Discussione: colonna montante esterna

Torna al forum: "condominio" Stampa discussione (testo semplice)

Corso per amministratori di condominio Overlex / Cescond

Consulenza Legale on line Overlex . Consulenza Fiscale on line Overlex


Messaggio iniziale:

williams
Utente registrato
16/06/2017
13:02:16
Buongiorno, ho cambiato la destinazione d'uso di una soffitta (unica camera senza tramezzi) da c2 ad appartamento.
Però non è presente il bagno e la colonna montante condominiale non è collegabile e così sono costretto a realizzarne una esterna.
Alla riunione di condominio ho fatto presente che avrei realizzato la colonna e l'amministratore ha scritto: "l'assemblea prende atto della richiesta del Sig. relativamente alla costruzione di una colonna montante per l'allaccio idrico e fognario. I condomini richiedono che venga realizzata a regola d'arte".
Domande?
Per poterla realizzare ho bisogno della loro autorizzazione o conferma?
Devo comunicare qualcosa all'amministratore quando inizio i lavori? E se qualche condomino (cosa molto probabile) chiamerà i vigili per bloccare i lavori potrà farlo? Ho necessità di un documento da presentare ai vigili oltre a quello rilasciato dal comune per il cambio di destinazione d'uso?
Nel progetto è specificata la realizzazione del bagno all'interno dell'edificio ma non la realizzazione della colonna esterna, dovevo farlo presente'
Vi ringrazio anticipatamente per la collaborazione, saluti a tut



Corso On Line per Amministratori di Condominio

Risposte alla discussione: (Pagina: 1 )

claistron

Staff
9855 interventi
16/06/2017 19:32:32
Dovrai innanzitutto presentare al condominio la modifica (a tue spese) della tabella millesimale generale, infatti la variazione d'uso dei locali citati comporta una sensibile variazione delle tabelle:

http://www.condomini.altervista.org/CoefficientiMilesim.htm

Senza il locale bagno, il comune non potrà mai concederti il certificato di agibilità abitabilità del "nuovo" appartamento residenziale, e senza gli allacci non potrai mai mettere in funzione il bagno; bisogna porre attenzione alle superfici minime previste dalla legge e alle "altezze" (hai parlato di soffitta).

Il condominio, in presenza di tutte le autorizzazioni, non può opporsi alla realizzazione delle condutture di adduzione e di scarico.

Il problema riguarda solo lo stravolgimento architettonico della facciata, essendo necessario la realizzazione sulle mura esterne condominiali:

http://www.condomini.altervista.org/DecoroArchit.htm

Ti viene in aiuto l'art. 1102 del Codice Civile, che ti permetterebbe di realizzare ciò che ti è necessario,



Rispondi



Scrivi il tuo messaggio di risposta
Tuo nome: Solo per utenti non registrati.
Scrivi qui la tua risposta

Inserisci nel testo >> Un link a un Sito web | | | |
Scrivi un testo in >> Grassetto | corsivo | Sottolineato
Voglio ricevere un' e-mail quando qualcuno risponde dopo di me (solo utenti registrati)
Digitare il numero nella casella di testo (misura di sicurezza anti-spam)


Sono severamente vietati: offese, polemiche, linguaggio scurrile, inserimento di dati personali o dati sensibili (religiosi, di salute, di convinzioni politiche)
Il forum e' moderato e controllato giornalmente: i messaggi non consentiti verranno subito rimossi, e se necessario segnalati alle autorita' competenti.
A tale scopo, viene registrato l'indirizzo IP del pc da cui scrivete.

Ultime 10 discussioni con parole chiave simili a questa
suddivisione spese rifacimento colonna montante acque nere
inserimento di acque di pluviale in colonna scarico cucine(acque grigie)
colonna portante pericolante durante lavori di ristrutturazione
maggioranza utile per chiusura colonna caduta rifiuti condominiale
ripartizione danni colonna riscaldamento
facciata esterna - decoro architettonico
chiusura scala esterna condominiale
parete esterna attico spese riparazioni
intervento straordinario colonna di scarico acue nere.
chiarimenti su caldaia esterna
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading