Condividi su Facebook | Segnala | Errore | Stampa | Zoom
SENTENZA
Art. 186 c.d.s.: rifiuto di sottoporsi ad accertamento sostanze alcoliche

Pubblicata da: Avv. Carmine Gatto


Corte di cassazione penale
sentenza 21192/12 del 31/05/2012

Art. 186 c.d.s.: rifiuto del conducente di sottoporsi ad accertamento 

Cassazione sez. IV, 14.03 – 31.05.2012 n. 21192

L'art.   186 c.d.s ., come noto, disciplina la guida sotto l'influenza dell'alcool.

Il comma tre della predetta norma sancisce che, al fine di verificare l'assunzione di   sostanze alcoliche   gli organi di Polizia Stradale possono sottoporre i conducenti ad accertamenti qualitativi non invasivi o a prove anche attraverso   apparecchi portatili.

Tuttavia, con la pronuncia in commento, la Suprema Corte ha sancito che la norma non consente l'accompagnamento coattivo del conducente presso un comando di polizia nell'ipotesi in cui gli operanti non abbiano con sé l'apparecchio.

L'accompagnamento, infatti, limitando la libertà personale deve essere esplicitamente previsto dalla legge, e ciò in base al disposto di cui all'art. 13 comma II della Costituzione per il quale essa può essere limitata solo per atto motivato dell'autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge. 

Ne discende che il rifiuto del conducente di seguire gli operanti al fine di espletare il controllo, non può essere sanzionato ai sensi del comma 7 dell'art. 186 c.d.s. che prevede, tra l'altro, la sospensione della patente di guida da sei mesi a due anni e la confisca del veicolo





Visite:

Siti di interesse per l'argomento: circolazione stradale
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading