Minimi tariffari dovuti al difensore e all' ausiliario. Corte Costituzionale n.350 del 15-29 luglio 05
Condividi su Facebook | Discuti nel forum | Consiglia | Scrivi all'autore | Errore |

Articolo del 31/10/2005 Autore Redazione Altri articoli dell'autore


La ordinanza della Corte Costituzionale n.350 del 15-29 luglio 2005 sui minimi tariffari

di Nicola Ianniello * ( A.N.V.A.G )


Si segnala la ordinanza della Corte Costituzionale investita del giudizio di legittimità costituzionale dell'art. 130 del D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di giustizia) sollevato in relazione agli artt. 3 e 24 della Costituzione dai Tribunali di Catanzaro e Firenze.

E' stato rilevato che gli onorari dovuti al difensore e all'ausiliario vengono liquidati ai sensi e per gli effetti degli artt.82 e 83 del detto decreto in misura tale che non siano superiori ai valori medi previste dalle tariffe professionali e soltanto per i procedimenti civili, amministrativi, contabili e tributari tali valori debbono essere ridotti della metà.

Tale imposizione comporta che gli importi finali risulterebbero inferiori ai minimi tariffari desumendo la irragionevolezza della disciplina censurata in quanto il legislatore non ha considerato che vengono così violati i minimi tariffari giudicati inderogabili.

E' stato inoltre rilevato che il legislatore avrebbe introdotto una irragionevole disparità di trattamento di situazioni identiche dovendosi ritenere della stessa valenza la difesa penale e quella civile e amministrativa.

Nella ordinanza in commento la Corte richiama le precedenti pronunzie (ord.ze n.317/2004, n.500/2002, n.429/1998) con le quali ha ritenuto incomparabili le situazioni protette in sede penale rispetto agli interessi protetti in sede civile e amministrativa.

Riguardo al sistema di liquidazione degli onorari civili per un compenso inferiore al minimo previsto dalle tariffe, il Giudice costituzionale dichiara irrilevante la questione in quanto tale sistema di liquidazione viene imposto da una norma di legge che, come tale, può legittimamente derogare anche ai minimi tariffari.


CORTE COSTITUZIONALE
Ordinanza n. 350 del 15-29/07/2005
Camera di Consigliodel 22/06/2005

Decisione del 15/07/2005 Deposito del 29/07/2005

Ordinanze di rimessione 899/2004 930/2004 983/2004

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE COSTITUZIONALE

composta dai Signori:

- Piero Alberto CAPOTOSTIPresidente

- Fernanda CONTRI Giudice

- GuidoNEPPI MODONA "

- Annibale MARINI "

- FrancoBILE "

- Giovanni Maria FLICK"

- Francesco AMIRANTE "

- Ugo DE SIERVO "

- Romano VACCARELLA"

- Paolo MADDALENA"

- Alfio FINOCCHIARO" rel.

- Alfonso QUARANTA"

- FrancoGALLO"

ha pronunciato la seguente

ORDINANZA

nei giudizi di legittimita' costituzionale dell'art. 130 del d.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia), promossi con ordinanze del 12 maggio 2004 dal Tribunale di Catanzaro, e del 13 aprile 2004 e 5 dicembre 2003 dal Tribunale di Firenze, rispettivamente iscritte ai nn. 899, 930 e 983 del registro ordinanze 2004 e pubblicate della Gazzetta Ufficiale della Repubblica nn. 46, 47 e 49, prima serie speciale, dell'anno 2004.

Udito nella camera di consiglio del 22 giugno 2005 il Giudice relatore Alfio Finocchiaro.

Ritenuto che il Tribunale di Catanzaro, con ordinanza del 12 maggio 2004 (reg. ord. n. 899 del 2004), emessa sulla istanza di liquidazione di onorario di avvocato per il patrocinio a spese dello Stato in un processo civile concluso con sentenza di condanna del convenuto e compensazione delle spese di lite, ha sollevato, in riferimento agli artt. 3 e 24 della Costituzione, questione di legittimita' costituzionale dell'art. 130 del decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia), nella parte in cui prevede che, nel caso di patrocinio a spese dello Stato, gli importi spettanti al difensore, che devono essere liquidati, ai sensi dell'art. 82 dello stesso decreto, in modo da non superare i valori medi della tariffa professionale vigente, siano ulteriormente ridotti della meta', ove si tratti di processi civili ed amministrativi;

che il giudice a quo, sospeso il procedimento di liquidazione, e premesso, quanto alla propria legittimazione a proporre incidente di costituzionalita' nella fase attuale, che il provvedimento sulla liquidazione delle spese e' pronunciato all'esito di una fase processuale, ed e' suscettibile di impugnazione ai sensi degli artt. 84 e 170 del d.P.R. n. 115 del 2002, rileva che, nel caso di specie, in cui il valore della controversia e' pari ad € 900,00, facendo applicazione dei predetti criteri, gli importi finali risulterebbero inferiori ai minimi tariffari, desumendo da cio' la irragionevolezza della disciplina censurata, in quanto il legislatore, nel prevedere l'abbattimento della meta' dei compensi, gia' valutati secondo valori medi, non ha considerato la possibilita' che in tal modo vengano violati i minimi tariffari, gia' giudicati inderogabili, eccettuata la ipotesi di manifesta sproporzione rispetto alla prestazione professionale;

che la norma impugnata, osserva il rimettente, impone al difensore di prestare la propria opera per un compenso inferiore al minimo previsto, cio' che, in circostanze normali, costituirebbe infrazione ai doveri deontologici e fatto suscettibile di sanzione disciplinare; laddove il legislatore si sarebbe potuto limitare a prevedere che il difensore della parte ammessa al patrocino a spese dello Stato debba svolgere la propria opera professionale retribuita secondo la misura minima prevista dalle tariffe professionali;

che la normativa di cui si tratta appare inoltre al giudice a quo censurabile anche sotto altro profilo, in quanto, nel prevedere la diminuzione della meta' del compenso del difensore nei processi civili ed in quelli amministrativi, e non anche in quelli penali, introdurrebbe nell'ordinamento una irragionevole disparita' di trattamento di situazioni identiche, non potendosi, astrattamente ed indiscriminatamente, ipotizzare una minor valenza della difesa nei processi civili ed amministrativi rispetto a quelli penali;

che il Tribunale di Firenze, nel procedimento di liquidazione degli onorari di un c.t.u. medico-legale nella causa civile avente ad oggetto la cessazione degli effetti civili di un matrimonio, con ordinanza del 13 aprile 2004 (reg. ord. n. 930 del 2004), ha sollevato, in riferimento all'art. 3 della Costituzione, questione di legittimita' costituzionale dello stesso art. 130 del citato decreto presidenziale, nella parte in cui prevede che gli importi spettanti all'ausiliario del giudice nominato nel corso del processo civile siano ridotti della meta';

che il rimettente fa presente che, dopo che il giudice istruttore aveva provveduto, con decreto in data 20 gennaio 2003, alla liquidazione della somma di € 580,48 a titolo di onorari al c.t.u., ponendola in via provvisoria a carico delle parti solidalmente, lo stesso aveva revocato il decreto dichiarando, con provvedimento in data 10 novembre 2003, non luogo a provvedere allo stato sulla richiesta di liquidazione di detti onorari, e rinviandone l'esame all'esito del giudizio;

che, quindi, con sentenza emessa nella stessa data della ordinanza di rimessione alla Corte costituzionale, la causa era stata decisa;

che il giudice a quo rileva che il c.t.u. aveva quantificato la propria richiesta di liquidazione senza tener conto del dimezzamento imposto dall'art. 130 del d.P.R. n. 115 del 2002, e, osservato che comunque sono dovuti gli importi risultanti dall'applicazione dell'art. 21 del d.m. 30 maggio 2002 e dal dimezzamento di cui al citato art. 130, e, pertanto, liquidata la somma di € 290, 77, ritiene rilevante, con riguardo all'ulteriore importo richiesto, oltre che non manifestamente infondata, la questione di legittimita' costituzionale di detta norma nella parte in cui prevede tale riduzione per il solo ausiliario nominato nel corso del processo civile, per violazione dell'art. 3 della Costituzione, a causa della disparita' di trattamento rispetto all'ausiliario che svolga il suo incarico nell'ambito del processo penale;

che la medesima questione e' stata sollevata dal Tribunale di Firenze con ordinanza emessa in data 5 dicembre 2003, pervenuta alla Corte solo il 9 novembre 2004 (reg. ord. n. 983 del 2004), nel corso del procedimento di liquidazione degli onorari di avvocato relativi ad una causa di separazione giudiziale fra coniugi.

Considerato che il Tribunale di Catanzaro, con ordinanza del 12 maggio 2004, e il Tribunale di Firenze, con due distinte ordinanze 13 aprile 2004 e 5 dicembre 2003, hanno sollevato questione di legittimita' costituzionale dell'art. 130 del d.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia), nella parte in cui stabilisce che, nei casi di patrocinio a spese dello Stato, i compensi spettanti ai difensori, ai consulenti ed agli ausiliari del giudice – che, per quanto riguarda, in particolare, i primi, non possono comunque superare, a norma dell'art. 82 dello stesso decreto, i valori medi delle tariffe professionali vigenti – siano ridotti della meta', ove si tratti di procedimenti civili ed amministrativi, per violazione dell'art. 3 della Costituzione, per la disparita' di trattamento rispetto alla disciplina degli stessi compensi nei processi penali, ed inoltre (profilo evidenziato dal solo Tribunale di Catanzaro), per la irragionevolezza della normativa, che, nel prevedere detto abbattimento, consente che siano violati i minimi tariffari; nonche' dell'art. 24 della Costituzione (censura sollevata dal solo Tribunale di Catanzaro);

che le ordinanze di rimessione sollevano questioni di legittimita' costituzionale della stessa disposizione di legge con motivazioni che sono in parte identiche ed in parte analoghe, sicche' i relativi giudizi devono essere riuniti per essere decisi con unico provvedimento;

che la giurisprudenza di questa Corte e' costante nel ritenere che la garanzia costituzionale del diritto di difesa non esclude, quanto alle sue modalita', la competenza del legislatore a darvi attuazione sulla base di scelte discrezionali non irragionevoli (v., tra le altre, sentenza n. 394 del 2000; ordinanza n. 299 del 2002);

che, quanto alla legittimita' delle differenze nella disciplina dei diversi tipi di processo, questa Corte ha sottolineato, in linea di principio, che la intrinseca diversita' dei modelli del processo civile e di quello penale non consente alcuna comparazione (v., tra le altre, ordinanze n. 317 del 2004; n. 500 del 2002; 429 del 1998);

che la diversita' di disciplina fra la liquidazione degli onorari e dei compensi nel processo civile e nel processo penale trova fondamento nella diversita' delle situazioni comparate (da una parte gli interessi civili, dall'altra le situazioni tutelate che sorgono per effetto dell'esercizio dell'azione penale: v. sentenza n. 165 del 1993);

che la circostanza dedotta secondo cui il sistema di liquidazione degli onorari civili impone al difensore di prestare la propria opera per un compenso inferiore al minimo previsto, che, normalmente, costituirebbe infrazione ai doveri deontologici e fatto suscettibile di sanzione disciplinare, e' costituzionalmente irrilevante ove si tenga presente che il sistema di liquidazione e' imposto da una norma di legge, che, come tale, puo' legittimamente derogare anche ai minimi tariffari;

che le questioni, pertanto, vanno dichiarate manifestamente infondate.

Visti gli artt. 26, secondo comma, della legge 11 marzo 1953, n. 87, e 9, comma 2, delle norme integrative per i giudizi davanti alla Corte costituzionale.

Per questi motivi

LA CORTE COSTITUZIONALE

riuniti i ricorsi,dichiara la manifesta infondatezza delle questioni di legittimita' costituzionale dell'art. 130 del decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia), sollevate, in riferimento agli artt. 3 e 24 della Costituzione, dal Tribunale di Catanzaro, e, in riferimento all'art. 3 della Costituzione, dal Tribunale di Firenze, con le ordinanze in epigrafe.

Cosi' deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 15 luglio 2005.

F.to:

Piero Alberto CAPOTOSTI, Presidente

Alfio FINOCCHIARO, Redattore

Giuseppe DI PAOLA, Cancelliere

Depositata in Cancelleria il 29 luglio 2005.

Il Direttore della Cancelleria

F.to: DI PAOLA


* ( Avv.Nicola Ianniello,presidente dell'A.N.V.A.G. Associazione Nazionale Volontari Avvocati per il Gratuito patrocinio e la difesa del non abbiente – 10/05)


Redazione
www.overlex.com
^ Vai all' inizio


Articoli correlati

Articoli su Overlex per l'argomento: giustizia

» Tutti gli articoli su overlex in tema di giustizia

Siti di interesse per l'argomento: giustizia





Concorso miglior articolo giuridico pubblicato su Overlex
Clicca qui
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading