Patente di guida con chip
Condividi su Facebook | Discuti nel forum | Consiglia | Scrivi all'autore | Errore |

Articolo del 03/12/2010 Autore Mazzaraco Mariagrazia Altri articoli dell'autore


Presso la direzione generale della Motorizzazione è al vaglio la possibilità di inserire nella patente di guida un chip contenente tutte le informazioni utili sul titolare: dallo stato di salute alle infrazioni precedentemente commesse, agli eventuali problemi con la giustizia pendenti o archiviati, alla fotografia.

Se la direttiva comunitaria n. 126/2006 che si rivolge agli Stati Membri ha dato il via libera all'inserimento, molto si discute sulla tempistica, sui costi da sostenersi, sul reperimento dei dati necessari da memorizzare sul chip: l'unica cosa certa è l'adozione della schedina elettronica che comporterà per il titolare il vantaggio di non portare "seco" la patente di guida.

Purtroppo la difficoltà di reperire in modo celere le notizie sul titolare della patente, è un dato da non sottovalutare. La soluzione, inizialmente prospettata, consiste nel dotare ogni singola pattuglia impiegata nel servizio di controllo su strada, di un computer portatile a sua volta collegato con l'archivio nazionale in cui dovrebbero essere memorizzati tutti i dettagli di interesse corredati dalle fotografie dei titolari delle patenti di guida come lo stesso codice della strada aveva prescritto già dal 1993.

Si capisce bene che il sistema di circolazione delle informazioni è alquanto lento e a volte deficitario; infatti è impossibile verificare, nell'immediatezza se il titolare della patente è davvero abilitato alla guida (non sono rari gli episodi di falsificazione della licenza), se soffre di particolari patologie, se ha commesso infrazioni che come disposto dal codice della strada, se reiterate nel biennio, comportano l'immediato ritiro della patente.

Altra difficoltà strettamente connessa alla gestione degli archivi è l'aggiornamento dei medesimi che richiederà costi di gestione aggiuntivi che ricadranno sull'utente finale all’atto del conseguimento della patente di guida.

Un primo intervento abbastanza risolutivo si intravvede nella "patente centralizzata" dove la stampa dei documenti completa delle foto dei singoli titolari della licenza, avverrà in maniera centralizzata presso la direzione generale della Motorizzazione della capitale.

Ad uno sgravio di costi in capo agli uffici provinciali della motorizzazione (stampare i duplicati convocando il cittadino per il deposito di una nuova fotografia, rilasciare le etichette adesive di aggiornamento in occasione di rinnovo o cambio di residenza) si contrappone il maggior contributo da corrispondersi per la modifica del materiale del documento: dalla plastica in cui i dati trascritti diverranno illeggibili e si scoloriranno, al policarbonato di migliore qualità ma di maggior costo.


Mazzaraco Mariagrazia ^ Vai all' inizio


Articoli correlati

Articoli su Overlex per l'argomento: circolazione stradale

» Tutti gli articoli su overlex in tema di circolazione stradale

Siti di interesse per l'argomento: circolazione stradale





Concorso miglior articolo giuridico pubblicato su Overlex
Clicca qui
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading