Decreto Bersani Bis: Rottamazione autoveicoli - contributi
Condividi su Facebook | Discuti nel forum | Consiglia | Scrivi all'autore | Errore |

Articolo del 13/03/2007 Autore Avv. Emanuele Traversa Altri articoli dell'autore

Questo argomento fa parte dell'articolo:

" Decreto Bersani Bis: la seconda fase delle liberalizzazioni (indice) "


6. Rottamazione autoveicoli.

Il Bersani II contiene, all' art. 14 , alcune novità riguardo al contributo per la rottamazione dei veicoli.

Occorre premettere che, la Legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Finanziaria 2007) contiene due disposizioni normative volte all'attuazione del principio di salvaguardia ambientale. SI tratta in particolare dei commi 224 e 225 dell'articolo unico della Finanziaria, recanti, rispettivamente, un contributo ed un beneficio.

Segnatamente, il comma 224 prevede un contributo massimo di 80 euro , per tutti coloro che consegneranno ad un demolitore autoveicoli per il trasporto promiscuo, classificati come Euro 0 o Euro 1, nel periodo che va dal 1° gennaio 2007 al 31 dicembre 2007.

La somma a titolo di contributo statale viene anticipata dal centro autorizzato che effettua la rottamazione, il quale, a sua volta, la recupera come credito d'imposta da utilizzare in compensazione, a decorrere dal momento in cui viene richiesto al pubblico registro automobilistico (P.R.A.) l'originale del certificato di proprietà.

Il comma 225, della Legge n. 296 del 2007, prevede che coloro che abbiano effettuato la cd. rottamazione senza sostituzione, qualora non risultino intestatari di altri veicoli, possano richiedere «il totale rimborso dell'abbonamento al trasporto pubblico locale nell'ambito del comune di residenza e di domicilio, di durata pari ad una annualità».

Il D.L. n. 7 del 2007 estende, il contributo e il beneficio di cui sopra, anche alle autovetture immatricolate Euro 0 o Euro 1 (veicoli per il trasporto di persone), consegnate a un demolitore fra il 2 febbraio e il 31 dicembre 2007 . In tal modo viene sanata un'incongruenza contenuta nella Finanziaria 2007, che discriminava tra veicoli adibiti al trasporto promiscuo di persone e cose e veicoli adibiti al trasporto esclusivo di persone.

I due vantaggi non spettano in caso di acquisto di un altro veicolo nuovo, o usato, entro tre anni dalla data della rottamazione. Quindi, per poter usufruire del contributo e del beneficio, l'interessato non dovrà acquistare un altro veicolo, nuovo o usato, nei successivi tre anni dalla data della rottamazione.


Avv. Emanuele Traversa
Praticante legale
^ Vai all' inizio


Articoli correlati

Articoli su Overlex per l'argomento: circolazione stradale

» Tutti gli articoli su overlex in tema di circolazione stradale

Siti di interesse per l'argomento: circolazione stradale





Concorso miglior articolo giuridico pubblicato su Overlex
Clicca qui
logo del sito
Il Quotidiano giuridico on line ISSN 2280-613X


Loading