Discussione: Scrittura privata e Riconfinamento

Torna al forum: "discussioni" Stampa discussione (testo semplice)


Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

syberiano
Utente registrato
09/02/2010
09:34:40
Buongiorno a tutti/e,
avrei bisogno cortesemente di un vostro parere.
Sto per acquistare una bifamiliare costruita su di una particella X che confina con una particella catastale Y.
Il costruttore sulla particella X e il proprietario della particella Y hanno redatto una scrittura privata (non registrata e non autenticata) in cui in forma bonaria il proprietario della particella Y riconosce al Costruttore l'esistenza di una linea di confine sulla mediana del muro di cinta esistente sulla particella Y medesima. Il Costruttore sulla particella X riconosce una somma in euro per il possesso della metà del muro esistente.
La scrittura privata ha come allegato, redatta da un tecnico (con tanto di fattura) una Pianta in scala 1:200 del nuovo riconfinamento pattuito e una copia dell'assegno versato per il possesso della metà del muro esistente.

Il problema è questo:
essendo la scrittura privata non registrata e non autenticata e quindi non trascritta, vale giuridicamente solo tra coloro che l'hanno sottoscritta e non verso TERZI. Nel momento, dunque, che andrò ad acquistare l'immobile sulla particella X, non sarò assolutamente tutelato relativamente alla questione confine perchè il proprietario della particella Y (o un suo futuro nuovo proprietario) potranno rivendicare sempre la posizione del confine (magari rivendicando che sia spostato verso la mia particella) e in questo caso io non avrò nessuna prova da opporre. Inoltre, la particella Y arriva da donazione e non sarò, quindi, neanche al sicuro da eventuali situazioni di pignoramento etc. etc. contro il proprietario della particella Y.

Come mi posso tutelare?
E' possibile fare autenticare una scrittura privata vecchia di 2 anni (anche se le parti che l'hanno redatta sono ancora in vita?) e poi farla trascrivere?

Una eventuale registrazione (se una delle due parti non accetta la trascrizione a l'autentica) può essermi utile in futuro?

Oppure, se nel mio atto di compravendita faccio inserire una specifica in cui almeno il costruttore (una sola delle parti) mi certifica di aver stipulato quella scrittura privata (che quindi con il mio atto avrebbe almeno data certa) mi potrebbe tutelare?

Non so come comportarmi, chiedo aiuto!

Grazie



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
cessione usufrutto con scrittura privata autenticata
validità scrittura privata tra acquirente e venditore immobile
cane senza guinzaglio investito in proprietà privata
scrittura privata prestito gratuito tra privati ex 1813 c.c.
imposizione di scrittura orivata
vicinanza ad abitazione privata di animali di grossa taglia
come far rispettare una scrittura privata
scrittura privata autenticata
valore di una scrittura privata
ripartizione spese di realizzazione strada privata
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading