collegio sindacale e riforma del diritto societario
Condividi su Facebook | Discuti nel forum | Consiglia | Scrivi all'autore | Errore |

Articolo del 03/06/2005 Autore Redazione Altri articoli dell'autore


Il collegio sindacale e la riforma del diritto societario (5)

Il controllo contabile nelle Spa e nelle Sapa

Il controllo contabile nel modello di gestione ordinario
Nelle società per azioni il controllo contabile può essere esercitato da persone fisiche o da società di revisione che, in ogni caso, dovranno essere iscritte nel Registro dei revisori contabili.
L'incarico del controllo contabile è conferito dall'assemblea, solo dopo aver sentito però il parere del collegio sindacale (articolo 2409-quater).
Nelle società che fanno ricorso al mercato del capitale di rischio il controllo contabile dovrà essere delegato a una società di revisione iscritta nel Registro dei revisori contabili, la quale dovrà attenersi alla disciplina dell'attività di revisione e alla vigilanza.

I principali compiti del revisore o della società incaricata del controllo contabile sono i seguenti:

* verifica, nel corso dell'esercizio e con periodicità almeno trimestrale, della regolare tenuta della contabilità sociale e della corretta rilevazione nelle scritture contabili dei fatti di gestione
* verifica della corrispondenza del bilancio di esercizio e, ove redatto, del bilancio consolidato alle risultanze delle scritture contabili e degli accertamenti eseguiti e della conformità alle norme che li disciplinano
* redazione di una relazione nella quale esprime il suo giudizio sul bilancio di esercizio e sul bilancio consolidato, ove redatto.

Le società che non fanno ricorso al mercato del capitale di rischio e che non sono tenute alla redazione del bilancio consolidato potranno invece delegare il controllo contabile al collegio sindacale che, in tal caso, dovrà essere integralmente costituito da soggetti iscritti nel Registro dei revisori contabili.
Si possono pertanto verificare le seguenti alternative:

* nel caso in cui si scelga di affiancare ai sindaci un revisore esterno, nessun controllo di tipo contabile viene richiesto al collegio sindacale, essendo questo delegato al revisore esterno, anche se entrambi gli organi di vigilanza (ovvero, il collegio sindacale e il revisore dei conti) dovranno provvedere a scambiarsi con continuità e tempestività le informazioni rilevanti per l'espletamento dei rispettivi compiti
* nel caso in cui la società decida di omettere la nomina di un revisore esterno, anche i controlli sulla contabilità (così come peraltro avveniva ante riforma) rimarranno attribuiti al collegio sindacale.

Si fa rilevare, tuttavia, che tale possibilità rimarrà solo nell'ambito delle società chiuse che non hanno l'obbligo di redigere il bilancio consolidato e dovrà essere espressamente prevista nell'ambito dello statuto sociale.

Il controllo contabile nel modello di gestione dualistico
Tutte le società che adottano il sistema dualistico sono assoggettate al controllo contabile esterno. Esso potrà essere svolto da una persona fisica nelle società che non ricorrono al mercato del capitale di rischio oppure da una società di revisione nel caso di società quotate in mercati regolamentati.
Sia il revisore persona fisica sia la società di revisione devono essere iscritti nel Registro istituito presso il ministero della Giustizia.

Il controllo contabile nel modello monistico
Tutte le società che adottano il sistema monistico sono assoggettate al controllo contabile esterno. Esso potrà essere svolto da una persona fisica nelle società che non ricorrono al mercato del capitale di rischio, altrimenti da una società di revisione per le società quotate in mercati regolamentati.
In ogni caso, sia il revisore persona fisica sia la società di revisione devono essere iscritti nel Registro istituito presso il ministero della Giustizia.

Il controllo contabile nelle Società in accomandita per azioni
In materia di controllo, nelle società in accomandita per azioni, per espresso rimando dell'articolo 2454 del codice civile alle norme relative alle società per azioni, possono essere adottate le scelte già viste in precedenza per le società per azioni.
A norma dell'articolo 2459 del codice civile, nelle società in accomandita per azioni i soci accomandatari non hanno diritto di voto nelle deliberazioni dell'assemblea che concernono la nomina e la revoca dei sindaci ovvero dei componenti del consiglio di sorveglianza e l'eventuale esercizio dell'azione di responsabilità.


5 - continua. La sesta puntata su FISCOoggi di venerdì 3 giugno

Rosanna Acierno

Fonte: Rosanna Acierno WWW.FISCOOGGI.IT


Redazione
www.overlex.com
^ Vai all' inizio


Articoli correlati

Articoli su Overlex per l'argomento: societa

» Tutti gli articoli su overlex in tema di societa

Siti di interesse per l'argomento: societa





Concorso miglior articolo giuridico pubblicato su Overlex
Clicca qui
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading