Procedura penale: il giudice per le indagini preliminari (G.I.P.)
Condividi su Facebook | Discuti nel forum | Consiglia | Scrivi all'autore | Errore |

Articolo del 26/01/2011 Autore Avv. Alessandro Amaolo Altri articoli dell'autore


In via del tutto preliminare  osservo che i protagonisti delle indagini preliminari(1), fase processuale in cui si raccolgono le fonti di prova, sono il pubblico ministero(2) e la polizia giudiziaria.

Tuttavia, il legislatore ha previsto che ogni volta in cui è necessario compiere atti che comprimono la libertà dell’individuo o che in ogni caso decidono della sua sorte, questi siano adottati da un giudice terzo ovvero dal giudice per le indagini preliminari. Osservo, inoltre, che  al predetto giudice il legislatore ha attribuito una serie di funzioni di garanzia e di controllo imparziale riguardanti sostanzialmente la speditezza del procedimento, i diritti fondamentali, l’obbligatorietà dell’azione penale ed l’assunzione anticipata della prova. Infatti, il predetto giudice è competente(3) ad assumere, con incidente probatorio (art. 392 c.p.p.), talune prove che non sono rinviabili al dibattimento.  Il giudice in oggetto è, altresì, competente a decidere sulla richiesta di proroga  delle indagini preliminari (art. 406 – 407 c.p.p.), sulla modifica, revoca, proroga o applicazione di misure cautelari; la legge prevede che il G.I.P.  provvede  in  materia di convalida(4)  dell’arresto e del fermo di indiziato di delitto (artt. 390 e 391  c.p.p.).  Sempre avendo riguardo ai poteri del giudice in commento  nell’adozione  delle  misure pre-cautelari, osservo che il G.I.P. competente a decidere sulla richiesta di convalida dell'arresto  dev'essere  individuato  in base al luogo in cui l'arrestato è stato privato della libertà personale, anche se poi il relativo verbale sia stato redatto in un luogo diverso, ove l'arresto sia stato condotto per il controllo dei documenti e l'identificazione. (Cassazione penale, sez. III, sentenza 8 novembre  2000, n. 3550)

Inoltre, egli è competente per provvedere ad accogliere o meno le richieste di archiviazione della notizia di reato avanzate dal pubblico ministero (art. 409 c.p.p.), così come per l’autorizzazione  e la convalida dei mezzi di ricerca della prova delle intercettazioni di conversazioni o comunicazioni telefoniche  o tra presenti (artt. 266, 266bis e 267 c.p.p.). Più in particolare, le predette intercettazioni possono riguardare anche le comunicazioni informatiche o telematiche, di cui all’art. 266 bis c.p.p. (articolo inserito dall’art. 11 della legge 23 dicembre 1993 n. 547 – Gazzetta ufficiale del 30 dicembre 1993, n. 305). Proprio in riferimento a quest’ultimo punto una delle prime applicazioni giurisprudenziali enucleata dalla Suprema Corte è stata la seguente: L'intercettazione di flussi telematici riconducibili ad un determinato utente mediante la procedura di monitoraggio del percorso, disposta dal G.I.P.,  comporta la legittima captazione dei flussi informatici gestiti dal soggetto titolare di un determinato nome utente che contraddistingue sia l'account di posta elettronica che quello di connessione. Conseguentemente non è causa di invalidità o di inutilizzabilità dei provvedimenti autorizzativi  l'improprio riferimento informatico al solo "account" di posta elettronica e non a quello di connessione, trattandosi di due aspetti della stessa realtà giuridica, indicativa della facoltà di accesso di un determinato utente alla trasmissione e alla ricezione dei flussi telematici”. (Cassazione penale, sez. I, sentenza 14 febbraio 2005, n. 12901)

Inoltre, è proprio dinnanzi al predetto giudice che possono essere celebrati alcuni procedimenti speciali come il rito abbreviato, l’applicazione della pena su richiesta delle parti (cd. patteggiamento), il decreto penale (art. 459 e ss. c.p.p.).

Anche il giudizio immediato è disposto con decreto del giudice per le indagini preliminari, in assenza di contraddittorio, su base cartolare ed in presenza dei presupposti di legge. Infatti, sul rispetto dei presupposti di legge per la praticabilità del giudizio immediato vigila il G.I.P. che, con un’esame cartolare entro 5 giorni, dispone il giudizio immediato con decreto, ovvero rigetta la richiesta (art. 455 c.p.p.). Secondo il modesto parere dello scrivente,  fra i provvedimenti più importanti del  G.I.P. vi è proprio l'ordinanza per applicare una misura cautelare su richiesta del pubblico ministero.

Si deve rilevare, altresì, che la funzione del giudice per le indagini preliminari si caratterizza per essere una sorta di  “giurisdizione semipiena”  poiché viene esercitata soltanto in ipotesi tassativamente disciplinate, e solo in quanto ciò sia richiesto dal pubblico ministero, dalle parti private e dalla persona offesa dal reato. Proprio a tal proposito, l’articolo 328 del codice di procedura penale stabilisce che il giudice in commento fa ingresso nelle indagini preliminari soltanto su richiesta del pubblico ministero o delle parti private nei casi espressamente previsti dalla legge, vale a dire  in tutte le ipotesi in cui vengono richiesti provvedimenti che, per la delicatezza dei diritti sui quali incidono, debbono essere adottati da un organo giurisdizionale.

In estrema sintesi, lo scrivente rileva che la giurisdizione esercitata dal giudice per le indagini preliminari è:

  1. una giurisdizione senza azione. Infatti, nel corso delle indagini e nell’ipotesi  della richiesta di archiviazione, anche dopo la loro conclusione, la giurisdizione penale viene espletata  senza che il pubblico ministero abbia esercitato l’azione penale.
  2. una giurisdizione semipiena. Ciò si desume dal fatto che il giudice per le indagini preliminari non svolge un procedimento e non dispone di autonomi poteri di acquisizione probatoria, ma si limita a pronunciare  “nei casi previsti dalla legge, sulle richieste del pubblico ministero, delle parti private e della persona offesa dal reato” (art. 328 comma 1° c.p.p.).
  3. una giurisdizione di garanzia. In particolare, egli, a richiesta dei soggetti sopra elencati,  pronuncia nel corso delle indagini preliminari a tutela dei diritti dell’indagato e della persona offesa dal reato nei confronti delle iniziative del pubblico ministero.

Lo scrivente sottolinea che il G.I.P.  è stato denominato dalla legge non giudice delle indagini preliminari ma giudice per tali indagini, proprio al fine di evidenziare che lo stesso non conduce le indagini, ma si limita ad esperire in esse alcuni sporadici interventi allorquando ne è richiesto dal pubblico ministero, dall’indagato o dalla persona offesa dal reato.

Inoltre, il giudice in questione viene detto  giudice senza fascicolo poiché, non svolgendo indagini, non dispone di un fascicolo nel quale la documentazione di queste  viene  raccolta. Pertanto, osservo che il fascicolo delle indagini preliminari è tenuto dal pubblico ministero. Tuttavia, quanto in precedenza affermato non vale esattamente anche nei confronti del giudice che viene chiamato ad espletare l’udienza preliminare. Egli, infatti, esercita la giurisdizione dopo essere stato sollecitato dal pubblico ministero con l’esercizio dell’azione penale. Inoltre, svolge un proprio procedimento tanto da disporre di un fascicolo, trasmessogli dal pubblico ministero al momento della presentazione della richiesta di rinvio a giudizio.

Molto interessante per la sua particolare specificità, in riferimento al giudice in commento, è una sentenza del Supremo Collegio che ha affermato quanto segue: “Il giudice per le indagini preliminari che abbia formalmente adottato un provvedimento  non può procedere alla sua revoca, posto che provvede, in linea generale, solo su richiesta delle parti e le ordinanze in materia di libertà sono soggette solo alle forme di gravame previste dalla legge”. (Cassazione  penale, sezione  VI, sentenza 28 aprile 2004, n. 19604)

In ultima analisi, osservo che il giudice per le indagini preliminari  svolge compiti di garanzia dei diritti del cittadino sottoposto ad indagini da parte del Pubblico Ministero e tutela l’effettività del contraddittorio controllando l’attività dell’accusa. Più in dettaglio, il giudice per le indagini preliminari interviene nella fase delle indagini preliminari quale garante della loro legittimità, relativamente agli atti compiuti dal pubblico ministero e dalla polizia giudiziaria.

In conclusione, osservo che l’introduzione, all’interno del vigente ordinamento processual-penalistico, della figura del giudice per le indagini preliminari è stata proprio una conquista del pensiero giuridico moderno, così come l’espressione di un’alta civiltà giuridica.

 

Codice di procedura penale : Libro  V – Indagini preliminari e udienza preliminare

Titolo I – Disposizioni generali

328 GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI. – 1. Nei casi previsti dalla legge, sulle richieste del pubblico ministero, delle parti private e della persona offesa dal reato, provvede il giudice per le indagini preliminari.

1bis. Quando si tratta di procedimenti per i delitti indicati nell’articolo 51 comma 3bis e 3quater, le funzioni di giudice per le indagini preliminari sono esercitate, salve specifiche disposizioni di legge, da un magistrato del tribunale del capoluogo del distretto nel cui ambito ha sede il giudice competente.

1quater. Quando si tratta di procedimenti per i delitti indicati nell’art. 51, comm3 quinquies, le funzioni di giudice per le indagini preliminari e le funzioni di giudice per l’udienza preliminare sono esercitate, salve specifiche disposizioni di legge, da un magistrato del tribunale del capoluogo del distretto nel cui ambito ha sede il giudice competente.

(1) La finalità delle indagini preliminari è delineata proprio nell’art. 326 c.p.p., per cui  “il pubblico ministero e la polizia giudiziaria svolgono, nell’ambito delle rispettive attribuzioni, le indagini necessarie per le determinazioni inerenti all’esercizio dell’azione penale”.

(2)  Nel corso delle indagini preliminari unico titolare delle indagini stesse è il pubblico ministero che le dirige, sicchè il giudice rimane estraneo ad esse ed interviene per provvedere sulle richieste delle parti e della persona offesa solo nei casi previsti dalla legge. Cassazione  penale,  sezione  V,  sentenza  27  agosto  1991, n. 781

(3) I procedimenti per imputazioni di associazione con finalità di eversione dell’ordine democratico rientrano nella competenza funzionale del  Giudice per le indagini preliminari del capoluogo del distretto nel cui ambito ha sede il giudice competente. Cassazione  penale, sezione II, sentenza  5  maggio  2009, n. 18581

(4) In tema di convalida dell’arresto facoltativo in flagranza, ferma la necessità della verifica dei requisiti formali, il giudice della convalida deve operare rispetto ai presupposti sostanziali della stessa (gravità del fatto e personalità dell’arrestato) un controllo di mera ragionevolezza per il quale deve porsi nella stessa situazione in cui ha operato la polizia giudiziaria. Cassazione  penale,  sezione  IV,  sentenza  15  settembre 2010, n. 33671


Avv. Alessandro Amaolo
Avvocato

www.avvocatoamaolo.com
^ Vai all' inizio


Articoli correlati

Articoli su Overlex per l'argomento: penale procedura

» Tutti gli articoli su overlex in tema di penale procedura

Siti di interesse per l'argomento: penale procedura





Concorso miglior articolo giuridico pubblicato su Overlex
Clicca qui
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading