Discussione: separazione: io casalinga, lui lavoratore, 2 figli come mi devo comportare?

Torna al forum: "discussioni" Stampa discussione (testo semplice)


Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

perlina
Utente registrato
09/06/2009
09:42:00
salve mi serviva un consiglio: sono una donna di 50 anni faccio la casalinga mentre mio marito è ufficiale dei vigili urbani abbiamo 2 figli uno di 15 e una di 24 che ultimamente però ha problemi a trovare lavoro a causa di alcuni piccoli disturbi a livello psicologico( in cura presso un ospedale)la casa in cui viviamo è intestata ad entrambi ma ne stiamo ancora pagando il mutuo...nel caso io chiedessi la separazione,cosa mi dovrei aspettare??


Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

gloria1980

Utente avanzato
201 interventi
10/06/2009 13:17:43
Anzitutto, se lei è priva di reddito, può chiedere l'ammissione al gratuito patrocinio a spese dello stato.
Il consiglio è quello di giungere ad una separazione consensuale, più veloce e meno traumatica anche per i figli.
Se ciò non dovesse essere possibile, e si rendesse necessario ricorrere ad una separazione giudiziale, occorre tener conto di quanto segue.
Quanto al figlio minore, il giudice valuta prioritariamente la possibilità di affidare il medesimo ad entrambi i coniugi (art. 155 c.c.) e solo ove ciò contrasti con l'interesse del minore, affida lo stesso a quello dei genitori che ritiene maggiormente idoneo.
In ogni caso grava su entrambi i genitori l'obbligo di mantenere i figli, anche la figlia maggiorenne, finché questa non abbia una occupazione lavorativa che le consenta di provvedere a se stessa.
Normalmente per il mantenimento dei figli viene disposto il versamento periodico di un assegno da parte del genitore non convivente con i medesimi, al fine di realizzare il principio di proporzionalità (per cui ogni genitore deve contribuire al mantenimento in proporzione alle proprie capacità di lavoro professionale o casalingo).
La misura dell'assegno non è predeterminata dalla legge ma dipende da una serie di indici (esigenze del figlio; tenore di vita goduto durante la convivenza con entrambi i genitori; tempi di permanenza presso ciascun genitore; capacità economiche di entrambi i genitori; compiti domestici e di cura dei genitori).
Il giudice può disporre anche un assegno di mantenimento in suo favore qualora lei non abbia adeguati redditi propri, tenuto conto del reddito di suo marito.
Quanto all'abitazione familiare, ai sensi dell'art. 155quater c.c. essa viene assegnata tenendo prioritariamente conto dell'interesse dei figli (quindi la casa verrà assegnata al genitore convivente con i figli nell'interesse di questi ultimi).
Cordiali saluti.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
citazione come teste ma residente aire estero
figli illeggittimi e diritti ereditari
tfs eredi: oltre ai figli spetta anche al coniuge separato legalmente?
consiglio - se è come trasmettere informazioni
pignoramento 1/5 + mantenimento figli
informazioni nascita figlio
come trovare un avvocato di fiducia
citazione come teste....posso assentarmi per matrimonio?
come riconoscere una persona dal genere neutro?
come affrontare le calunnie
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading