Discussione: Clausola avviamento commerciale

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Bartolo
Utente registrato
26/05/2010
14:17:08
Salve avv.ti,
avrei un grosso dubbio da sottoporre alla vostra attenzione:
ho un contratto di locazione di un immobile adibito ad uso commerciale ove è presente una clausola che libera il locatore dal corrispondere allo scadere del contratto alcuna indennità per perdita dell'avviamento 'in quanto di ciò si è tenuto conto nella determinazione del canone'.
Tale clausola, a mio avviso vessatoria, è stata per l'appunto sottoscritta come richiesto dall'art.1341,2°comma.
Mi domando: può tale clausola considerarsi valida a tutti gli effetti?
o forse essendo, anche se sottoscritta dalle parti, contraria a norma imperativa (art.34 - l.392/78) è da considerarsi nulla?
Attendo con ansia il vostro parere e vi ringrazio anticipatamente.

coridali saluti.



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10191 interventi
26/05/2010 16:42:13
Con l'avvento dei patti in deroga la normativa è cambiata.

Il contratto validamente sottoscritto riportante la clausola citata, magari con doppia firma da parte del locatario che fa riferimento alla deroga citata, ha piena efficacia (Cassazione).

Un ricorso giudiziario potrebbe trovare accoglimento con valide testimonianze della vessatorietà psicologica subita, ma si potrebbe anche incorrere nel pronunciamento di "lite temeraria", con tutte le conseguenze del caso.

Rispondi


Bartolo

Utente semplice
2 interventi
26/05/2010 17:13:52
Grazie mille! La risposta è stato davvero completa.

Mi sorgono due nuovi dubbi:

1) Mi sn accorto che c'è stata una cessione di locazione tra conduttore (padre), il quale ha firmato la clausola nel contratto, e nuovo conduttore(figlio).
Può questo essere motivo di inefficacia della clausola, in quanto la firma è del padre e non del figlio?

2)La vessatorietà psicologica non dovrebbe escludersi in quanto il contratto è stato stipulato e sottoscritto mediante scrittura privata di comune accordo?

Grazie =D

Rispondi


claistron

Staff
10191 interventi
26/05/2010 18:31:01
Il figlio subentrante continua il rapporto di locazione con le stesse clausole se non diversamente indicato dal contratto.

Come ti ho gia detto è difficile da dimostrare la vessatorietà delle clausole in oggetto.

Rispondi


Bartolo

Utente semplice
2 interventi
26/05/2010 18:35:56
chiaro. :D grazie ;)

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
infiltrazioni acque piovane nell'attività commerciale.
locazione immobile commerciale - buona entrata
inserire garante in un contratto di locazione commerciale
intimazione di sfratto per morosità - locazione commerciale
canone affitto negozio commerciale.
affitto locale commerciale.
clausola compromissoria in contratto di locazione.
attività commerciale in condominio
ingiunzione di pagamento canone commerciale insoluto
acquisto casa: clausola "salvo accettazione mutuo"
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading