sto completando i lavori di ristrutturazione edilizia di una unita' immobiliare già dotata di impianto a gas metano e relativo misuratore installato all'esterno, in aderenza del muro perimetrale dell'edificio.
La ristrutturazione prevede l'installazione di un isolamento a cappotto su l'intera superficie esterna dell'abitazione.
Il misuratore del gas e relativa tubazione impediscono la corretta posa dell'isolamento a cappotto nel tratto di muro da loro occupato.

Ho chiesto lo spostamento del misuratore.

Il tecnico incaricato al sopralluogo mi informa che il lavoro prevede un piccolo scavo su suolo comunale per intercettare il tubo nel punto di ingresso nella proprietà privata, il taglio del tubo e l'inserimento di nuovi gomiti e tubo per e la creazione di un nuovo montante che poterà il gas ad un nuovo misuratore installato sulla recinzione della proprietà.

A seguito del sopralluogo, la ditta fornitrice mi presenta il preventivo di spesa, nel quale verifico che mi viene addebitato il costo per un diverso lavoro da quello concordato col tecnico che ha effettuato il sopralluogo. Ovvero, i costi per lo scavo e l'allaccio al tubo principale che passa in centro strada.
Questo cambiamento di strategia e' dovuta dal fatto che la ditta fornitrice ritiene necessario la sostituzione del tubo che collega l'attuale misuratore con il tubo principale in centro strada ed installarne uno con diametro maggiore.
Il lavoro risulterebbe nell'equivalente di in un nuovo allaccio.

Mi chiedo perché io debba pagare per questo "nuovo allacciamento" o comunque per interventi oltre misura sulla infrastruttura del gestore dal momento che l'attuale tubo già mi garantisce la fornitura di gas necessaria all'abitazione.

Ci sono norme che mi possono aiutare?

Vi ringrazio in anticipo per l'aiuto.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10215 interventi
30/03/2011 21:21:55
Sicuramente la ditta appaltatrice dei lavori commissionati dal gestore e quindi da te, è in grado di dimostrare, perizia tecnica alla mano, che la tubazione originaria non è più idonea (o non in regola e certificata) per il corretto funzionamento dell'impianto.

Per contestare quanto da loro prodotto, dovresti far fare tu stesso una perizia da un professionista di fiducia e contestare il lavoro in oggetto.

Se doveste arrivare fino davanti ad un giudice, tu pensi che questi presterebbe più attenzione ad un professionista o alle tue lamentele finanziarie?

Se ritieni comunque di essere in grado di provare che il lavoro in oggetto non è di tua competenza, ti consiglio di rivolgerti ad un'associazione consumatori, hanno avvocati esperti proprio in questo genere di controversie.

Rispondi


adalessa

Utente semplice
1 interventi
01/04/2011 10:42:35
Mille graze per la risposta. Farò un tentativo.

Nel frattempo mi chiedo se potete aiutarmi ad interpretare un passaggio del mio contratto stupulato col venditore di gas.

Per scrupolo sono andato a recuperare la copia del contratto dove trovo due punti su cui vorrei un vostro cortese parere.

Nel seguente punto si dice che tutto ciò che c'e' a monte del contatore lo può toccare solo il distributore... corretto?

"Le parti si danno e rendono reciprocamente atto che tutte le opere relative all'impianto Esterno di allacciamento ed al gruppo di misura, con i relativi accessori, sono a carico del Distributore"


Qui di seguito invece si dice che i costi per la realizzazione (nuovo allaccio) o la messa a norma di tutto ciò che c'e' prima del contatore e' a carico mio???? Interpreto bene???

"La vendita di gas naturale e' subordinata:

- all'impegno del Cliente di corrispondere al Venditore ogni spesa, onere e/o costo, sostenuto direttamente dal Venditore e/o da altro soggetto da lui direttamente incaricato, per la realizzazione e/o l'adeguamento del Punto di Riconsegna in conformità alla normativa vigente, nonché per qualsiasi attività effettuata sullo stesso ad opera del Distributore e riaddebitabile al Venditore secondo quanto previsto dalla normativa vigente"

Se così fosse mi pare molto scorretto!

Grazie in anticipo per l'aiuto.

Cordiali salti.

Rispondi


claistron

Staff
10215 interventi
01/04/2011 14:58:24
I contratti sono fatti apposta per rendere immune una delle due parti da possibili rivalse.

Ecco che inseriscono un articolo a loro "sfavore" e subito dopo uno contrario.

Sarà quindi indispensabile affidarsi ad un'associazione consumatori.

Rispondi


EdoardoR

Utente semplice
1 interventi
21/09/2018 09:39:09
Buongiorno, dopo aver cercato sul vostro forum, credo che questo argomento sia quello che più si avvicina al mio problema.

Il distributore di gas deve rinnovare la rete sino al punto di conusmo finale. Ha deciso di mettere il contatore nuovo, quello visibile all'esterno della proprietà, su un muro della proprietà il quale, se sezionato - come previsto dal tecnico della ditta distributrice - perderebbe consistenza e potrebbe facilmente crollare.

Difatti il muro che dovrebbe venire tagliato, contiene il suolo del giardino che si eleva sino a due metri sopra il piano stradale. Il muro ha il ruolo effettivo di contenimento del terreno e non di semplice demarcazione/protezione da invasioni umane/animali.

Inoltre nella strada pubblica sulla quale il muro si affaccia, a distanza di circa un metro, un metro e mezzo dalla base del muro, è stata scavata una trincea per la sistemazione della nuova rete fognaria la quale ha causato l'indebolimento della consistenza del suolo che a sua volta ha leggermente ceduto alla spinta del terrapieno dietro il muro causandone una inclinazione della facciata verso l'esterno.

L'ultima vostra risposta a questo argomento è stata "Sarà quindi indispensabile affidarsi ad un'associazione consumatori." Chiedo semplicemente conferma se questo è anche il caso mio.
Grazie sentitamente per una vostra risposta.
Edoardo

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
due appartamenti e un solo contatore
spostamento termosifoni
spostamento porta - variazione catastale?
spostamento contatore gas
assemblea, suo spostamento dopo la costituzione
autorizzazioni sposamento contatore acqua dal sottoscala ad una nicchia sul frontestrada
contatore idrico comune e morosità: gli strumenti dell’amministratore
divisione competenze amministratore
spostamento parabola sky e tranciatura cavi tv
alloggiamento contatore gas
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading