Risoluzione per inadempimento: alcune brevi considerazioni
Condividi su Facebook | Discuti nel forum | Consiglia | Scrivi all'autore | Errore |

Articolo del 03/12/2007 Autore Avv. Alessandro Amaolo Altri articoli dell'autore


L’inadempimento contrattuale di una obbligazione ricorreogni qual volta, in violazione di un preciso obbligo giuridico, il debitore non ha soddisfatto, nel modo o nel tempo dovuti, l’interesse del creditore. In questo contesto si colloca l’istituto giuridico della risoluzione1 per inadempimento, inserito dal legislatore del 1942 nell’articolo 1453 del codice civile che, tuttavia, non è applicabile per tutti i contratti. Infatti, l’istituto de quo è esperibilesoltanto per una particolare categoria di essi ovvero per i contratti a prestazioni corrispettive2 (ocontratti“sinallagmatici”), siano essi tipici o atipici (innominati). Pertanto, ciò che giustifica la parte a richiedere ed ottenere la risoluzione del contratto per inadempimento è lo squilibrio del sinallagmacontrattuale che è il legame reciproco che unisce la prestazione con la controprestazione.Ai fini dell’applicabilità della disciplina inerente alla risoluzione per inadempimento non è necessario che si tratti di un contratto con effetti esclusivamente obbligatori.

L’effetto giuridico della risoluzione è quello di sciogliere e, quindi, di far caducare il rapporto obbligatorio fra le parti contraenti, di regola con effetto retroattivo e, di conseguenza, con efficacia ex tunc fra le parti. Invece, la risoluzione nei contratti ad esecuzione continuata o periodica non estende i propri effetti giuridici alle prestazioni in precedenza eseguite e, quindi, ha efficacia ex nunc.

La domanda di risoluzione, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 1453 secondo comma codice civile, può essere domandata anche quando il giudizio è stato promosso per ottenere l’adempimento. Tuttavia, il secondo comma del sopraccitato articolo aggiunge che non può chiedersi l’adempimento quando è stata domandata la risoluzione.

In sintesi, in base all’articolo 1453, commi secondo e terzo, codice civile la domanda di risoluzione è munita anche di un effetto preclusivo. Infatti, a tal proposito, “dalla data della proposizione della domanda di risoluzione la parte inadempiente non può più adempiere la propria obbligazione”.

In sostanza, la risoluzione per inadempimento si verifica tutte le volte in cui l’obbligazione che vincola il debitore non è da quest’ultimo adempiuta. Inoltre, l’articolo 1453, comma 1°, codice civile concede alla parte adempiente il diritto di agire in giudizio per richiedere al giudice il risarcimento3 dei danni dalla parte inadempiente (il risarcimento4 si riferisce al c.d.“interesse positivo”). La domanda di risarcimento dei danni per inadempimento contrattuale può essere proposta congiuntamente o separatamente da quella di risoluzione, giacchè l’art. 1453 codice civile, facendo salvo in ogni caso il risarcimento del danno, esclude che l’azione risarcitoria presupponga il necessario esperimento dell’azione di risoluzione del contratto o, a maggior ragione, il suo accoglimento. Cassazionecivile,sezioneI,sentenza 27 ottobre 2006, n. 23273

La risoluzione per inadempimento, pur essendo una regola generale, può essere derogata, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 14555 codice civile, alla specifica condizione che“l’inadempimento di una delle parti contrattuali abbia scarsa importanza6, avuto riguardo all’interesse dell’altra”.

Inoltre, la giurisprudenza afferma che la risoluzione giudiziale del vincolo contrattuale perinadempimento non può essere pronunciata dal giudice qualora le inadempienze siano equivalenti fra i contraenti. Di conseguenza, gli inadempimenti reciproci non sono il presupposto per la risoluzione del contratto a meno che un singolo inadempimento prevalga sull’altro.

I criteri per valutare l’importanza dell’inadempimento sono due e, precisamente, uno di carattere oggettivo, l’altro di carattere soggettivo7.

In estrema sintesi, si può ragionevolmente affermare che la risoluzione8 del contratto è una reazione accordata dall’ordinamento giuridico nei confronti di un turbamento dell’equilibrio sinallagmatico.

Di particolare importanza è la differenza tra il ritardo nell’adempimento e l’inadempimento definitivo. La prima situazione è ancora recuperabile e deve, quindi, necessariamente svilupparsi per sfociare nella prestazione di quanto dovuto oppure nell’inadempimento. Al contrario l’inadempimento definitivo preclude al debitore la concreta possibilità di adempiere il contratto. Più in dettaglio, per aversi inadempimento definitivo, l’articolo 1453 codice civile postula che l’inadempienza sia realmente sussistente, colposa e grave, così da giustificare la risoluzione del contratto.

Inoltre, in tema di prova9 dell’inadempimento di una obbligazione, il creditore che agisce per la risoluzione del contratto, per il risarcimento del danno oppure per l’esatto adempimento della prestazione dedotta nel regolamento negoziale, deve unicamente provare iuris et de iure la fonte del suo diritto ed il relativo termine di scadenza. Più in dettaglio si deve limitare alla semplice allegazione della circostanza dell’inadempimento della controparte. Invece, il debitore-convenuto è gravato dall’onere della prova del fatto di avere eseguito in modo satisfattivo l’altrui pretesa ovvero di avere“compiuto” la prestazione dedotta in contratto e, quindi, l’oggetto dell’obbligazione.

Infine, il termine prescrizionale della risoluzione per inadempimento è quello ordinario di dieci anni, poiché non risulta normativamente espresso un diverso termine speciale (si veda l’articolo 2946 codice civile). Più in dettaglio, la fissazione del dies a quo10 per il suddetto termine viene calcolata con il decorso del tempo dal momento dell’inadempimento.

In conclusione, si deve affermare anche che la proposizione della domanda di risoluzione del contratto per inadempimento non possiede un’efficacia limitata alle sole parti contrattuali, ma è in grado di dispiegare degli effetti anche nei confronti dei terzi.

Avv. Alessandro Amaolo
www.avvocatoamaolo.com


Note

1 Ai fini della risoluzione del contratto di leasing per mutuo dissenso, non è richiesta la forma scritta ad substantiam essendo pertanto al riguardo idonea qualsiasi forma, anche quella tacita. Cassazionecivile,sezioneIII,sentenza27novembre2006, n. 25126

2 Ai fini della risoluzione dei contratti con prestazioni corrispettive a norma dell’art. 1453 codice civile, non basta accertare l’esistenza del fatto oggettivo del mancato o tardivo adempimento, ma occorre, altresì, accertare che l’inadempimento sia imputabile quanto meno a titolo di colpa. Cassazionecivile, sezioneII,sentenza22maggio1986, n.3408

3 In ipotesi di inadempimento contrattuale, la parte non inadempiente ha diritto al ristoro di tutti i pregiudizi subiti a causadella condotta della controparte inadempiente, compreso il rimborso delle spese affrontate in vista del proprio adempimento e, specificamente, ove il contratto in questione sia costituito da un preliminare avente ad oggetto il trasferimento di una cosa determinata, gli esborsi sostenuti per la realizzazione di quest’ultima o, comunque, finalizzati a renderla conforme all’oggetto delle pattuizioni contrattuali. Cassazionecivile,sezioneII,sentenza31agosto2005, n. 17652

4 In tema di inadempimento contrattuale il risarcimento riveste natura e svolge funzione sostitutiva della prestazione mancata e gli effetti della situazione pregiudizievole permangono sino a quando il danno sia risarcito, ossia fino alla data della sentenza se la riparazione sia stata richiesta al giudice, cosicché il pregiudizio derivante dalla mancata acquisizione di un bene deve essere risarcito con la prestazione del suo equivalente in danaro, determinato con riferimento al momento in cui avviene la liquidazione e non a quello in cui si realizza la violazione contrattuale. Cassazionecivile,sezioneII,sentenza29aprile2003,n.6651

5 L’adempimentocontrattualechesi verifichidopo la proposizione della domanda di risoluzione del contratto non vale di per sé ad arrestare gli effetti di tale domanda, ma deve essere preso in esame dal giudice perché valuti l’importanza dell’inadempimento stesso, potendo costituire circostanza decisiva a rendere l’inadempimento di scarsa importanza, precludendo la possibilità di risolvere il contratto. Cassazionecivile,sezioneIII,sentenza1giugno2004, n. 10490

6 Nelcontrattodiappalto, qualoradebbanoessererealizzate operecontenenti cemento armato, l’obbligo di denunciare all’ufficio del Genio civile competente per territorio le relative opere corredate dai calcoli, grava sull’appaltatore, ai sensi dell’art. 4 della legge n. 1086 del 1971, e non sul committente; ne consegue che costituisce inadempimento di non scarsa importanza, ai fini dell’accoglimento dell’azione di risoluzione contrattuale, il comportamento dell’appaltatore, che inizi i lavori relativi alle opere in cemento armato senza aver provveduto al previo deposito dei calcoli presso il Genio civile e senza fornire alcuna apprezzabile giustificazione in proposito. Cassazionecivile,sezioneII,sentenza27febbraio 2007, n. 4433

7 In tema di prova dell’inadempimento di una obbligazione intellettuale, grava sul professionista la dimostrazione dell’adempimento o dell’esatto adempimento della prestazione, sia sotto il profilo dell’obbligo di diligenza e perizia, sia della conformità quantitativa o qualitativa dei risultati che ne sono derivati, mentre sono a carico del committente l’onere di allegazione dell’inadempimento o dell’inesatto adempimento e la dimostrazione del pregiudizio subito ed il nesso causale tra tale pregiudizio e l’attività del professionista. (Nellaspecie, relativa a una richiesta di compenso per prestazione odontoiatrica, la Suprema Corte ha cassato la sentenza di merito che, nell’accogliere la domanda del medico, aveva posto a carico del cliente soccombente la omessa dimostrazione dell’esistenza di ineliminabili vizi e difformità della protesi oggetto della prestazione e in particolare la mancata contestazione dei vizi mediante un accertamento peritale, considerando irrilevanti le testimonianze addotte per dimostrare le ulcerazioni e i gonfiori alle gengive causate al paziente dall’impianto della protesi). Cassazionecivile,sezioneII,sentenza31luglio2006, n. 17306

8 L’accertamento della risoluzione del contratto per mutuo dissenso costituisce apprezzamento di fatto del giudice di merito, non censurabile in sede di legittimità in presenza di congrua motivazione. Cassazionecivile,sezioneIII, sentenza27novembre2006, n. 25126

9 Intemadi prova dell’inadempimento di una obbligazione, il creditore che agisca per la risoluzione contrattuale, per il risarcimento del danno ovvero per l’adempimento, deve soltanto provare la fonte (negoziale o legale) del suo diritto ed il relativo termine di scadenza, limitandosi alla mera allegazione della circostanza dell’inadempimento della controparte, mentre il debitore convenuto è gravato dall’onere della prova del fatto estintivo dell’altrui pretesa, costituito dall’avvenuto“compimento”della prestazione. TribunalecivilediLodi,sentenza23luglio2006, n. 440

10 In tema di risoluzione del contratto per inadempimento, mentre con l’azione di adempimento la parte chiede la prestazione dovutale, in base all’accordo concluso con il soggetto divenuto inadempiente, con quella di risoluzione chiede lo scioglimento del rapporto; pur presentando diversità di petitum, entrambe dette azioni sono dirette alla tutela del medesimo diritto alla prestazione, con la conseguenza che la proposizione della domanda di adempimento ha effetto interruttivo della prescrizione anche con riferimento al diritto di chiedere la risoluzione del contratto, il quale potrà essere esercitato fino a quando il termine prescrizionale non sarà nuovamente decorso per intero. Cassazionecivile,sezioniunite,sentenza10aprile1995, n. 4126


Avv. Alessandro Amaolo
Avvocato

www.avvocatoamaolo.com
^ Vai all' inizio


Articoli correlati

Articoli su Overlex per l'argomento: penale

» Tutti gli articoli su overlex in tema di penale

Siti di interesse per l'argomento: penale





Concorso miglior articolo giuridico pubblicato su Overlex
Clicca qui
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading