Discussione: Spese condominiali per propietà con ex coniuge e obblighi amministratore

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Joe63
Utente registrato
17/09/2010
09:29:27
Salve,
sono alle prese con diverse problematiche con un condominio,e ex coniuge, per le quali spero che qualcuno più esperto di me possa darmi delle delucidazioni.

La situazione è questa:
sono legalmente separato e non più residente nell'appartamento che è stato affidato all'ex coniuge, con la quale sono proprietario al 50%, pertanto alla luce di questa situazione:

1) quali sono le spese condominiali che legalmente sono tenuto a pagare? A mio sapere sono obbligato al pagamento solo dei lavori di manutenzione straordinaria, me lo confermate?
2) Lavori, per i quali l'amministratore continua a intimarmi messe in mora, relativi a:
- messa a terra del fabbricato secondo legge 46/90;
- eliminazione delle parti pericolanti del fabbricato eripristino delle parti rimosse;
- tinteggiatura di una ringhiera con ripristino di un muretto del viale d'ingresso del fabbricato
sono da considerarsi di manutenzione ordinaria o straordinaria?
3) Tutti gli avvisi di pagamento, per i lavori di cui sopra, eventualmente non sono tenuto a pagarli, devo rimandarli all'amministratore e specificargli che sono a carico del mio ex coniuge?
4) Posso appellarmi a decisioni prese, seppur a maggioranza, al fatto che vi sono riunioni di condominio per le quali non mi è arrivata nessuna convocazione? (io abito a Torino e l'appartamento in questione è ubicato a Napoli)
5) E' legale che l'amministratore mi indichi un c/c bancario a lui intestato, e non al condominio, sul quale versare le rate condominiali?

Spero di essere stato chiaro nell'esposizione, e chiedo scusa se alcune questioni da me postate sono state già esaminate in altre sezioni del forum. Ho provato a cercarle ma non sono riuscito a trovare nulla di simile in altri post.
Grazie per l'ospitalità e ringrazio tutti coloro che mi risponderanno.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10163 interventi
17/09/2010 11:52:20
Ne ho parlato diverse volte in questa sezione del forum, bastava fare una semplice ricerca con l'apposito tasto ......

Il coniuge che ha la conduzione dell'appartamento dopo la separazione ha di norma a carico le spese di manutenzione "ordinaria" e d'uso oltre al 50% delle restanti spese (straordinarie) in quanto ench'esso proprietario della quota dell'appartamento, salvo diversa statuizione del giudice.

Il conduttore quindi ha le stesse spese imputabili ad un affittuario che puoi vedere nella solita tabella:

http://www.condomini.altervista.org/RipartizioneProprInquil.htm

L'amministratore può richiedere il pagamento delle spese (tutte) anche ad uno solo dei comproprietari in quanto gli stessi agiscono "in solido" nei confronti del condominio; naturalmente l'amministratore richiede le rate al comproprietario più solvibile, sia le spese ordinarie, sia le spese straordinarie.

Sarà poi il comproprietario che ha pagato le quote che si rivarrà sull'ex coniuge per la parte di quota di sua competenza.

L'amministratore, secondo gli usi consolidati può inviare la convocazione dell'assemblea ad uno solo dei comproprietari, se lo ritieni opportuno puoi inviare una raccomandata all'amministratore chiedendo di inviare anche a te le lettere di convocazione.

Per quanto hai esposto sopra non vi sono appigli per procedere con opposizione nei confronti dell'amministratore.

Se vuoi una per una le risposte ai tuoi quesiti, le trovi al "solito" link:

http://www.condomini.altervista.org/

Rispondi


Joe63

Utente semplice
5 interventi
18/09/2010 10:02:25
Grazie per le chiare e precise risposte, nonchè i link evidenziati.

Rispondi


Joe63

Utente semplice
5 interventi
18/09/2010 10:39:49
Torno sull'argomento della convocazione per un chiarimento. Tu mi dici:... "L'amministratore, secondo gli usi consolidati può inviare la convocazione dell'assemblea ad uno solo dei comproprietari..."
ma secondo quanto leggo da una sentenza, al link da te postato, di cui riporto un passaggio:
"Un caso molto frequente è quello in cui uno stesso appartamento sia in comproprietà fra due o più persone (per es. moglie e marito). In tale ipotesi l'avviso di convocazione dovrà essere inviato a tutti; se però l'avviso è stato dato ad uno solo dei comproprietari e ricorrono circostanze tali da indurre il giudice a ritenere che chi l'ha ricevuto abbia avvisato anche gli altri o l'altro (come nel caso di due coniugi conviventi che non siano in contrasto d'interessi), la convocazione, ha precisato la Cassazione con sentenza n. 1206 del 16/2/1996, è valida.Non altrettanto se il coniuge è legalmente separato e non abita più nell'edificio condominiale, non sussistendo in tale ipotesi ragioni che, per la natura dei rapporti familiari e di convivenza, possano far presumere che egli sia stato informato dell'avviso di convocazione comunicato alla sola moglie (Trib. Milano, 18/10/1993).
ne deduco l'amministratore deve inviarmi obbligatoriamente la convicazione in quanto sono legalmente separato e non risiedo più non solo nello stabile, ma addirittura fuori comune.
Cosa ne pensi? Grazie

Rispondi


claistron

Staff
10163 interventi
18/09/2010 14:07:03
Non devi "interpretare" .....

L'amministratore non è tenuto a sapere che tu ti separi, che una parte della famiglia cambia residenza, ecc.

Sono sempre gli interessati che "devono" comunicare all'amministratore la nuova situazione e richiedere espressamente l'invio della corrispondenza al nuovo indirizzo (Cassazione).

Rispondi


Joe63

Utente semplice
5 interventi
18/09/2010 14:16:32
Ma io comunicai ben 4 anni fa all'amministratore che non abitavo più in quella casa a seguito di separazione notificandogli la mia nuova residenza.

Rispondi


Joe63

Utente semplice
5 interventi
18/09/2010 14:23:21
...mandai una raccomandata dove gli comunicavo che non ero più residente e chiaramente glii scrissi di mandarmi ogni comunicazione al nuovo indirizzo.

Rispondi


claistron

Staff
10163 interventi
18/09/2010 14:52:36
Diffida l'amministratore ad inviarti la corrispondenza al nuovo indirizzo, avvertilo che in mancanza di adempimento farai annullare tutte le assemblee future.

Rispondi


Joe63

Utente semplice
5 interventi
18/09/2010 14:55:03
Grazie per tutte le informazioni

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
spese individuali per recupero morosità
compiti e responsabilità amministratore d.l.124/2019
responsabilità dell'amministratore per lavori ordinari/straordinari
amministratore che non vuole allegare al verbale gli allegati
bilanci non presentati per 7 anni dal precedente amministratore
attribuzioni spese frontalino balcone aggettante
attribuzione spese conricione sotto-stante la proprietà
attribuzione spese lastrico a negozi in parte coperti dallo stesso
pagamento delle spese per realizzazione cancello ingresso.
rate condominiali presunte non pagate
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading