Materiale pedopornografico: produzione e detenzione.
Condividi su Facebook | Discuti nel forum | Consiglia | Scrivi all'autore | Errore |

Articolo del 17/06/2008 Autore Avv. Veronica Ribbeni Altri articoli dell'autore


Materiale pedopornografico: produzione e detenzione.

Le funzioni della pedopornografia, secondo la letteratura scientifica internazionale, possono essere ricondotte a gratificazione ed eccitamento (aumento della stimolazione sessuale e nutrimento delle fantasie), convalidazione e giustificazione del comportamento (ritenendolo condiviso da altre persone e non come fosse anormale), seduzione (convincendo i minori riluttanti che anche altri bambini fanno quanto a loro richiesto), preservare la gioventù del minore (avendone sempre un’immagine relativa all’età preferita), ricatto (al fine di garantire il silenzio del minore), mezzo di scambio (al fine di comprendere se il soggetto con cui si scambia tale materiale è un semplice curioso o meno) e profitto (vendendo le immagini).
Pedofili e child molester(1) collezionano materiale erotico e pornografico, frutto di produzioni amatoriali, professionali o di pseudofotografie (immagini costruite o modificate al computer) consistente, principalmente, in fotografie, filmati, fumetti e web-cam dal vivo.
La diffusione e lo scambio delle immagini avvengono attraverso l’acquisto su siti a pagamento, nelle chat line, nei newsgroup e attraverso le e-mail(2).
Il giudice ha il compito di accertare volta per volta la pericolosità concreta della condotta posta in essere dall’imputato, facendo ricorso a elementi sintomatici idonei a significare come la produzione del materiale non sia finalizzata ad un appagamento personale. Tra questi elementi rientrano, ad esempio, i precedenti penali, la condotta antecedente dell’imputato, l’esistenza di una struttura organizzativa atta a corrispondere alle esigenze del mercato pedofilo, il collegamento del soggetto con pedofili potenziali destinatari del materiale e la disponibilità di attrezzature idonee a diffondere il materiale pornografico(3).
Chiunque realizzi esibizioni pedopornografiche, produca materiale pedopornografico o induca minori di anni diciotto a partecipare a esibizioni pornografiche viola il dettato di cui all’art. 600 ter c.p..
Il delitto di cui al I comma del menzionato articolo ha natura di reato di pericolo concreto e sanziona il traffico di materiale pedopornografico, soprattutto su Internet.
Ai fini della configurazione del reato p. e p. dall'art. 600 ter c.p., si prescinde dalla sussistenza di un fine lucrativo in capo allo sfruttatore del minore e dalla sussistenza di una organizzazione di tipo imprenditoriale.
Per il perfezionamento della fattispecie è necessario che la condotta dell’agente abbia una consistenza tale da implicare il concreto pericolo di diffusione del materiale pornografico prodotto.
Con la sentenza n. 1814/08(4) la S.C. ha evidenziato come il rapporto tra le norme di cui agli artt. 600 ter e 600 quater c.p. si risolva nella clausola di riserva espressa inserita nell’art. 600 quater c.1 c.p..
La detenzione del materiale pedopornografico prodotto costituisce un post factum alla produzione del medesimo materiale. La condotta di un soggetto che ha realizzato quanto p. e p. ex art. 600 ter c.p. non è altresì penalmente sanzionabile per la detenzione del materiale.
Per quanto concerne il reato previsto dall'art. 600 quater c.p. viene ribadito dalla S.C. che i comportamenti penalmente rilevanti sono rappresentati dalla condotta di chi si procura e di chi detiene materiale pedornografico(5).
Il conflitto tra le due norme è superato in favore dell’applicazione della norma più grave.
“La Corte osserva come il Legislatore abbia inteso punire la detenzione del materiale pornografico che costituisce l'ultimo anello di una catena di variegate condotte antigiuridiche, di lesività decrescente, iniziate con la produzione dello stesso e proseguita con la sua commercializzazione, cessione, diffusione ecc.”.


(1)Il termine pedofilia rimanda a una definizione utilizzata in ambito clinico. La pedofilia diventa un crimine nel momento in cui il pedofilo diviene child sex offender, trasformando la sua attrazione verso i bambini in vere e proprie molestie.

(2) Per una completa trattazione cfr. Marco Strano Abusi sui minori: manuale investigativo- child abuse investigation handbook, 2006.

(3) Cfr. Cass. S.U. n. 216337/00.

(4) In relazione alla sentenza della Corte di Appello di Torino che aveva ritenuto Tizio, organizzatore di sfilate e manifestazioni mondane, in contatto con numerose minorenni fotografate anche in atteggiamenti di evidente valenza sessuale, responsabile dei reati previsti dagli artt. 81 cpv, 609 quater, 600 ter, 600 quater c.p., la S.C. con la sentenza n. 1814/08, ha annullato senza rinvio l’impugnata sentenza, limitatamente al reato di cui all’art. 600 quater c.p., perchè il fatto non è previsto dalla legge come reato.

(5) Per quanto diversamente attiene alla condotta della semplice visione del materiale pedopornografico ci si riporta a quanto esposto in http://www.overlex.com/leggiarticolo.asp?id=1328


Avv. Veronica Ribbeni ^ Vai all' inizio


Articoli correlati

Articoli su Overlex per l'argomento: penale

» Tutti gli articoli su overlex in tema di penale

Siti di interesse per l'argomento: penale





Concorso miglior articolo giuridico pubblicato su Overlex
Clicca qui
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading