Discussione: SCIA alternata al PDC su proprietà privata per una pergola più aperture

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

pepgia
Utente registrato
23/03/2018
22:20:49
Salve a tutti,
vi scrivo per un problema da cui non riesco ad uscirne ormai da 8 mesi. Ho sentito tecnici di tutti i tipi ed ognuno fornisce una versione diversa. Ho acquistato un sottotetto abitabile (accatastato a2) nel XIV municipio di Roma.
Questo sottotetto è all'ultimo piano (è il torrino del palazzo) circondato da un terrazzo di 90mq. Vorrei costruire una pergola di 26 mq (di cui ahime' ho già acquistato e portato materiale) la cui sezione è un pò' doppia (pilastri 12x12, travi 24x12, archecci 16x20 ). Inoltre avrei intenzione di aprire una finestra ed una porta finestra che affacciano sul mio terrazzo.
Mi è stato detto che la pratica che avrei dovuto presentare una SCIA alternata al PDC (scia per la pergola di sezione doppia, scia alternata al pdc per le aperture) e la pratica antisismica al genio civile perchè la pergola supera i 20MQ. Ho anche pagato i 401 euro di diritti di segreteria ed i 77 oneri concessori.
Mi chiama oggi il Geometra oggi e mi dice che è stato al comune, non si assume la responsabilità di presentare la pratica perchè non ho la delibera del condominio (sul regolamento condominiale la pergola non è disciplinata da delibera, è disciplinata soltanto tettoia e veranda ) , inoltre le aperture sono sulla mia proprieta' (non si vedono neanche da nessuna parte dell'edificio).

Il tecnico mi ha scaricato ed ho anche pagato già gli oneri, perdendo quindi il denaro versato.

Mi dice che se il condominio facesse esposto al comune, la responsabilità sarebbe del progettista.

Io sono sicuro di avere ragione, andrei anche in causa con il condominio, non c'è modo di sollevare il progettista da responsabilità?

Inoltre non avro' mai tale delibera perchè essendo un palazzo di soli 12 interni le assemblee condominiali non si fanno da anni.


Non so veramente cosa fare. E' logorante sembra non esserci via di scampo.
Grazie in anticipo a chi e' più pratico e puo' darmi un aiuto

Un saluto



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
10019 interventi
24/03/2018 09:04:28
Si deduce che tu hai intenzione di "costruire" un "pergolato stabile" regolarmente infisso al suolo sulla sommità dell'edificio.

Si tratterebbe quindi di struttura permanente.

Ecco perché appare indispensabile l'assenso del condominio oltre al pagamento al condominio stesso dell'indennità di sopraelevazione in base all'art. 1127 del Codice Civile; trovi tutti i riferimenti giurisprudenziali al nostro link:

http://www.condomini.altervista.org/Sopraelevazione.htm

Se pensi di attivare un contenzioso giudiziario con il condominio, ancora prima di aver fatto le dovute richieste, parti con il piede sbagliato, saresti destinato a soccombere e pagare inutili spese giudiziarie.

Quindi, oltre ai permessi comunali, dovrai ottenere il consenso dell'assemblea condominiale con approvazione a maggioranza qualificata.

Ripeto, una pergola permanentemente infissa al pavimento è considerata a tutti gli effetti "nuova costruzione" al pari di una veranda.

Trovi altri precisi riferimenti qui:

http://www.condomini.altervista.org/VerandeTettoie.htm

Rispondi


pepgia

Utente semplice
2 interventi
25/03/2018 15:29:02
Non comprendo perchè dici che è obbligatorio il consenso dell'assemblea. Il regolamento condominiale del mio palazzo cita il seguente articolo:

Il proprietario dell'ultimo piano dell'edificio, salvo che la statica del fabbricato lo consente può compiere sopraelevazione previa comunicazione all'amministratore de relativo progetto tecnico approvato dalle competenti autorità e della concessione a licenza edilizia. La stessa facoltà spetta a chi è proprietario esclusivo del lastrico solare. Tuttavia i condomini possono opporsi alla sopraelevazione, se questa pregiudica l'aspetto architettonioco dell'edificio o diminuisce notevolmente l'aria o la luce dei piani sottostanti. Per la relativa indennità spettante ai condomini da parte del sopraelevante si applica il parametro di cu all'ultimo comma dell'articolo 1127 cod.civ

Da cui deduco
1) non sono tenuto ad avere la delibera del condominio
2) devo informare l'amministratore inviandogli una pec o raccomandata con la copia del progetto approvato
3) dovrò pagare un'indennità al condominio, ma si parla di volume, la pergola non fa volume quindi non dovrò pagare nulla?
4) non capisco perchè il comune dice in caso di contenziosi ne risponde il progettista e non il proprietario (il motivo per cui il precedente progettista non se l'è sentita e mi ha "scaricato")

Grazie



Rispondi


claistron

Staff
10019 interventi
25/03/2018 18:27:12
Deduci a "senso unico".

Il fatto che quella che tu chiami pergola possa essere qualificata "sopraelevazione" (ne sono convinto essendo stabilmente infissa al suolo), fa ritenere che l'assenso del condominio sia indispensabile, alla luce anche del "decoro" dell'edificio e dell'articolo del regolamento contrattuale.

http://condomini.altervista.org/DecoroArchit.htm

Se ritieni di avere la forza di sopportare una controversia giudiziaria da parte del condominio (spese legali, spese giudiziarie, spese peritali, lungaggini all'infinito, ecc.) puoi provarci, io non lo farei e cercherei tutti i modi possibili per dialogare con il resto dei proprietari.

Fossi in te, cercherei, in un primo tempo, di usare una "pergola" APPOGGIATA al pavimento (fatti consigliare da un tecnico esperto), nessuno potrebbe osteggiarti.

Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
lavori su terrazzo di proprietà esclusiva
ripartizione spese riparazione infiltrazioni terrazza di proprietà e uso esclusivo per cene e feste
tentativo di usucapione e millesimi di proprietà
mancato intervento amministrazione per infiltrazioni proprietà privata
se si richiede un contratto firmato all'amministratore ma non viene rilasciato?
schiamazzi in via privata ad uso pubblico (milano)
chiusura strada privata
strada privata e sosta auto
amministratore vuota conto condominio lasciandolo in rosso
autolavaggio in autorimessa privata sotto il condominio
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading