Discussione: risoluzione contratto preliminare ma comproprietario non d'accordo

Torna al forum: "discussioni" Stampa discussione (testo semplice)


Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

manuela75
Utente registrato
23/09/2009
13:45:56
Buongiorno,
ho un grosso problema ormai da 1 anno.
con la mia ex moglie, ancora durante il matrimonio, ho firmato il preliminare di acquisto 1^ casa (gennaio 2008) a febbraio 2009 mi sono separato, tra l'altro con condizioni poco eque per limitare la sua smania di regalare cause legali a mezzo mondo (a lei l'intero incasso della vecchia casa - 110.000€ e 450€ mantenim. mensile per il bimbo). Totale €380.000, versati 2 acconti fino a febbraio per un totale di 81.000, poi sarebbero seguiti i 110.000 e il mutuo per la differenza. il costruttore è informato solo a voce di quanto ma non abbiamo mai formalizzato la ns. volontà di ritirarci dal contratto.
il costruttore ha scritto 1 lettera dove dice che restituisce tutti gli 81.000€ se gli vengono pagate delle modifiche extra capitolato (commissionate da mia ex moglie a mia insaputa)x € 24.000. ora la mia ex moglie che è partita in 4^ col suo avv. per dichiarare la nullità del preliminare per mancanza di fidejussione, e vuole farlgi causa xchè il prezzo delle modifiche secondo lei è troppo alto. cosa posso fare per togliermi da questa situazione? ho anche pensato di comprare la quota di lei ma vuole una cifra troppo alta. Le modifiche le devo pagare anch'io? posso agire da solo e cercare un accordo col costruttore o nella causa lei mi tirera in mezzo? con lei non c'è dialogo ed eviterà la causa solo se le scrivo che pago io i 24.000€ + le spese legali.
grazie per i consigli.


Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

avv.Fogliani

Utente avanzato
145 interventi
29/09/2009 11:09:27
Mi pare non ci siano molti margini di trattativa.
A mio avviso, a questo punto, conviene aspettare la causa e, in quella sede, far valere le Sue ragioni.

Rispondi


manuela75

Utente semplice
2 interventi
08/10/2009 14:27:18
Grazie della risposta.
vorrei chiedere un chiarimento: il contratto è nullo x mancanza di fidejussione o noi siamo la parte inadempiente (abbiamo versato tutti gli acconti chiesti fino a quello rel. alla quota della vendita della vecchia casa xchè incassati tutti dalla mia ex moglie che non vuole proseguire nella vendita)?
la differenza è che se il contratto è nullo deve restituire la caparra vero?
le modifiche le devo pagare a metà o mi posso rivalere sulla mia ex moglie (sono accordi presi tra lei e il costruttore in privato tenendomi allo scuro di tutto)?
sto cercando un accordo per evitare la causa.
grazie

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
preliminare nuda proprieta' e morte del venditore prima del rogito
cambio conduttore contratto di locazione
contratto telefonico
recesso contratto master
contratto fornitura gpl
vizi - contratto subfornitura
contratto di collaborazione tra consorzio e ente pro lco
raccomandata respinta e risoluzione di contratto
contratto affitto non registrato
contratto d'applato vizi e denuncia
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading