Finanziaria 2008: i mutui ipotecari
Condividi su Facebook | Discuti nel forum | Consiglia | Scrivi all'autore | Errore |

Articolo del 22/02/2008 Autore Dott.ssa Vanessa Fedeli Altri articoli dell'autore


Nelle ultime settimane, troppo spesso sono stati trasmessi e/o pubblicati messaggi pubblicitari da parte di Istituti di credito con l’offerta di mutui che danno la possibilità di sospendere il pagamento delle rate, specificando che si tratta di “concessione soggetta ad approvazione del singolo Istituto di credito”.

Consumatore attento!

E’ la Legge Finanziaria approvata dal Parlamento per il 2008 che concede la citata possibilità di sospendere il pagamento alle condizioni e nei limiti indicati nella stessa legge [cfr. punto B che segue]. Nulla vieta poi alla singola banca di prevedere ipotesi ulteriori o migliori a vantaggio del singolo.

Vero è che, ancora una volta, il legislatore ha “combinato” in una stessa legge composta da soli tre articoli, i più svariati argomenti, tale da rendere difficile l’individuazione della singola norma; ma è pur vero che ciò non esonera dall’esame delle singole norme.

In particolare, per l’argomento che qui interessa, si rilevano due punti:

A] DECRETO BERSANI-BIS [http://www.overlex.com/leggiarticolo.asp?id=1276]

L’art. 2 comma 450 L. 244/07 (Finanziaria 2008) ha specificato l’ambito di applicazione della disciplina sull’estinzione anticipata dei mutui ipotecari e sul procedimento di cancellazione delle ipoteche di cui al d.l. 7/07 convertito con modificazioni in L. 40/07. [Le parti aggiunte sono indicate con carattere maiuscolo]

ESTINZIONE ANTICIPATA MUTUI – DIVIETO DI CLAUSOLE PENALI – ART. 7 D.L. 7/07 comma 1:

“E’ nullo qualunque patto, anche posteriore alla conclusione del contratto, ivi incluse le clausole penali, con cui si convenga che il mutuatario, che richieda l’estinzione anticipata o parziale di un contratto di mutuo STIPULATO O ACCOLLATO A SEGUITO DI FRAZIONAMENTO, ANCHE AI SENSI DEL D.LGS. 20 GIUGNO 2005 N. 122 (Tutela degli acquirenti di immobili da costruire) per l’acquisto o per la ristrutturazione di unità immobiliari adibite ad abitazione ovvero allo svolgimento della propria attività economica o professionale da parte di persone fisiche, sia tenuto ad una determinata prestazione a favore del soggetto mutuante.”

PROCEDIMENTO DI CANCELLAZIONE DELL’IPOTECA – ART. 13 D.L. 7/07 comma 8-sexies:

“Ai fini di cui all’articolo 2878 c.c. ed in deroga all’art. 2847 c.c., se il creditore è soggetto esercente attività bancaria o finanziaria, l’ipoteca iscritta a garanzia di obbligazioni derivanti da contratto di mutuo STIPULATO O ACCOLLATO A SEGUITO DI FRAZIONAMENTO, ANCHE AI SENSI DEL D.LGS. 20 GIUGNO 2005 N. 122 (Tutela degli acquirenti di immobili da costruire), ANCHE SE ANNOTATA SU TITOLI CAMBIARI, alla data di avvenuta estinzione dell’obbligazione garantita.”

B] POSSIBILITA’ DI RICHIEDERE LA SOSPENSIONE DEL PAGAMENTO DELLE RATE DEL MUTUO.

L’art. 2 commi da 475 a480 L. 244/07 (Finanziaria 2008) istituisce presso il Ministero dell’economia e delle finanze il Fondo di solidarietà per i mutui per l’acquisto della prima casa. A tale fondo ricorreranno gli intermediari bancari o finanziari che hanno stipulato contratti di mutuo, quando il mutuatario si avvale della facoltà di richiedere la sospensione del pagamento delle rate del mutuo stesso, per coprire i costi bancari e notarili necessari per tale sospensione.

In merito a tale sospensione si precisa che: il mutuatario “può chiedere la sospensione del pagamento delle rate per non più di due volte e per un periodo massimo complessivo non superiore a diciotto mesi nel corso dell’esecuzione del contratto. In tal caso, la durata del contratto di mutuo e quella delle garanzie per esso prestate è prorogata di un periodo eguale alla durata della sospensione. Al termine della sospensione, il pagamento delle rate riprende secondo gli importi e con la periodicità originariamente previsti dal contratto, salvo diverso patto eventualmente intervenuto frale parti per la rinegoziazione delle condizioni del contratto medesimo.”

Limiti alla facoltà di richiedere la sospensione sopra citata:

- non può essere chiesta se è già iniziato il procedimento esecutivo per l’escussione delle garanzie (comma 477);

- il mutuatario deve dimostrare di non essere in grado di provvedere al pagamento delle rate di mutuo, per le quali chiede la sospensione e degli oneri bancari e notarili conseguenti (le modalità con le quali il mutuatario può dimostrare di non poter pagare saranno indicate con regolamento adottato dal Min. dell’Economia e delle Finanze di concerto con il Min. della Solidarietà Sociale).


Dott.ssa Vanessa Fedeli
Patrocinante legale
^ Vai all' inizio


Articoli correlati

Articoli su Overlex per l'argomento: finanziaria

» Tutti gli articoli su overlex in tema di finanziaria

Siti di interesse per l'argomento: finanziaria





Concorso miglior articolo giuridico pubblicato su Overlex
Clicca qui
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading