Cancellazione ipoteca mutui immobiliari: semplificato il procedimento
Condividi su Facebook | Discuti nel forum | Consiglia | Scrivi all'autore | Errore |

Articolo del 04/06/2007 Autore Avv. Annamaria Martinelli Altri articoli dell'autore


L'art. 13, commi 8-sexies e segg., del d.l. 7/2007 convertito con modificazioni nella legge 40/2007 ha previsto che, se il creditore è un soggetto autorizzato ad esercitare attività bancaria o finanziaria, l'ipoteca iscritta a garanzia di obbligazioni derivanti da contratto di mutuo si estingue automaticamente alla data di avvenuta estinzione dell'obbligazione garantita.

Il mutuante deve, entro 30 giorni dall'estinzione del mutuo, darne comunicazione direttamente alla conservatoria, che deve procedere d'ufficio all'immediata (il giorno successivo) cancellazione dell'ipoteca.

Il decreto prevede che l'ipoteca venga cancellata senza alcun onere per il debitore.

L'estinzione avviene ex lege e le successive comunicazioni sono necessarie solo per le annotazioni nei registri.

L'Agenzia del Territorio ha emanato due provvedimenti, rispettivamente del 23 e del 25 maggio, al fine di individuare le procedure per rendere operativo il disposto legislativo.

Con il decreto interdirigenziale del 23 maggio è stato istituto, presso il servizio di pubblicità immobiliare degli Uffici dell'Agenzia del Territorio, il registro delle comunicazioni attestanti la data di estinzione dell'obbligazione.

Con il secondo provvedimento sono disciplinate le modalità di trasmissione della comunicazione, in modo da garantire la provenienza della comunicazione dal creditore o da soggetti da questi addetti o preposti a qualsiasi titolo.

Il nuovo procedimento “semplificato” di cancellazione delle ipoteche concesse a garanzia di mutui fondiari parte dal 2 giugno 2007. Fino al 4 luglio 2007 le comunicazioni potranno essere inviate in modalità cartacea. Dal 5 luglio le comunicazioni dovranno essere redatte su supporto informatico (con firma digitale). Dal 15 ottobre 2007 diventa facoltativa la trasmissione telematica della comunicazione, modalità che sarà obbligatoria da data da stabilirsi, entro il 30 settembre 2007, con provvedimento del direttore dell'Agenzia del territorio.

Il soggetto mutuante, all'estinzione dell'obbligazione, deve rilasciare al debitore apposita quietanza attestante la data di estinzione dell'obbligazione ed, entro 30 giorni, deve trasmettere al conservatore la relativa comunicazione, mediante il modello allegato al provvedimento dell'Agenzia del territorio del 25 maggio, senza alcun onere per il debitore.

Qualora ricorra un giustificato motivo ostativo, sempre entro il termine di 30 giorni, il creditore deve comunicare all'Agenzia del territorio e al debitore, con le modalità previste dal codice civile per la rinnovazione dell'ipoteca (tramite la presentazione di un'apposita nota), che l'ipoteca permane. In questo caso, la conservatoria, entro il giorno successivo al ricevimento della dichiarazione, procede all'annotazione in margine all'iscrizione dell'ipoteca.

La formalità di annotazione è soggetta al pagamento delle imposte ipotecarie in misura fissa, oltre alle tasse ipotecarie e all'imposto di bollo.

Il procedimento di cancellazione in oggetto è applicabile unicamente alle cancellazioni totali e non anche alle restrizioni di ipoteca.

Per i mutui già estinti prima della data di entrata in vigore del decreto legge e la cui ipoteca non sia stata ancora cancellata, il debitore deve richiedere apposita quietanza mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento. Entro 30 giorni dalla richiesta il mutuante deve inviare la comunicazione alla conservatoria mediante l'apposito modello.


Avv. Annamaria Martinelli ^ Vai all' inizio


Articoli correlati

Articoli su Overlex per l'argomento: finanza

» Tutti gli articoli su overlex in tema di finanza

Siti di interesse per l'argomento: finanza
www.teocollector.com | Borsa, finanza, trading




Concorso miglior articolo giuridico pubblicato su Overlex
Clicca qui
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading