Indagini difensive e avvocati
Condividi su Facebook | Discuti nel forum | Consiglia | Scrivi all'autore | Errore |

Articolo del 29/11/2005 Autore Dott. Salvatore Vitale Altri articoli dell'autore


L'indagine difensiva, importante strumento legislativo ancora poco utilizzato dall'avvocatura, ma ricco di grandi potenzialita' e di strumenti per la ricerca di elementi difensivi a favore della persona indagata o offesa da reato.

La legge 397 del dicembre 2000, entrata in vigore il 18/01/2001, ha ricevuto il contributo dell'avvocato fiorentino Eraldo Stefani, docente di “Indagini difensive” presso l'Universita' de L'Aquila.

“Penso che si debba riflettere come avvocatura – sottolinea Eraldo Stefani - ed attivare dei corsi di formazione per fare entrare nella nuova cultura queste indagini. L'avvocato si deve attrezzare per rapportarsi al P.M. attraverso tecniche di investigazioni proprie”.

L'avvocato Stefani che ha pubblicato numerosi testi sull'argomento oltre ad essere direttore di una collana specifica, e' certo che “la legge offre il vantaggio di far vivere al cittadino, attraverso il suo difensore, il processo penale come protagonista. E' una difesa attiva, paritetica a quella del P.M., che ha un percorso a tutto campo, e che puo' portare a conclusioni diverse rispetto all'investigazione pubblica, ed in questo caso significa che a sbagliare e' stato l'investigatore pubblico”. Il giusto processo attraverso la modifica dell'art 111 del cpp, passa attraverso un'efficace utilizzazione delle indagini difensive, offrendo al cittadino, beneficio, nella sua domanda di giustizia.

Convinto della bonta' della Norma, il prof. Francesco Bruno autorevole Criminologo, titolare dell'insegnamento di Psicopatologia Forense e Criminologia presso la “Sapienza” e direttore di un Master universitario in Scienze forensi, rileva che la stessa ponga dei problemi di uguaglianza dei cittadini davanti alla legge “perche' le indagini difensive se le puo' permettere chi ha disponibilita' economica. L'altro problema consiste nel fatto che queste indagini sono farraginose, perche' legate a previsioni di legge, che le burocratizzano un po' troppo”. “Da piccoli – prosegue il prof. Bruno- vedevamo Perry Mason in tv che indagava. In Italia non abbiamo mai avuto questa cultura, ci doveva pensare il P.M. a vedere se per caso il soggetto indagato non fosse colpevole, indirrizzando le indagini a 360 gradi e quindi, non solo nella direzione accusatoria.” In ogni caso, il prof Bruno, intravede un cambiamento culturale futuro che consentira' di rendere “veramente accusatorio il nostro rito. Oggi non e' assolutamente un rito accusatorio, ha solo alcuni formalismi di tipo accusatorio e niente di piu' ”.

La normativa produce notevoli cambiamenti dal punto di vista formale, in quanto l'avvocato della difesa, che con il nuovo codice doveva basare i suoi assunti difensivi esercitando il diritto alla prova, con il nuovo strumento legislativo ha l'esatta dimensione di come espletare le indagini difensive, di quali consulenti servirsi e fra questi criminologi, investigatori privati, esperti in balistica, etc.

L'avvocato Natale Fusaro penalista, ritiene che “e' stata data una dimensione organica e rivoluzionaria, a questa nuova attivita', che puo' portare alla realizzazione del giusto processo. Il difensore, oggi, interagisce in maniera piu' forte con il P.M., mettendolo in condizione di avere una visione differente di quella che puo' essere la prospettazione accusatoria, offrendo in alcuni casi, derivanti dalle indagini da lui svolte anche in fase preliminare, degli elementi di prova piu' certi”

Il nuovo difensore ha a disposizione possibilita' enormi quali l'interrogazione di testimoni, puo' richiedere sequestri, o ispezioni di luoghi. Nel caso di un delitto, con persona sottoposta ad indagini, puo' chiedere di effettuare il sopralluogo nell'ambiente dove e' avvenuto l'omicidio. “Ci sono delle possibilita' ampie ed enormi, -prosegue l'avv. Fusaro -grandi opportinita' quali garantire la terzieta' del Giudice che si trova davanti ad un fascicolo prodotto dal P.M. e a quello prodotto dal difensore. Dando al Giudice la possibilita' di analizzare piu' elementi di prova forniti dalle parti, che sono alla pari, sara' lui, con la sua capacita' e il suo libero convincimento, a decidere quale sia la verita' che si avvicina di piu' a quella storica”.

Salvo Vitale


Dott. Salvatore Vitale
Esperto in Scienze Forensi

xoomer.virgilio.it/vitalesalvo25
^ Vai all' inizio


Articoli correlati

Articoli su Overlex per l'argomento: penale procedura

» Tutti gli articoli su overlex in tema di penale procedura

Siti di interesse per l'argomento: penale procedura





Concorso miglior articolo giuridico pubblicato su Overlex
Clicca qui
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading