Discussione: Dubbi enormi sull'arbitrato

Torna al forum: "lavoro" Stampa discussione (testo semplice)


Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

Latios89
Utente registrato
01/05/2010
15:17:33
Salve a tutti, gentilissimi.
Sono uno studente di Giurisprudenza e avrei intenzione di chiedervi, se possibile, alcune delucidazioni in merito al procedimento arbitrale (rituale e irrituale) applicato nel mondo lavoristico. Soprattutto a fronte del mio libro di testo impostomi (nel vero senso della parola) dall'università, che è molto poco chiaro e ricco di errori di qualsiasi genere.
Prima di tutto: mi pare di aver capito che in linea generale qualsiasi tipo di arbitrato nel mondo del lavoro è possibile solo se previsto da contratti collettivi o dalla legge. Oltre ovviamente a essere necessaria la convenzione tra le singole parti, nelle diverse forme conosciute. Ma al di là di questo (correggetemi nel caso abbia sbagliato) mi chiedevo: il tentativo obbligatorio di conciliazione va esperito comunque per poter accedere alla procedura arbitrale? Perchè il mio libro, in linea con l'art. 412-ter del c.p.c mi dice che sì, va esperito in riferimento all'arbitrato irrituale, ma nulla dice riguardo a quello rituale. In questo caso si può instaurare la procedura arbitrale anche senza il tentativo di conciliazione ex. art. 410 c.p.c.?

E infine, il dubbio più grosso: il mio libro sottolinea come il lodo irrituale abbia valore negoziale tra le parti e non valore di sentenza come quello derivante dall'arbitrato rituale e, in linea con l'art. 825 c.p.c., sottolinea come non sia possibile l'applicazione di questo articolo, che riguarda l'esecutività, al lodo irrituale. Quindi quest'ultimo non può essere dichiarato esecutivo. E allora come mai l'art. 412-quater prevede che -Il giudice, su istanza della parte interessata, accertata la regolarità formale del lodo arbitrale, lo dichiara esecutivo con decreto.-?..L'articolo 412-quater riguarda il lodo irrituale, no? E quindi mi sembra un contrasto con ciò che dice l'art. 825 c.p.c. e, sulla base di questo, anche il mio libro di testo!

Vi ringrazio in anticipo e mi scuso se ho fatto confusione con i termini della procedura civile, esame che non ho ancora dato trovandomi al secondo anno del corso di studi!



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
dubbio di diritto del lavoro - periodo di comporto e ccnl commercio
dubbio apertura sito
decimali assurdi su ferie godute e dubbi su busta paga
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading