Stupefacenti e sostanze psicotrope: i controlli e le ispezioni, di cui all’art. 103 del D.P.R. 9 ottobre 1990 n. 309
Condividi su Facebook | Discuti nel forum | Consiglia | Scrivi all'autore | Errore |

Articolo del 27/05/2008 Autore Avv. Alessandro Amaolo Altri articoli dell'autore


Stupefacenti e sostanze psicotrope: i controlli e le ispezioni, di cui all’art. 103 del D.P.R. 9 ottobre 1990 n. 309

All’interno del D.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309, l’articolo 103 attribuisce alla polizia giudiziaria degli ulteriori ed incisivi poteri di controllo, di ispezione e di perquisizione. In estrema sintesi, si deve rilevare che i controlli e le ispezioni di cui al comma due del predetto articolo si esplicano nel fermo dei mezzi di trasporto e/o dei bagagli, così come nell’osservazione immediata e diretta, da parte degli operanti, degli effetti personali ivi rinvenuti, per scoprire l’eventuale presenza di droga. Inoltre, alle operazione possono procedere sia gli ufficiali di polizia giudiziaria che gli agenti; questi ultimi devono immediatamente consegnare brevi manu alla persona oppure alle persone interessate una copia del verbali che hanno redatto durante le predette operazioni di ispezione e di controllo.
Il terzo comma dell’art. 103 D.P.R. n. 309/90 legittima la polizia giudiziaria a svolgere una perquisizione allorquando questa si renda  indispensabile e necessaria ai fini della repressione del traffico di stupefacenti e che, quindi, sussista il fondato motivo di ritenere che possano essere rinvenute sostanze stupefacenti o psicotrope. Più in dettaglio, nelle predette ipotesi devono essere sussistenti dei motivi di particolare necessità ed urgenza che non consentano di richiedere l’autorizzazione telefonica del magistrato territorialmente competente.
Tuttavia, l’attività di polizia giudiziaria disciplinata dall’art. 103 del T.U. delle leggi in materia di stupefacenti non concreta una formale perquisizione ai sensi e per gli effetti dell’art. 352 c.p.p., in quanto si differenzia(1) da quest’ultima sia per la natura e la qualità dell’intervento (definito legislativamente di controllo ed ispezione) che per la sua specifica funzione. Infatti, mentre la perquisizione e l’ispezione previste dal codice di procedura penale presuppongono sempre la commissione di un reato, i poteri che vengono attribuiti alla polizia giudiziaria dal predetto art. 103 D.P.R. n. 309/90 sono finalizzati anche ad un’attività di carattere preventivo(2), oltre che repressivo, ed hanno per oggetto un ambito maggiore (in tal senso si veda Cass. pen., sezione VI, sentenza 4 giugno 1996, n. 5547, Cassazione Penale, sezione IV, sentenza 5 gennaio 2006, n. 150 e Cassazione Penale, sezione  IV, sentenza  24  gennaio 2007, n. 2517).
In conclusione, per completezza espositiva, si osserva che in relazione all’argomento in oggetto la Suprema Corte ha affermato che: “In materia di ispezione personale, l’accertamento radiografico è una delle legittime modalità di esecuzione a cui può farsi ricorso coattivamente, purché sia eseguito per mezzo di personale medico specialistico nel rispetto delle corrette metodologie tecniche, non rilevando che il controllo sia esteso all’interno del corpo umano”. La predetta massima giurisprudenziale, Cassazione Penale, sezione  IV, sentenza  17 febbraio 2006, n. 6284 si riferisce ad un caso in cui la Suprema Corte ha ritenuto come del tutto legittimo l’accertamento radiografico disposto coattivamente dal personale di polizia giudiziaria della Guardia di Finanza, sotto previa autorizzazione del Pubblico Ministero, durante l’espletamento dei controlli previsti ai sensi e per gli effetti dell’articolo 103  D.P.R. n. 309 del 1990.

 

Si riporta in allegato il testo dell’art. 103 D.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309

Art. 103. (Legge 26 giugno 1990, n. 162, art. 25, comma 1). (Controlli ed ispezioni). 1. Al fine di assicurare l’osservanza delle disposizioni previste dal presente testo unico, gli ufficiali e sottufficiali della Guardia di finanza possono svolgere negli spazi doganali le facoltà di visita, ispezione e controllo previste dagli artt. 19 e 20 del testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale, approvato con D.P.R. 23 gennaio 1973, n. 43, fermo restando il disposto di cui all’art. 2, comma 1, lettera o), della Legge 10 ottobre 1989, n. 349.
2. Oltre a quanto previsto dal comma 1, gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria, nel corso di operazioni di polizia per la prevenzione e la repressione del traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope, possono procedere in ogni luogo al controllo e all’ispezione dei mezzi di trasporto, dei bagagli e degli effetti personali, quando hanno fondato motivo di ritenere che possano essere rinvenute sostanze stupefacenti o psicotrope. Dell’esito dei controlli e delle ispezioni è redatto processo verbale in appositi moduli, trasmessi entro quarantotto ore al procuratore della Repubblica il quale, se ne ricorrono i presupposti, li convalida entro le successive quarantotto ore. Ai fini dell’applicazione del presente comma, saranno emanate, con decreto del Ministro dell’interno, di concerto con i Ministri della difesa e delle finanze, le opportune norme di coordinamento nel rispetto delle competenze istituzionali.
3. Gli ufficiali di polizia giudiziaria, quando ricorrono motivi di particolare necessità ed urgenza che non consentano di richiedere l’autorizzazione telefonica del magistrato competente, possono altresì procedere a perquisizioni dandone notizia, senza ritardo e comunque entro quarantotto ore, al procuratore della Repubblica il quale, se ne ricorrono i presupposti, le convalida entro le successive quarantotto ore.
4. Gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria che hanno proceduto al controllo, alle ispezioni e alle perquisizioni ai sensi dei commi 2 e 3, sono tenuti a rilasciare immediatamente all’interessato copia del verbale di esito dell’atto compiuto.


(1) La perquisizione prevista dall’art. 103 D.P.R. 9 ottobre 1990 n. 309  (Testo Unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope) si differenzia da quella prevista dal codice di rito penale perché, diversamente da quest’ultima, non presuppone necessariamente una preesistente notizia di reato e non è quindi funzionale alla ricerca e all’acquisizione della prova di un reato di cui consti già l’esistenza, ma può rientrare anche in un’attività di carattere preventivo e comunque collocata in ambito più ampio di quella di polizia giudiziaria. Ne consegue che essa non comporta l’automatica attribuzione della qualità di indagato alla persona nei cui confronti è eseguita, con le relative conseguenze sul piano processuale e, in particolare, su quello del diritto di difesa. Cassazione  penale,  sezione  VI,  sentenza  5  giugno  2003, n. 24621

(2) In materia di stupefacenti, mentre l’ispezione e la perquisizione previste dal codice di procedura penale presuppongono sempre la commissione di un reato, i poteri concessi alla polizia giudiziaria dall’art. 103 del D.P.R. 9 ottobre 1990 n. 309, hanno un ambito più ampio, essendo subordinati solo alla sussistenza del  “fondato motivo di ritenere che possano essere rinvenute sostanze stupefacenti o psicotrope”. In questa prospettiva, deve ritenersi legittimo che la polizia giudiziaria, dopo l’esito negativo di una perquisizione personale, sussistendo il fondato motivo che il soggetto detenga all’interno del proprio corpo ovuli contenenti sostanza stupefacente, lo sottoponga, previa autorizzazione del  Pubblico Ministero, ad esame radiologico, trattandosi di attività diretta non soltanto all’accertamento del reato (nella specie, verificatosi per l’avvenuto rinvenimento degli ovuli, poi fatti espellere in ospedale, sotto il controllo del medico, mediante la somministrazione di lassativi), ma anche alla tutela del diritto alla salute del soggetto. Cassazione  penale,  sezione   VI,  sentenza   22  settembre  2005,  n. 33988


Avv. Alessandro Amaolo
Avvocato

www.avvocatoamaolo.com
^ Vai all' inizio


Articoli correlati

Articoli su Overlex per l'argomento: penale

» Tutti gli articoli su overlex in tema di penale

Siti di interesse per l'argomento: penale





Concorso miglior articolo giuridico pubblicato su Overlex
Clicca qui
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading