Discorso del Papa alla Rota Romana
Condividi su Facebook | Discuti nel forum | Consiglia | Scrivi all'autore | Errore |

Articolo del 06/09/2010 Autore Avv. Fabio Bellia Altri articoli dell'autore


In   questa   rubrica   si   commenterà    brevemente  il  discorso  di Sua Santità Benedetto XVI  al  Tribunale  della  Rota  Romana dello scorso anno.

 

I punti salienti del discorso di cui sopra consistono nell’affermare che le difficoltà incontrate dai  nubendi  nel  matrimonio non costituiscono una prova della nullità dello stesso, nel dichiarare ciò il Papa si richiama  a numerosi discorsi del suo predecessore.

EGLI  inoltre  rammenta la perenne dottrina della Chiesa, ovvero che l’uomo e la donna hanno  ricevuto  dal  Creatore  la   capacità naturale di contrarre matrimonio.

Nel valutare le cause di  nullità inoltre non ha senso la contrapposizione tra una attività giuridica  e  pastorale nella Chiesa.

La questione fondamentale che è riaffermata, sta nel fatto che il matrimonio non esige per essere valido la perfezione dei fidanzati ma solo una loro pratica sufficiente adesione al progetto di Dio che non può aversi senza la sua grazia.


Avv. Fabio Bellia ^ Vai all' inizio


Articoli correlati

Articoli su Overlex per l'argomento: canonico

» Tutti gli articoli su overlex in tema di canonico

Siti di interesse per l'argomento: canonico





Concorso miglior articolo giuridico pubblicato su Overlex
Clicca qui
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading