Discussione: Indennità di malattia

Torna al forum: "lavoro" Stampa discussione (testo semplice)


Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

GIUTAN
Utente registrato
28/09/2009
14:33:11
Salve sono ricoverato in ospedale per un male da 30 giorni circa, ho già usufrutito di 60 giorni di malattia, per via degli accertamenti, ai quali appunto vanno aggiunti i 30 attuali in ospedale. Penso che avrò bisogno di altro tempo e non saprei quantificarlo con esattezza. Mi potreste spiegare, sono guardia giurata, come funziona, quanti mesi di malattia mi spettano e la % di retribuzione dell'inps e del datore di lavoro.
Grazie.


Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

dompu

Utente avanzato
286 interventi
28/09/2009 21:37:25
Salve,l'art. 124 del ccnl 2004( guardie giurate private) di riferimento prevede che si ha diritto alla normale retribuzione netta mensile per un periodo massimo fino a 180 gg,comprensiva della quota a carico Inps.
Saluti domenico


Rispondi


GIUTAN

Utente semplice
1 interventi
29/09/2009 14:25:55
si ma devono essere continuativi oppure no, nel senso che se interrotti da giorni lavorativi e/o ferie posso poi richiederle nuovamente e riconsiderare 180 giorni.
Se non riprendo il lavoro entro i 180 giorni cosa succede dopo.
Grazie


Rispondi


dompu

Utente avanzato
286 interventi
29/09/2009 21:44:46
l'indennità di malattia spetta per un periodo massimo di 180 gg per anno solare.
Se si tratta di più eventi si contano i gg dal primo fino all'ultimo.
Nel caso di malattia iniziata in un anno e protrattasi nell'anno successivo, il limite dei 180 gg vale per ciascun anno autonomamente.
Alla seconda domanda, l'art. 125 del ccnl di riferimento prevede:
Conservazione del posto di lavoro
Il lavoratore non in prova, fermo restando quanto disposto dal precedente articolo ha diritto alla conservazione del posto di lavoro per i seguenti periodi:
- fino a 240 ( duecentoquaranta) giorni di malattia riferibile a più episodi morbosi, nell’arco di un anno solare;
- fino a 300 (trecento) giorni di malattia, ancorchè non continuativi, riferibile allo stesso episodio morboso, nell’arco di un anno solare a condizione che l’imputabilità della malattia allo stesso episodio morboso sia certificata come tale prima che il lavoratore abbia totalizzato i 240 (duecentoquaranta) giorni di malattia di cui al precedente alinea.
Superato i limiti di conservazione del posto di cui sopra e a fronte del protrarsi dell’assenza a causa di malattia grave e continuativa, periodicamente documentata, il lavoratore potrà usufruire, previa richiesta scritta, di un ulteriore periodo di aspettativa fino alla guarigione clinica, debitamente comprovata, che consenta al lavoratore di assolvere alle precedenti mansioni e comunque di durata non superiore a complessivi sei mesi continuativi, durante il quale non decorrerà retribuzione, né si avrà decorrenza di anzianità per nessuno istituto.
Le assenze determinate da patologie gravi che richiedono terapie salvavita, che comunque non fanno venire meno la capacità di prestazione lavorativa anche se intervallate nel tempo, consentiranno al lavoratore, all’atto del superamento del periodo di conservazione del posto di lavoro, di poter fruire dell’aspettativa prolungata non retribuita, anche in maniera frazionata, in rapporto ai singoli eventi terapeutici necessari.
Ai fini di cui sopra il lavoratore fornirà all’azienda le dovute certificazioni che l’azienda medesima tratterrà nel rispetto delle d.lgs. 30 Giugno 2003 n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali).

Superati i termini di cui sopra, il datore di lavoro potrà procedere al licenziamento senza obbligo di preavviso.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
diritto all'indennitàchilometrica libero professionista?
rigetto decreto ingiuntivo lavoro, indennità di missione, prova scritta
indennità di locazione e vendita appartamento in comproprietà
indennità di opraelevazione
separazione per mancata assistenza psicologica e morale in stato di grave malattia
promesse di guarigione da malattia sconosciuta
ricorso contro inail rendita ai superstiti per malattia da lavoro
ricorso contro inail rendita ai superstiti per malattia da lavoro
ricorso contro inail rendita ai superstiti per malattia da lavoro
ricorso contro inail rendita ai superstiti per malattia da lavoro
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading