Discussione: Ripartizione Spese Rinnovo Caldaia condominiale

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

taith
Utente registrato
15/12/2005
16:15:55
Salve
premesso che 5 anni fa ho acquistato un appartamento con riscaldamento autonomo che non è stato mai collegato all'impianto di riscaldamento condominiale. Infatti non mi sono state mai chieste spese relative a consumi o manutenzione riscaldamento centralizzato.
nel mio condominio l'assemblea ha deciso di sostituire la caldaia condominiale perchè obsoleta.
hanno suddiviso le spese secondo i millesimi di proprietà e quindi mi hanno chiesto di pagare,
è giusto che io paghi tali spese?
grazie
Paolo



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10180 interventi
15/12/2005 18:54:50
Buongiorno Paolo

....Le spese di sostituzione della caldaia condominiale devono essere ripartite secondo i millesimi di proprietà e non seconso l’uso che ciascun condomino può farne (Salvo deroga contrattuale attraverso una convenzione che obblighi tutti i condomini).....
Così recita una delle tante sentenze di Cassazione che trovi qui:
http://www.condomini.altervista.org/ImpiantoCentralizzato.htm

Probabilmente il vecchio proprietario dell'appartamento ha ottenuto dall'assemblea condominiale l'esonero dalle spese d'uso (consumi), ma non quelle per la manutenzione dell'impianto che resta condominiale e comune a tutti gli effetti.
Dovresti verificare circa una delibera assembleare precedente.
Controlla anche il regolamento contrattuale.

Se le cose stessero così, è regolare la richiesta di partecipazione alle spese.

Saluti

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
15/12/2005 18:59:53
Ciao taith,
dal tenore del tuo messaggio si evince che la tua unità immobiliare sin dalla costruzione dell' edificio sia rimasta strutturalmente autonoma rispetto all' impianto di riscaldamento centralizzato; ciò sarebbe sufficiente per escludere la presunzione di comproprietà dell' impianto di cui all' art.1117 cod. civ; di conseguenza nessuna spesa di pertinenza del servizio di riscaldamento dovrebbe esserti accollata, salvo quanto eventualmente previsto dal regolamento
( contrattuale ) di condominio.
Saluti

Rispondi


claistron

Staff
10180 interventi
15/12/2005 22:10:50
Il fatto stesso che esista un impianto di riscaldamento centralizzato presuppone che la proprietà dello stesso sia comune.

L'estraneità al possesso e quindi ai doveri di corrispondere le proprie quote per le spese di manutenzione e ricostruzione dell'impianto deve essere certificata da un documento.

Se vi sono dubbi, le Sentenze emesse sull'argomento contribuiscono a risolvere il problema.

Saluti





Rispondi


taith

Utente semplice
2 interventi
16/12/2005 09:56:43
Innanzi tutto grazie per le risposte
mi hanno detto che la caldaia è in tabella A e che quindi è di proprietà comune

leggendo http://www.condomini.altervista.org/ImpiantoCentralizzato.htm ed esattamente il paragrafo che recita:
"Consegue da ciò che, ove nell’edificio condominiale vi siano locali (ad esempio box-cantine) non serviti dall’impianto di riscaldamento centralizzato, i condomini titolari, soltanto, della proprietà di tali locali, non sono contitolari dell’impianto centralizzato, non essendo questo legato da una relazione di accessorietà, cioè da un collegamento strumentale, materiale e funzionale all’uso o al servizio di quei beni; cosicché, venendo meno il presupposto per l’attribuzione della proprietà comune dell’impianto viene meno anche l’obbligazione propter rem di contribuire alle spese per la conservazione dello stesso."
mi rimane qualche dubbio
e se non dovessi pagare? che succede?
un avvocato mi ha detto di scrivere una raccomandata all'amministratore dicendo che non intendo pagare e se l'assemblea approverà la ripartizione delle spese mi dovrò opporre alla delibera dell'assemblea

la faccenda si fa complicata... comunque non sono spiccioli quindi credo che non pagherò
grazie ancora
Paolo

Rispondi


claistron

Staff
10180 interventi
16/12/2005 13:58:59
Buongiorno Paolo

Come ti ho detto sopra, mi sembra che tu abbia poche speranze di non pagare le spese di manutenzione dell'impianto comune.
Ritengo sia gia importante che non ti facciano partecipare in alcun modo alle spese per i consumi.

Se non contribuirai alle spese, l'amministratore potrebbe far emanare un decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo nonostante opposizione ( art. 63 disp. att. del C.C.)
Attenzione ai consigli di un solo professionista, documentati nel migliore dei modi e chiedi informazioni procedurali, normative e giurisprudenziali anche ad altri.... alla fine chi deve pagare ed eventualmente soccombere sei solo tu.

Saluti

Rispondi


taith

Utente semplice
2 interventi
16/12/2005 15:55:48
Forse non sono stato chiaro

il mio appartamento non è servito dall'impianto di riscaldamento. trattasi di un piano terra che non possiede l'allaccio alle tubaturre, ne è previsto nel nuovo impianto di allacciarlo all'impianto condominiale

perchè dovrei pagare una cosa che non potrei, anche volendo, utilizzare?

Rispondi

Anonimo
Utente non registrato
(0 risposte nel forum)
30/01/2008 12:15:04
Sto in condominio in un appartamento con riscaldamento autonomo. Premetto che la caldaia centralizzata è sita in un altro stabile adiacente al nostro che serve i due palazzi. Ho acquistato l’appartamento nel 2003, prima ero in affitto, e non ho mai pagato le spese di manutenzione della caldaia perché non previste dalle tabelle millesimali. Il mio appartamento non è mai stato allacciato all'impianto di riscaldamento centralizzato. I condomini ritengono, che io debba pagare una quota relativa alla manutenzione dell'impianto. Premetto che nello stesso stabile c'è un altro appartamento che in tempi passati è stato allacciato all'impianto centralizzato ed ora risulta staccato con propria caldaia e che paga la manutenzione rimpianto. Riassumendo sembra che il cavillo sia proprio sul fatto che il mio appartamento è sempre stato autonomo e non ha mai usufruito di parti comuni con l'impianto centralizzato. Dicono che c'è stato un errore e per legge devo pagare. Cosa ne pensate. Grazie Gianfranco.

Rispondi


claistron

Staff
10180 interventi
30/01/2008 12:46:45
Gian
Inserisci il tuo quesito in una nuova discussione, non riprendere un post vecchio di oltre due anni, sarà immediatamente più visibile.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
spese personali pulizie scale
costruzione pergola su terrazza condominiale privata
utilizzo del c/c condominiale
spese individuali per recupero morosità
ripartizione spesa installazione nuovo autoclave.
richiesta dettaglio in bolletta condominiale.
parcheggio cortile condominiale
attribuzioni spese frontalino balcone aggettante
attribuzione spese conricione sotto-stante la proprietà
attribuzione spese lastrico a negozi in parte coperti dallo stesso
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading